L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati

Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia

Più Popolare

Tra le categorie disagiate cui appartengo, quella cui sono più affezionata è quella di chi non ha fatto i compiti per tempo. Di chi cerca di studiare per l'interrogazione di geografia 10 minuti prima che cominci. Di chi vive nel terrore: ci muoviamo apparentemente disinvolti, ma a ogni angolo ci sono voragini di lacune che dobbiamo scansare con prontezza. Ci riconoscete perché, nei ristoranti, passiamo molto tempo chiusi in bagno, a cercare su Google qualcosa di cui stavano parlando i nostri commensali e su cui non vogliamo farci cogliere impreparati. In febbraio m'è comparsa su Facebook l'invettiva d'un professore di liceo.

Advertisement - Continue Reading Below

I suoi allievi avevano letto alcuni articoli su Sanremo e non ci avevano capito niente. Tra i riferimenti incompresi: «La marcia trionfale dell'Aida», «Attrice felliniana», «È la notte delle cover, fai attenzione (come direbbe Lucio Dalla)». Invece di trarne la conclusione d'aver fallito come insegnante, e che i suoi alunni fossero creature appena uscite dal Libro della giungla – ignare dell'esistenza di Verdi, di Fellini, di Dalla – il professore e i suoi commentatori ne desumevano che i giornalisti usassero riferimenti di nicchia. Sono stata liceale anch'io (un secolo fa): quando non capivo una cosa, me la andavo a cercare, proprio come faccio oggi. Solo che allora non c'era Google: le ricerche si facevano con le forbici e la colla (praticamente negli anni Ottanta vivevamo nelle grotte). Come diavolo è possibile, nel secolo in cui cliccando dal divano accedi alla più enorme biblioteca di tutti i tempi, che tutti non sappiano tutto, non s'incuriosiscano di tutto, non s'informino di tutto?

Più Popolare

Ogni volta che penso che i giovani d'oggi siano la peggior generazione di sempre, la vita mi punisce ricordandomi che la peggior generazione è la mia. Poche sere dopo, a una cena, un tizio della mia età commenta un'intervista di Sofia Viscardi. Sì, certo che so chi è, dico io, anche se non ho mai guardato i suoi video. Un'amica coetanea ci guarda con la vivacità intellettuale d'una triglia: non l'ha mai sentita nominare.

Quando le chiedo se viva su Marte, mi dà una delle due risposte che danno le persone prive di curiosità: «Mica si può sapere tutto» (l'altra è che però loro sanno la formazione dell'Avellino nel campionato '78-'79, o i nomi di certi pesci che si trovano solo in un certo atollo dell'Oceano Indiano). Poco dopo, guardando il telefono, lei dice: «Uh! È morto Jannis Kounellis!»; lui mi guarda smarrito: «Chi è?». Corro in bagno, ma su Google non c'è «come mediare tra una che non conosce le youtuber per adolescenti e uno che non conosce l'arte contemporanea». Qualche sera dopo, altra cena con altra coetanea. Racconto della secondo me esilarante incomunicabilità tra i due soggetti. La mia commensale però non ride: non ha mai sentito nominare Kounellis né Viscardi. Provo con altri argomenti. Ricky Gervais? Alexander McQueen? I bastardi di Pizzofalcone? Macché, buio. Annaspo, e lei magnanima: «Però conosco certi sentieri nascosti sull'Himalaya». Suggerisco che grazie alle tecnologie moderne è comodo, nonché utile per la civiltà della conversazione, sapere anche qualcosina del mondo in cui si abita; lei risponde serena: «Mi scoccio a cercare». Al solito, nel bagno del ristorante ci finisco io. A googlare i sentieri dell'Himalaya.

More from Gioia!:
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Harvey Weinstein, l'orco è nudo
Non più intoccabile, il molestatore delle dive ci obbliga a una riflessione, e a emanciparci dal ruolo di vittime perfette
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento