L'arte (digitale) di non farsi cogliere impreparati

Quando penso che i giovani siano la peggior generazione, la vita mi punisce ricordandomi che la peggiore è la mia

Più Popolare

Tra le categorie disagiate cui appartengo, quella cui sono più affezionata è quella di chi non ha fatto i compiti per tempo. Di chi cerca di studiare per l'interrogazione di geografia 10 minuti prima che cominci. Di chi vive nel terrore: ci muoviamo apparentemente disinvolti, ma a ogni angolo ci sono voragini di lacune che dobbiamo scansare con prontezza. Ci riconoscete perché, nei ristoranti, passiamo molto tempo chiusi in bagno, a cercare su Google qualcosa di cui stavano parlando i nostri commensali e su cui non vogliamo farci cogliere impreparati. In febbraio m'è comparsa su Facebook l'invettiva d'un professore di liceo.

Advertisement - Continue Reading Below

I suoi allievi avevano letto alcuni articoli su Sanremo e non ci avevano capito niente. Tra i riferimenti incompresi: «La marcia trionfale dell'Aida», «Attrice felliniana», «È la notte delle cover, fai attenzione (come direbbe Lucio Dalla)». Invece di trarne la conclusione d'aver fallito come insegnante, e che i suoi alunni fossero creature appena uscite dal Libro della giungla – ignare dell'esistenza di Verdi, di Fellini, di Dalla – il professore e i suoi commentatori ne desumevano che i giornalisti usassero riferimenti di nicchia. Sono stata liceale anch'io (un secolo fa): quando non capivo una cosa, me la andavo a cercare, proprio come faccio oggi. Solo che allora non c'era Google: le ricerche si facevano con le forbici e la colla (praticamente negli anni Ottanta vivevamo nelle grotte). Come diavolo è possibile, nel secolo in cui cliccando dal divano accedi alla più enorme biblioteca di tutti i tempi, che tutti non sappiano tutto, non s'incuriosiscano di tutto, non s'informino di tutto?

Più Popolare

Ogni volta che penso che i giovani d'oggi siano la peggior generazione di sempre, la vita mi punisce ricordandomi che la peggior generazione è la mia. Poche sere dopo, a una cena, un tizio della mia età commenta un'intervista di Sofia Viscardi. Sì, certo che so chi è, dico io, anche se non ho mai guardato i suoi video. Un'amica coetanea ci guarda con la vivacità intellettuale d'una triglia: non l'ha mai sentita nominare.

Quando le chiedo se viva su Marte, mi dà una delle due risposte che danno le persone prive di curiosità: «Mica si può sapere tutto» (l'altra è che però loro sanno la formazione dell'Avellino nel campionato '78-'79, o i nomi di certi pesci che si trovano solo in un certo atollo dell'Oceano Indiano). Poco dopo, guardando il telefono, lei dice: «Uh! È morto Jannis Kounellis!»; lui mi guarda smarrito: «Chi è?». Corro in bagno, ma su Google non c'è «come mediare tra una che non conosce le youtuber per adolescenti e uno che non conosce l'arte contemporanea». Qualche sera dopo, altra cena con altra coetanea. Racconto della secondo me esilarante incomunicabilità tra i due soggetti. La mia commensale però non ride: non ha mai sentito nominare Kounellis né Viscardi. Provo con altri argomenti. Ricky Gervais? Alexander McQueen? I bastardi di Pizzofalcone? Macché, buio. Annaspo, e lei magnanima: «Però conosco certi sentieri nascosti sull'Himalaya». Suggerisco che grazie alle tecnologie moderne è comodo, nonché utile per la civiltà della conversazione, sapere anche qualcosina del mondo in cui si abita; lei risponde serena: «Mi scoccio a cercare». Al solito, nel bagno del ristorante ci finisco io. A googlare i sentieri dell'Himalaya.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, 3 posti magici che rendono unica l'estate
Milano non è solo il Duomo o la Pinacoteca di Brera, c'è molto di più: d'altra parte, questa città non si mostra subito, va scoperta pian...
Firme
CONDIVIDI
L'età giusta per il sesso orale (e la crostata)
C'è una prima volta per tutto, come dimostrano le storie di due giovani attrici: Rooney Mara e Sophie Turner
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento
Esodo estate vacanza anziani in città
Firme
CONDIVIDI
È iniziato l'esodo estivo, ma qualcuno non parte
Mentre felici prepariamo la fuga, pensiamo a chi non andrà in vacanza: gli anziani, lasciati in balia del Ferragosto, e i precari a vita