«Ho avuto una storia gay e ora sono tornato dalla mia ragazza: sono bisessuale?»

David ha riallacciato il rapporto con la fidanzata dopo avere avuto una relazione con un amico e lei gli chiede se è etero o gay: «Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore, cioè volere quella persona e nessun'altra

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici e ai lettori di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: scrivetele all'indirizzo maleducazione.sentimentale@hearst.it. Ecco il suo consiglio a un ragazzo che ha avuto una storia gay ma poi è tornato con la sua fidanzata.

La lettera

«La mia ragazza mi aveva lasciato. Stavo dando i numeri. Ero così fuori che i miei avevano paura a lasciarmi solo. Mi hanno messo alle costole un amico. Lui riusciva a farmi ridere. Mi è stato molto vicino, anche troppo. Una sera ci siamo trovati abbracciati. Lui si è staccato, esterrefatto: ma allora siamo gay? Io invece non mi tormentavo per niente, non me ne importava di cosa ero, ma solo che mi amasse. Mi amava. Due mesi fra i più belli, ma lui insisteva, «Allora siamo gay…». Sempre quel ritornello. E io, ma ci stai bene con me, o no? Che te ne frega? Alla fine l'ho mollato. Qui ricapita la mia ragazza, che stranamente s'innamora di me un'altra volta. E ancora più stranamente, io di lei. Sa tutto, anzi la mia storia con l'amico mi ha reso più interessante, però pure lei si arrovellava, ma allora sei gay o etero? Alla fine ho detto «Bisessuale», e si è calmata. Io tutta questa ansia della definizione non la capisco». (David, 27 anni)

Advertisement - Continue Reading Below

Risponde Barbara Alberti

Questa ossessione moderna dell'identità sessuale: devi essere bianco o nero, se no chi vive di certezze si sente minacciato. E spunta finalmente il termine «bisessuale», limitativo quindi rassicurante, che acqueta la tua ragazza. In un mondo di definizioni, tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come nella mitologia fanno gli dèi, se si innamorano; donna, trans, liocorno, che m'importa? È lui (o lei) che voglio. Ma tu sei gay? E che ne so, da qui a stasera? Un amico che faceva poca differenza fra i sessi, alla domanda del padre bisognoso di sicurezze: «Ma tu preferisci gli uomini o le donne?», rispose: «Io m'innamoro sempre degli occhi, il resto viene dopo». Quando ero giovane, in un'altra vita, anch'io la mia identità sessuale non l'ho mai capita bene, né ci tenevo - mi innamoro anche di un coccodrillo, se mi fa ridere - ed ero incline all'uomo angelicato. E allora cos'ero, angelicale? L'uomo è tante cose.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà
Moda sostenibile Green carpet fashion award
Firme
CONDIVIDI
La moda sostenibile ha un premio tutto per sé
Si può fare fashion etico senza sacrificare l'estetica: cronaca del primo Green Carpet Fashion Award