C'è una ragione per cui Kristen Stewart non sorride mai

L'attrice sostiene di essere timida, ma non è vero: a lei la gente non fa paura, fa ribrezzo

Più Popolare

Cara Kristen,

non devi sorridere per forza.

Non si intona neanche al tuo nuovo taglio di capelli: quel rasato biondo platino che sta bene soltanto alle molto sventole molto giovani, preferibilmente occhiazzurrate. Se volevi sembrare più sbarazzina – o che so: addirittura accessibile – certo non è questo il modo. Ma francamente dubito che la nostra simpatia sia una tua preoccupazione.

Sì, c'è la storia del coming out. La sessualità fluida, il gender liquido, il fatto che in questo periodo ti piacciono le ragazze, e far sapere a tutti quanto ti piacciono le ragazze. «Ho capito che la mia vita privata riguarda un sacco di persone, non solo me», hai detto al Sunday Times, «E rinunciare a un po' della mia privacy mi dà l'opportunità di far star meglio qualcun altro. Se non mi fosse sembrato rilevante avrei continuato a farmi i fatti miei, ma non potrei neanche andare in giro mano nella mano: mi seguono dappertutto». Pure se somiglia a una dichiarazione politica – tutto serve – principalmente significa: non rompetemi più.

Advertisement - Continue Reading Below

Dopotutto, a te essere popolare non è mai piaciuto. La chiami timidezza, ma non è esatto. A te la gente non fa paura: a te la gente fa ribrezzo. È proprio una diffidenza fisica. Un red carpet per te deve essere come per me trovarmi in ascensore con la signora del quinto piano e i suoi tre cani: non so dove mettermi, cosa guardare, di che parlare. E non si arriva mai.

Più Popolare

Non puoi saperlo, ché a quei tempi facevi la bambina prodigio a Los Angeles, ma questo disturbo si chiama «sindrome dell'aborigeno», da un monologo di Corrado Guzzanti – non sai che ti perdi – che per esaltare le potenzialità di internet magnificava il numero enorme di informazioni che avremmo potuto veicolare «in un microsecondo, mettiamo caso a un aborigeno, dalla parte opposta del pianeta. Ma il problema è: "Aborigeno: ma io e te, che cazzo se dovemo di'?"».

Ecco: il mondo è il tuo aborigeno, Kristen. Siamo tipi antisociali, non ci importa mai di niente, e per strada camminiamo con le cuffie nelle orecchie anche senza musica, per scoraggiare l'approccio. I nostri telefoni non hanno suoneria: richiameremo (forse). Pur di non pranzare coi colleghi, non pranziamo: il digiuno è più tollerabile del convenevole. Privilegiamo tiepidi rapporti con creature versate nell'arte della chiacchiera al solo scopo di usarle come scudi umani in società. Ciò nonostante, la nostra vita mondana è costellata di rimpianti: si stava meglio a casa. Chissà cosa ci troveranno, tutti gli altri, da sorridere.

More from Gioia!:
Cersei Lena Headey Il trono di spade
Firme
CONDIVIDI
Cara Lena Headey, dobbiamo parlare di Cersei Lannister
So poco di lei, la regina del Trono di spade, ma abbastanza per decidere che è la sola, in quel mucchio di scappati di casa, a meritare una...
Emergenza migranti: tutti addosso allo scafista
Firme
CONDIVIDI
Emergenza migranti: dagli allo scafista
È lui il nuovo nemico assoluto: fermarlo è la priorità, la causa comune che ci autorizza a buttare a mare tutto il resto
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...