La lezione di Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi

Alla convention del Pd solo lei ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci dell'integrazione degli immigrati, non della nostra paura, perché loro sono per noi una risorsa

Fateci caso: ormai in politica nessuno ha il coraggio di legare la parola immigrazione a un concetto positivo. Lo si è capito chiaramente alla tre giorni del Lingotto di Torino, la convention renziana dedicata alle nuove idee della sinistra. Dove a un certo punto il microfono l'ha afferrato Emma Bonino, che Pd non è, pronunciando un discorso di questi tempi a dir poco rivoluzionario: gli immigrati sono una risorsa, pagano le pensioni, vanno integrati e non possiamo rispedirli nei campi di detenzione libici dove vengono violati i diritti umani.

Advertisement - Continue Reading Below

La platea ha applaudito la leader radicale con un piccolo brivido d'imbarazzo, subito superato dalle parole degli interventi successivi. Dove l'accento è tornato su ben altri concetti: «Alla paura bisogna dare una risposta» (Nicola La Torre); «La gente ha paura e, di fronte a chi non vuole rispettare la legge, ci vuole la repressione da parte dello Stato» (Vincenzo De Luca); «La gente ha paura degli immigrati. Quello che ha detto la Bonino è importante, ma noi non possiamo trascurare la paura della gente» (Debora Serracchiani).

Più Popolare

Sull'immigrazione la sinistra non sa più fare la sinistra, questo è ormai chiaro. E oscilla tra ovvietà, tipo «essere a favore della sicurezza», e veri e propri sconfinamenti a destra, fra Salvini e Donald Trump. Lo fa per paura di perdere voti, si capisce. Perché l'accoglienza è il tema più scabroso che ci sia e si intreccia pericolosamente con quello della disoccupazione.

Eppure la sinistra dovrebbe trovare il coraggio di dire che l'immigrazione è una risorsa in un'Europa a crescita zero. E dare più ascolto alle parole della Bonino. L'anziana leader radicale di sinistra non è, eppure ha dato una lezione di politica a una platea scettica e spaventata. Per battere la destra non serve scimmiottarla, servono idee originali. Si può essere accoglienti senza essere buonisti. Nel dubbio, chiedete al sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Ai figli mitomani spiegate cos'è una bolletta
I figli delle mie amiche, anche se sono fuori casa, elemosinano ricariche e paghette
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna