La lezione di Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi

Alla convention del Pd solo lei ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci dell'integrazione degli immigrati, non della nostra paura, perché loro sono per noi una risorsa

Fateci caso: ormai in politica nessuno ha il coraggio di legare la parola immigrazione a un concetto positivo. Lo si è capito chiaramente alla tre giorni del Lingotto di Torino, la convention renziana dedicata alle nuove idee della sinistra. Dove a un certo punto il microfono l'ha afferrato Emma Bonino, che Pd non è, pronunciando un discorso di questi tempi a dir poco rivoluzionario: gli immigrati sono una risorsa, pagano le pensioni, vanno integrati e non possiamo rispedirli nei campi di detenzione libici dove vengono violati i diritti umani.

Advertisement - Continue Reading Below

La platea ha applaudito la leader radicale con un piccolo brivido d'imbarazzo, subito superato dalle parole degli interventi successivi. Dove l'accento è tornato su ben altri concetti: «Alla paura bisogna dare una risposta» (Nicola La Torre); «La gente ha paura e, di fronte a chi non vuole rispettare la legge, ci vuole la repressione da parte dello Stato» (Vincenzo De Luca); «La gente ha paura degli immigrati. Quello che ha detto la Bonino è importante, ma noi non possiamo trascurare la paura della gente» (Debora Serracchiani).

Più Popolare

Sull'immigrazione la sinistra non sa più fare la sinistra, questo è ormai chiaro. E oscilla tra ovvietà, tipo «essere a favore della sicurezza», e veri e propri sconfinamenti a destra, fra Salvini e Donald Trump. Lo fa per paura di perdere voti, si capisce. Perché l'accoglienza è il tema più scabroso che ci sia e si intreccia pericolosamente con quello della disoccupazione.

Eppure la sinistra dovrebbe trovare il coraggio di dire che l'immigrazione è una risorsa in un'Europa a crescita zero. E dare più ascolto alle parole della Bonino. L'anziana leader radicale di sinistra non è, eppure ha dato una lezione di politica a una platea scettica e spaventata. Per battere la destra non serve scimmiottarla, servono idee originali. Si può essere accoglienti senza essere buonisti. Nel dubbio, chiedete al sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio
matteo-maffucci-foto-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città di tutti
Più passa il tempo e più mi rendo conto che il mio stupore di romano a Milano non si placherà mai: per esempio, che scoperta la metro!
Firme
CONDIVIDI
«Una notte con uno più giovane, senza rimpianti»
«Dopo due matrimoni falliti va più che bene il carpe diem», senza recriminazioni: l'eco della tua serata arriva limpida e spavalda!