Tracey Emin: come cambia nel tempo una zitella

Riflessione sull'artista inglese che inaugura la sua prima mostra in Cina: anni fa diceva che il suo gatto era la sua anima gemella, poi ha sposato una roccia, motivazione: «Non mi lascerà mai»

L'unica volta che ho intervistato Tracey Emin (per Gioia! nel 2010), nella mostra che stava per inaugurare c'era un video in cui giocava con un gatto. All'epoca la signora Emin aveva 46 anni e la sua carriera era già finita, ma io non lo sapevo. Lei forse sì: quando mi disse, a proposito del gatto, «È la mia anima gemella. Mi spiace solo di non saper parlare la sua lingua, vorrei tanto farci conversazione», avrei dovuto capire. Invece la presi per la spiritosaggine d'una zitella col dovere dell'autoironia (se non ridi del tuo essere zitella tu, lo faranno gli altri e sarà peggio).

Advertisement - Continue Reading Below

Le opere più famose Tracey Emin le ha prodotte negli anni Novanta. Everyone I have ever slept with, del '95, era una tenda coi nomi di tutti quelli con cui aveva dormito (non solo gli amanti, anche amici con cui aveva castamente diviso il letto, anche i due feti che aveva abortito). My bed, del '98, era il suo letto sfatto, con le macerie che contornano i letti di noialtre zitelle disordinate, preservativi, cibo, medicine, fogli di giornale: il repertorio d'una canzone di Tiziano Ferro. 

Più Popolare

Negli anni Novanta non c'erano i social e la loro assenza era la condizione necessaria perché un'idea («Ehi, forse il mio letto sfatto racconta qualcosa di me e del mondo») diventasse un'opera che viene pagata milioni da un collezionista, invece che una foto su Instagram, uno status spiritoso su Facebook, un trending topic su Twitter («fotografa anche tu #ilmiolettosfatto»). Internet avrà pure ucciso i giornali, ma non è stata salutare neanche per la possibilità di monetizzare l'arte.

Adesso che inaugura la sua prima mostra in Cina, Tracey Emin ha smesso di cercare d'imparare la lingua del gatto. Spiega le nuove opere raccontando il suo nuovo stato civile: l'anno scorso, in Francia, indossando il sudario che aveva avvolto suo padre, ha sposato una pietra. L'unico matrimonio al quale mi sarebbe piaciuto essere invitata. Tracey dice che ora non è più sola: «Su una collina di fronte al mare, c'è una bellissima roccia antica che non mi lascerà mai, sarà sempre lì che mi aspetta». I social network hanno ucciso l'arte concettuale, e anche la salute mentale delle zitelle non è che se la passi benissimo.

More from Gioia!:
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento
Esodo estate vacanza anziani in città
Firme
CONDIVIDI
È iniziato l'esodo estivo, ma qualcuno non parte
Mentre felici prepariamo la fuga, pensiamo a chi non andrà in vacanza: gli anziani, lasciati in balia del Ferragosto, e i precari a vita
Migranti emergenza piano Ue chiusura porti
Firme
CONDIVIDI
Sempre più migranti verso l'Italia, l'invitante terra di mezzo
Complici l'estate e il mare calmo, gli sbarchi aumentano e il nostro Paese è in prima linea, ma nessun blocco navale può risolvere...
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, la dolce bellezza della solitudine
Mi sono accorto che dal primo luglio, Milano si trasforma nella città dei papà, che fingono tristezza nel rimanere soli
Firme
CONDIVIDI
Perché McEnroe non deve chiedere scusa a Serena Williams
È la migliore, ma se giocasse contro un uomo perderebbe: il tennista non si pente delle sue parole (in fondo, un'ovvietà)