Tracey Emin: come cambia nel tempo una zitella

Riflessione sull'artista inglese che inaugura la sua prima mostra in Cina: anni fa diceva che il suo gatto era la sua anima gemella, poi ha sposato una roccia, motivazione: «Non mi lascerà mai»

L'unica volta che ho intervistato Tracey Emin (per Gioia! nel 2010), nella mostra che stava per inaugurare c'era un video in cui giocava con un gatto. All'epoca la signora Emin aveva 46 anni e la sua carriera era già finita, ma io non lo sapevo. Lei forse sì: quando mi disse, a proposito del gatto, «È la mia anima gemella. Mi spiace solo di non saper parlare la sua lingua, vorrei tanto farci conversazione», avrei dovuto capire. Invece la presi per la spiritosaggine d'una zitella col dovere dell'autoironia (se non ridi del tuo essere zitella tu, lo faranno gli altri e sarà peggio).

Advertisement - Continue Reading Below

Le opere più famose Tracey Emin le ha prodotte negli anni Novanta. Everyone I have ever slept with, del '95, era una tenda coi nomi di tutti quelli con cui aveva dormito (non solo gli amanti, anche amici con cui aveva castamente diviso il letto, anche i due feti che aveva abortito). My bed, del '98, era il suo letto sfatto, con le macerie che contornano i letti di noialtre zitelle disordinate, preservativi, cibo, medicine, fogli di giornale: il repertorio d'una canzone di Tiziano Ferro. 

Più Popolare

Negli anni Novanta non c'erano i social e la loro assenza era la condizione necessaria perché un'idea («Ehi, forse il mio letto sfatto racconta qualcosa di me e del mondo») diventasse un'opera che viene pagata milioni da un collezionista, invece che una foto su Instagram, uno status spiritoso su Facebook, un trending topic su Twitter («fotografa anche tu #ilmiolettosfatto»). Internet avrà pure ucciso i giornali, ma non è stata salutare neanche per la possibilità di monetizzare l'arte.

Adesso che inaugura la sua prima mostra in Cina, Tracey Emin ha smesso di cercare d'imparare la lingua del gatto. Spiega le nuove opere raccontando il suo nuovo stato civile: l'anno scorso, in Francia, indossando il sudario che aveva avvolto suo padre, ha sposato una pietra. L'unico matrimonio al quale mi sarebbe piaciuto essere invitata. Tracey dice che ora non è più sola: «Su una collina di fronte al mare, c'è una bellissima roccia antica che non mi lascerà mai, sarà sempre lì che mi aspetta». I social network hanno ucciso l'arte concettuale, e anche la salute mentale delle zitelle non è che se la passi benissimo.

More from Gioia!:
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?
Firme
CONDIVIDI
Il maniaco senza qualità è peggio di Weinstein
C'è chi pensa di poterti saltare addosso senza possedere punti di forza evidenti, e senza che tu gli abbia dato il via libera
Moda può cambiare il mondo
Firme
CONDIVIDI
Avvertenza: la moda non è una cosa frivola
Non solo ci fa sentire bene quando tutto va storto, ma la moda può cambiare noi che la indossiamo e il mondo
Elisabeth Moss nella serie tv The handmaid's tale
Firme
CONDIVIDI
Il mistero delle sopracciglia dell'ancella
Nella serie tv The handmaid's tale Elisabeth Moss interpreta un'ancella privata di tutto, ma sempre più che presentabile
Miley Cyrus ha subito l'ennesima evoluzione: la popstar trasgressiva vuole riciclarsi in cantautrice perbene, ma non basta essere buone per avere successo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Miley, ci vuole metodo per fare la star
Smettere di essere cattive non basta: il lato chiaro della celebrità parimenti insidioso è