Tracey Emin: come cambia nel tempo una zitella

Riflessione sull'artista inglese che inaugura la sua prima mostra in Cina: anni fa diceva che il suo gatto era la sua anima gemella, poi ha sposato una roccia, motivazione: «Non mi lascerà mai»

L'unica volta che ho intervistato Tracey Emin (per Gioia! nel 2010), nella mostra che stava per inaugurare c'era un video in cui giocava con un gatto. All'epoca la signora Emin aveva 46 anni e la sua carriera era già finita, ma io non lo sapevo. Lei forse sì: quando mi disse, a proposito del gatto, «È la mia anima gemella. Mi spiace solo di non saper parlare la sua lingua, vorrei tanto farci conversazione», avrei dovuto capire. Invece la presi per la spiritosaggine d'una zitella col dovere dell'autoironia (se non ridi del tuo essere zitella tu, lo faranno gli altri e sarà peggio).

Advertisement - Continue Reading Below

Le opere più famose Tracey Emin le ha prodotte negli anni Novanta. Everyone I have ever slept with, del '95, era una tenda coi nomi di tutti quelli con cui aveva dormito (non solo gli amanti, anche amici con cui aveva castamente diviso il letto, anche i due feti che aveva abortito). My bed, del '98, era il suo letto sfatto, con le macerie che contornano i letti di noialtre zitelle disordinate, preservativi, cibo, medicine, fogli di giornale: il repertorio d'una canzone di Tiziano Ferro. 

Più Popolare

Negli anni Novanta non c'erano i social e la loro assenza era la condizione necessaria perché un'idea («Ehi, forse il mio letto sfatto racconta qualcosa di me e del mondo») diventasse un'opera che viene pagata milioni da un collezionista, invece che una foto su Instagram, uno status spiritoso su Facebook, un trending topic su Twitter («fotografa anche tu #ilmiolettosfatto»). Internet avrà pure ucciso i giornali, ma non è stata salutare neanche per la possibilità di monetizzare l'arte.

Adesso che inaugura la sua prima mostra in Cina, Tracey Emin ha smesso di cercare d'imparare la lingua del gatto. Spiega le nuove opere raccontando il suo nuovo stato civile: l'anno scorso, in Francia, indossando il sudario che aveva avvolto suo padre, ha sposato una pietra. L'unico matrimonio al quale mi sarebbe piaciuto essere invitata. Tracey dice che ora non è più sola: «Su una collina di fronte al mare, c'è una bellissima roccia antica che non mi lascerà mai, sarà sempre lì che mi aspetta». I social network hanno ucciso l'arte concettuale, e anche la salute mentale delle zitelle non è che se la passi benissimo.

Read Next:
Per Kim Kardashian il 2016 è stato l'anno più difficile
Firme
CONDIVIDI
Kim Kardashian, propositi per l'anno nuovo
Il 2016 è stato un anno disgraziato, ecco come superare il trauma
Firme
CONDIVIDI
Sì, sembro più giovane: lo scriverò sul biglietto da visita
Sono decenni che mi sento dire che non dimostro la mia età, alla millesima replica è impossibile non annoiarsi
Firme
CONDIVIDI
Laura Boldrini e gli insulti sessisti
Nella Giornata contro la violenza sulle donne la presidente della Camera ha reso pubblici minacce e offese ricevute dui social
matteo maffucci aperitivo milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, sto iniziando a volare
Vola il desiderio di continuare a scoprire, realizzarmi e capirmi, volo io per le strade fra incontri, battute amici vecchi e nuovi
Firme
CONDIVIDI
Chi esulta per la morte di Castro?
È stato un dittatore brutale, ma non peggio di altri che continuano a esercitare il loro potere con il consenso dell'Occidente
Firme
CONDIVIDI
Lasciateci almeno Babbo Natale!
Dire subito la verità ai bambini, anche la più crudele, o nascondergliela finché è possibile. Poi c'è una terza scuola di pensiero : il...
Carrie Fisher ha avuto una storia con Harrison Ford durante Star Wars
Firme
CONDIVIDI
Cara Carrie, anch'io ho avuto una storia con Harrison Ford
Solo che la mia era immaginaria, e non avrei mai avuto la forza di tenerla segreta per 40 anni
Firme
CONDIVIDI
Se il referendum è un voto su Renzi
Il risultato del 4 dicembre sarà un test sul governo più che la decisione di abolire o meno il bicameralismo perfetto
Firme
CONDIVIDI
Milano è davvero violenta come la dipingono?
I reati nel capoluogo lombardo sono scesi in 10 anni del 36%, ma i titoli dei giornali insistono con l'allarmismo
matteo-maffucci-foto-pioggia-3
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non ricordo più il colore del cielo
Dopo tre settimane da expat accuso il colpo: a parte la pioggia c'è anche altro, non sto vivendo