Tracey Emin: come cambia nel tempo una zitella

Riflessione sull'artista inglese che inaugura la sua prima mostra in Cina: anni fa diceva che il suo gatto era la sua anima gemella, poi ha sposato una roccia, motivazione: «Non mi lascerà mai»

L'unica volta che ho intervistato Tracey Emin (per Gioia! nel 2010), nella mostra che stava per inaugurare c'era un video in cui giocava con un gatto. All'epoca la signora Emin aveva 46 anni e la sua carriera era già finita, ma io non lo sapevo. Lei forse sì: quando mi disse, a proposito del gatto, «È la mia anima gemella. Mi spiace solo di non saper parlare la sua lingua, vorrei tanto farci conversazione», avrei dovuto capire. Invece la presi per la spiritosaggine d'una zitella col dovere dell'autoironia (se non ridi del tuo essere zitella tu, lo faranno gli altri e sarà peggio).

Advertisement - Continue Reading Below

Le opere più famose Tracey Emin le ha prodotte negli anni Novanta. Everyone I have ever slept with, del '95, era una tenda coi nomi di tutti quelli con cui aveva dormito (non solo gli amanti, anche amici con cui aveva castamente diviso il letto, anche i due feti che aveva abortito). My bed, del '98, era il suo letto sfatto, con le macerie che contornano i letti di noialtre zitelle disordinate, preservativi, cibo, medicine, fogli di giornale: il repertorio d'una canzone di Tiziano Ferro. 

Più Popolare

Negli anni Novanta non c'erano i social e la loro assenza era la condizione necessaria perché un'idea («Ehi, forse il mio letto sfatto racconta qualcosa di me e del mondo») diventasse un'opera che viene pagata milioni da un collezionista, invece che una foto su Instagram, uno status spiritoso su Facebook, un trending topic su Twitter («fotografa anche tu #ilmiolettosfatto»). Internet avrà pure ucciso i giornali, ma non è stata salutare neanche per la possibilità di monetizzare l'arte.

Adesso che inaugura la sua prima mostra in Cina, Tracey Emin ha smesso di cercare d'imparare la lingua del gatto. Spiega le nuove opere raccontando il suo nuovo stato civile: l'anno scorso, in Francia, indossando il sudario che aveva avvolto suo padre, ha sposato una pietra. L'unico matrimonio al quale mi sarebbe piaciuto essere invitata. Tracey dice che ora non è più sola: «Su una collina di fronte al mare, c'è una bellissima roccia antica che non mi lascerà mai, sarà sempre lì che mi aspetta». I social network hanno ucciso l'arte concettuale, e anche la salute mentale delle zitelle non è che se la passi benissimo.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda
Firme
CONDIVIDI
L'idea del matrimonio giusto è anacronistica
L'idea di garantirsi sicurezza e prestigio sposando un buon partito è fuori dal tempo e svilente. E fa male alle donne
La vita di Victoria Beckham, e di tutta la famiglia più posh d'Inghilterra, è un po' come la nostra, e somiglia a quello che succede sui social: c'è chi ride, chi piange, e chi non sa quello che dice.
Firme
CONDIVIDI
Cara Victoria, la vita vera non è facile
L'ostinazione delle celebrità a fingersi normali sui social network ha convinto noi normali a comportarci come celebrità