Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole

È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi

Più Popolare

La mia scusa abituale è «È successo di recente». Qualunque orrore stabile della mia esistenza viene spacciato al consumatore inabituale non come difetto di fabbricazione, ma come eccezione temporanea. L'idraulico deve farsi largo tra le macerie del corridoio, vestiti accartocciati dentro piatti sporchi dentro trolley mezzi pieni, per arrivare alla caldaia rotta? «Ho appena traslocato». Il tizio di passaggio viene cacciato dal letto nel cuore della notte? «Scusa, non è da me, ma è un periodo che non riesco a dormire se ho qualcuno dentro casa, è che ci sono stati i ladri, l'avrai notato dal disordine». È una strategia di sopravvivenza: invecchiando ho imparato che non si può essere sincere senza sembrare maleducate o addirittura venire psicanalizzate all'ingrosso; che «Sono fatta così, embè?» porta a discussioni interminabili; che la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti: la gente vuole che te ne scusi.

Advertisement - Continue Reading Below

Quindi la settimana scorsa sono andata da una dottoressa, e quella ha guardato i valori del mio colesterolo (che vergogna), mi ha pesata (che vergogna), mi ha misurato il girovita (che vergogna: ho cercato di distrarla parlandole di quella scena di Via col vento in cui Rossella si sente grassa con neanche 50 centimetri di girovita, ma lei è andata avanti implacabile), e poi praticamente mi ha detto che sono una cicciona schifosa e morirò soffocata dal mio lardo. E quindi io le ho detto che era una cosa recente. E lei mi ha chiesto quale trauma mi avesse trasformata in una che mangia mezzo chilo di carbonara tutte le sere; e io, invece di dirle «La scoperta che esistono i pantaloni con l'elastico che tanto ti entrano comunque», le ho detto senza mettermi a ridere: sa, la situazione politica.

Più Popolare

Pochi giorni prima, Barbra Streisand aveva scritto su Twitter che starebbe facendo una dieta liquida, ma la mattina guarda le notizie, scopre quali altre scemenze ha combinato Trump nella notte e si fa un piatto di frittelle, e quindi sta ingrassando ed è tutta colpa di Trump. Mica è l'unica. Non a ingrassare: a usarlo come scusa. Settimane prima, Lena Dunham l'aveva spacciato come scusa per dimagrire. Invece di dire «Finalmente ho finito Girls, posso smettere di fare la ragazza goffa e passare alla fase donna gradevole, ma sapeste che fatica eliminare il pane», ha detto che Trump le ha fatto passare la fame e che quindi ha smesso di mangiare senza volerlo.

Lena Dunham, protagonista di Girls.

Da un paio di settimane in Inghilterra è anche partita la nuova stagione di Catastrophe (nota alle reti televisive italiane: comprate qualunque porcheria di serie, avete trasmesso persino Victoria, in cui la regina Vittoria pare un personaggio di Centovetrine; vi dispiacerebbe comprare anche un capolavoro come Catastrophe? Solo se non è troppo disturbo, grazie). E nella prima puntata lei (inglese) confessa a lui (americano) il mezzo tradimento con cui si era chiusa la stagione precedente. Lui fa la domanda degli uomini stupidi: ma perché? Lei dà la risposta delle donne senza vergogna: «Sono tempi difficili, c'è un sacco di Brexit, e quel vostro presidente». È stato lì che ho deciso che, se la prossima volta che la dottoressa mi pesa non ho perso un grammo, dirò tutta seria che sono tempi difficili: c'è la scissione del Pd, e anche l'eliminazione di Al Bano da Sanremo mi ha molto turbata.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili