Milano Zucchero e Catrame, questa è la città di tutti

Più passa il tempo e più mi rendo conto che il mio stupore di romano a Milano, forse, non si placherà mai. Questa città mi sta rieducando, e la mia ultima scoperta è la metropolitana

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Coffee and TV dei Blur

Milano è la città di tutti

Più passa il tempo e più mi rendo conto che il mio stupore di romano a Milano, forse, non si placherà mai. Questa città mi sta rieducando. In questi primi mesi ho cercato di integrarmi senza sgomitare, anzi, cercando di premere sempre il pulsante Ok e avviare in ogni circostanza un aggiornamento di sistema.

Sto parlando del «cornetto» che qui è una «brioche», della raccolta differenziata da fare in maniera rigorosissima, della puntualità svizzera, dell'aperitivo come momento imprescindibile di socialità, del meteo creativo e a volte punk, della solitudine calcistica...

Più Popolare

C'è una cosa che ancora non ero riuscito ad accettare: la Metro.

Per chi vive a Roma prenderla è come svegliarsi all'alba per andare a fare una colonscopia o una cura da un dentista del Medioevo. Un inferno. Ci sono racconti, leggende metropolitane, aneddoti che ti segnano. A Roma l'ultima volta che ho presa la Metro avevo tredici anni: era l'unico modo che avevo per andare fino al Luna Park. Da quel momento ho sempre declinato tutti gli inviti. Per tre motivi:

1. C'è uno sciopero due volte al giorno.

2. Ci sono due fermate in croce: in poche parole non arrivi da nessuna parte.

3. Per stare tranquillo dovresti girare con un bodyguard.

A Milano ho resistito per mesi, ma alla fine ho dovuto soccombere.

Risultato? Spacca!

Ricordate il luogo comune: «A Milano la Metro arriva dovunque?».

È vero. È veloce, puntuale, sicura. Per quel poco che l'ho usata - da Porta Romana alla Stazione Centrale con la Gialla, da Loreto a Cadorna con la verde - le stazioni sono tenute bene. Non si ha la sensazione di essere un turista, un marziano, o uno sfigato. I passeggeri della Metro di Milano sono semplicemente tutti i cittadini di Milano, senza nessun imbarazzo, senza alcun problema, proprio come accade in tutte le metropoli del mondo. Tranne a Roma.

Lo ammetto: mi sono sentito uno scemo. Sembravo un bambino che guardava per la prima volta un'astronave in partenza per destinazioni interstellari, un uomo che ha capito che la mobilità pubblica è il punto d'inizio per vivere bene in una grande città.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Ai figli mitomani spiegate cos'è una bolletta
I figli delle mie amiche, anche se sono fuori casa, elemosinano ricariche e paghette
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna
Firme
CONDIVIDI
Non prendete esempio da Serena Williams
Era incinta quando ha vinto gli Australian Open, ma se qualcuno ancora osa indicarla come un esempio positivo, mi metto a urlare