Milano Zucchero e Catrame, questa è la città di tutti

Più passa il tempo e più mi rendo conto che il mio stupore di romano a Milano, forse, non si placherà mai. Questa città mi sta rieducando, e la mia ultima scoperta è la metropolitana

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Coffee and TV dei Blur

Milano è la città di tutti

Più passa il tempo e più mi rendo conto che il mio stupore di romano a Milano, forse, non si placherà mai. Questa città mi sta rieducando. In questi primi mesi ho cercato di integrarmi senza sgomitare, anzi, cercando di premere sempre il pulsante Ok e avviare in ogni circostanza un aggiornamento di sistema.

Sto parlando del «cornetto» che qui è una «brioche», della raccolta differenziata da fare in maniera rigorosissima, della puntualità svizzera, dell'aperitivo come momento imprescindibile di socialità, del meteo creativo e a volte punk, della solitudine calcistica...

Più Popolare

C'è una cosa che ancora non ero riuscito ad accettare: la Metro.

Per chi vive a Roma prenderla è come svegliarsi all'alba per andare a fare una colonscopia o una cura da un dentista del Medioevo. Un inferno. Ci sono racconti, leggende metropolitane, aneddoti che ti segnano. A Roma l'ultima volta che ho presa la Metro avevo tredici anni: era l'unico modo che avevo per andare fino al Luna Park. Da quel momento ho sempre declinato tutti gli inviti. Per tre motivi:

1. C'è uno sciopero due volte al giorno.

2. Ci sono due fermate in croce: in poche parole non arrivi da nessuna parte.

3. Per stare tranquillo dovresti girare con un bodyguard.

A Milano ho resistito per mesi, ma alla fine ho dovuto soccombere.

Risultato? Spacca!

Ricordate il luogo comune: «A Milano la Metro arriva dovunque?».

È vero. È veloce, puntuale, sicura. Per quel poco che l'ho usata - da Porta Romana alla Stazione Centrale con la Gialla, da Loreto a Cadorna con la verde - le stazioni sono tenute bene. Non si ha la sensazione di essere un turista, un marziano, o uno sfigato. I passeggeri della Metro di Milano sono semplicemente tutti i cittadini di Milano, senza nessun imbarazzo, senza alcun problema, proprio come accade in tutte le metropoli del mondo. Tranne a Roma.

Lo ammetto: mi sono sentito uno scemo. Sembravo un bambino che guardava per la prima volta un'astronave in partenza per destinazioni interstellari, un uomo che ha capito che la mobilità pubblica è il punto d'inizio per vivere bene in una grande città.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio
Firme
CONDIVIDI
Renzi, i tribunali e il collasso del Paese
Il renzismo crolla travolto dalle inchieste e intanto il Parlamento ha smesso di fare le leggi e i partiti di fare politica
Firme
CONDIVIDI
«Una notte con uno più giovane, senza rimpianti»
«Dopo due matrimoni falliti va più che bene il carpe diem», senza recriminazioni: l'eco della tua serata arriva limpida e spavalda!