Renzi e l'inchiesta Consip: i tribunali e il collasso del Paese

Mentre i magistrati indagano sui collaboratori più stretti e sul padre dell'ex premier, la politica ha smesso di funzionare e le leggi più attese dai cittadini non arrivano

Mette paura la lettura dei giornali. L'inchiesta Consip, il cosiddetto "giglio magico" travolto dalle indagini dei magistrati di Roma e Napoli, Tiziano Renzi e i suoi incontri troppo disinvolti per il papà di un premier. I pizzini sugli appalti dell'imprenditore Romeo. Mette paura non tanto il fragoroso declino del renzismo, ma quanto la vicenda giudiziaria stia accelerando il collasso del Paese. Paralizzati dai verbali, i partiti di governo cessano di fare politica, quelli di opposizione giocano allo sfascio.

Advertisement - Continue Reading Below

Così, leggi importanti per i cittadini rimangono ferme nelle commissioni parlamentari: pensiamo a quella sul testamento biologico, mai tanto attuale dopo il suicidio assistito di Dj Fabo. Oppure alla legge sullo ius soli per i figli degli immigrati nati qui, a quella sul reato di tortura, sul cyberbullismo e la legittima difesa. Norme di civiltà che si discutono da anni. Emerge un vuoto di potere che, unito alla crisi economica, richiama gli anni tragici di Weimar.

Più Popolare

Così, mentre i leader giocano con Facebook e Twitter rinfacciandosi colpe e reati, l'illegalità dilaga ovunque. A San Severo di Foggia, per dire, la mafia spara contro le auto della polizia ricordandoci chi comanda in vaste zone del sud. È uno dei tanti segnali di scollamento fra promesse e realtà, impegni elettorali e malessere quotidiano.

Manca meno di un anno alle elezioni (ammesso che non ci si vada prima) e non abbiamo neanche una legge elettorale decente. La cancellazione dell'Italicum ha creato un vuoto che i partiti non hanno ancora colmato, lasciando in vigore un proporzionale puro che significa ingovernabilità. Così, a meno di qualche tardivo atto di responsabilità, voteremo un parlamento paralizzato in partenza, incapace di decidere. Col fantasma di nuove elezioni riparatrici. Sepolti dall'arroganza irresponsabile di un'intera classe politica del tutto separata dal mondo reale.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna
Firme
CONDIVIDI
Non prendete esempio da Serena Williams
Era incinta quando ha vinto gli Australian Open, ma se qualcuno ancora osa indicarla come un esempio positivo, mi metto a urlare