Buon compleanno Gioia! 80 anni e non sentirli

Viaggio sentimentale nella vita delle italiane: abbiamo raccontato la storia del nostro giornale intrecciandola con quella del Paese, scopri il fantastico numero 10 in edicola dal 9 marzo 2017

Più Popolare

Il 7 marzo del 1937 usciva in edicola il primo numero di Gioia! (sì, già col punto esclamativo). In Italia ci si avviava verso il 16esimo anno dell'era fascista e Mussolini, andando di lì a poco in visita ufficiale dal vicino Hitler ne diventava BFF (Best Friend Forever, almeno fino al 1943). In Spagna infuriava la guerra civile, in America governava Roosevelt, in libreria usciva Lo Hobbit di Tolkien, che una settantina di anni dopo sarebbe diventato una saga in Blue ray, a Roma veniva inaugurata Cinecittà, Walt Disney presentava il suo primo lungometraggio animato – Biancaneve e i sette nani – e per una crisi cardiaca ci lasciava Guglielmo Marconi, inventore della telegrafia senza fili via onde radio e premio Nobel per la fisica, ignaro che nel giro di una manciata di decenni la radio sarebbe stata soppiantata dalla tv, la tv da Netflix e che tutti avremmo comunicato via WhatsApp.

Advertisement - Continue Reading Below

Donne che hanno attraversato la storia del Paese

Sembra una vita fa. E infatti 80 anni sono la vita media di una persona, in questa nuova era immarcescibile e no-age. Si fa in tempo a nascere, crescere, sposarsi, moltiplicarsi, divorziare, diventare nonni e innamorarsi ancora. Ma anche a leggere numeri e numeri di Gioia!, volendo. Alcune signore lo fanno da allora, con affetto e simpatia: lo so, perché mi scrivono. Con questo giornale sono diventate grandi, hanno scoperto nuovi mondi, condiviso sogni hollywoodiani, imparato l'arte del punto croce e pure quella di tenersi un marito. Se siamo arrivate fino a qua lo dobbiamo anche a loro e a tutte le donne, lettrici e non, che hanno attraversato la storia del Paese, mettendoci un pezzetto della loro: facendo sacrifici per conquistare spazi di indipendenza e libertà, alzando la voce per scardinare stereotipi, scendendo in piazza per rivendicare diritti che oggi ci sembrano scontati.

Più Popolare

Da rotocalco per "angeli del focolare" a magazine brillante di moda e attualità

Prendere il testimone di questo giornale "glorioso", che ha accompagnato le donne verso un futuro un po' più rosa, ed essere qui oggi a festeggiarlo, per me è un vero onore. Per augurargli buon compleanno abbiamo fatto un'edizione speciale: un numero grande, non solo nel formato, che racconta l'evoluzione del Paese attraverso la sua lenta e travolgente mutazione: da rotocalco per "angeli del focolare" a magazine brillante di moda e attualità. Senza tradire mai la sua missione. Se negli Anni 50 insegnava alle madri Come sposare una figlia, nei 60 s'imbarcava in un'inchiesta in due puntate su Come trovare una domestica, all'inizio dei 70 raccontava le prime separazioni celebri in attesa di divorzio con foto di puerpere famose ansiose di diventare "donne oneste" e negli 80 dedicava un ampio reportage alla nuova piaga del secolo, l'AidsAids.

Come eravamo e quante cose sono cambiate

Sfogliare i grandi faldoni con la raccolta di tutte le copie del giornale dalle origini a oggi è stato un lavoro spassoso e necessario. Non solo per costruire questo numero ma per ricordarci, in tempi di sciagurata amnesia, da dove veniamo. La storia ci ha già insegnato tutto, siamo noi che non ci applichiamo e, a forza di correre e rottamare, facciamo gli stessi errori all'infinito senza sfruttare la grande lezione della memoria. Fessi che siamo. Per fare un bel ripasso, ci siamo affidati a giornalisti, scrittori, registi che hanno ripercorso, decennio per decennio, le tappe fondamentali della "memoria collettiva" filtrandole con la lente delle proprie vite. Firme importanti che si sono messe in gioco per dirci davvero com'è stato esserci: al primo voto a suffragio universale, in una "comune" degli Anni 70, a cena con John Taylor dei Duran Duran, passata la dittatura degli scaldamuscoli. Forse c'eravate pure voi, forse ne avete solo sentito parlare, è soprattutto alle nostre giovani lettrici che questo numero è dedicato. Scopriranno come eravamo e quante cose sono cambiate. Ma anche quante sono tornate – nella moda, nel beauty, nel design... – in una veste però tutta nuova. Special guests: Warren Beatty, che il 30 marzo compie 80 anni come Gioia! Ed Emma Watson, icona del nuovo femminismo duro e puro, in abito da sera. E il futuro? Nessuna previsione, ma desideri sì. Li abbiamo affidati a una giovane scrittrice. Con una certezza: noi ci saremo.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?