Buon compleanno Gioia! 80 anni e non sentirli

Viaggio sentimentale nella vita delle italiane: abbiamo raccontato la storia del nostro giornale intrecciandola con quella del Paese, scopri il fantastico numero 10 in edicola dal 9 marzo 2017

Più Popolare

Il 7 marzo del 1937 usciva in edicola il primo numero di Gioia! (sì, già col punto esclamativo). In Italia ci si avviava verso il 16esimo anno dell'era fascista e Mussolini, andando di lì a poco in visita ufficiale dal vicino Hitler ne diventava BFF (Best Friend Forever, almeno fino al 1943). In Spagna infuriava la guerra civile, in America governava Roosevelt, in libreria usciva Lo Hobbit di Tolkien, che una settantina di anni dopo sarebbe diventato una saga in Blue ray, a Roma veniva inaugurata Cinecittà, Walt Disney presentava il suo primo lungometraggio animato – Biancaneve e i sette nani – e per una crisi cardiaca ci lasciava Guglielmo Marconi, inventore della telegrafia senza fili via onde radio e premio Nobel per la fisica, ignaro che nel giro di una manciata di decenni la radio sarebbe stata soppiantata dalla tv, la tv da Netflix e che tutti avremmo comunicato via WhatsApp.

Advertisement - Continue Reading Below

Donne che hanno attraversato la storia del Paese

Sembra una vita fa. E infatti 80 anni sono la vita media di una persona, in questa nuova era immarcescibile e no-age. Si fa in tempo a nascere, crescere, sposarsi, moltiplicarsi, divorziare, diventare nonni e innamorarsi ancora. Ma anche a leggere numeri e numeri di Gioia!, volendo. Alcune signore lo fanno da allora, con affetto e simpatia: lo so, perché mi scrivono. Con questo giornale sono diventate grandi, hanno scoperto nuovi mondi, condiviso sogni hollywoodiani, imparato l'arte del punto croce e pure quella di tenersi un marito. Se siamo arrivate fino a qua lo dobbiamo anche a loro e a tutte le donne, lettrici e non, che hanno attraversato la storia del Paese, mettendoci un pezzetto della loro: facendo sacrifici per conquistare spazi di indipendenza e libertà, alzando la voce per scardinare stereotipi, scendendo in piazza per rivendicare diritti che oggi ci sembrano scontati.

Più Popolare

Da rotocalco per "angeli del focolare" a magazine brillante di moda e attualità

Prendere il testimone di questo giornale "glorioso", che ha accompagnato le donne verso un futuro un po' più rosa, ed essere qui oggi a festeggiarlo, per me è un vero onore. Per augurargli buon compleanno abbiamo fatto un'edizione speciale: un numero grande, non solo nel formato, che racconta l'evoluzione del Paese attraverso la sua lenta e travolgente mutazione: da rotocalco per "angeli del focolare" a magazine brillante di moda e attualità. Senza tradire mai la sua missione. Se negli Anni 50 insegnava alle madri Come sposare una figlia, nei 60 s'imbarcava in un'inchiesta in due puntate su Come trovare una domestica, all'inizio dei 70 raccontava le prime separazioni celebri in attesa di divorzio con foto di puerpere famose ansiose di diventare "donne oneste" e negli 80 dedicava un ampio reportage alla nuova piaga del secolo, l'AidsAids.

Come eravamo e quante cose sono cambiate

Sfogliare i grandi faldoni con la raccolta di tutte le copie del giornale dalle origini a oggi è stato un lavoro spassoso e necessario. Non solo per costruire questo numero ma per ricordarci, in tempi di sciagurata amnesia, da dove veniamo. La storia ci ha già insegnato tutto, siamo noi che non ci applichiamo e, a forza di correre e rottamare, facciamo gli stessi errori all'infinito senza sfruttare la grande lezione della memoria. Fessi che siamo. Per fare un bel ripasso, ci siamo affidati a giornalisti, scrittori, registi che hanno ripercorso, decennio per decennio, le tappe fondamentali della "memoria collettiva" filtrandole con la lente delle proprie vite. Firme importanti che si sono messe in gioco per dirci davvero com'è stato esserci: al primo voto a suffragio universale, in una "comune" degli Anni 70, a cena con John Taylor dei Duran Duran, passata la dittatura degli scaldamuscoli. Forse c'eravate pure voi, forse ne avete solo sentito parlare, è soprattutto alle nostre giovani lettrici che questo numero è dedicato. Scopriranno come eravamo e quante cose sono cambiate. Ma anche quante sono tornate – nella moda, nel beauty, nel design... – in una veste però tutta nuova. Special guests: Warren Beatty, che il 30 marzo compie 80 anni come Gioia! Ed Emma Watson, icona del nuovo femminismo duro e puro, in abito da sera. E il futuro? Nessuna previsione, ma desideri sì. Li abbiamo affidati a una giovane scrittrice. Con una certezza: noi ci saremo.

More from Gioia!:
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve (per le emergenze io sono qua)
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà