Suicidio assistito: Fabo è libero, in attesa di una legge in Italia

Tetraplegico e cieco, Fabiano Antoniani è riuscito a morire in Svizzera tramite suicidio assistito, mentre nel nostro Paese non c'è ancora nessuna legge sul fine vita

Nel sonno delle istituzioni, il cittadino italiano Fabiano Antoniani, in arte Dj Fabo (39 anni), è morto da uomo libero a Zurigo il 27 febbraio 2017. Per farlo però, lui ch'era stato un viaggiatore felice, ha dovuto affrontare una trasferta penosa, persino impossibile da pensare per noi che siamo rimasti a casa. Avesse potuto scegliere, d'altronde, non l'avrebbe mai fatto, questo assurdo e insopportabile viaggio per andare a morire; solo che Dj Fabo non aveva alternative, così come prima di lui non le avevano avute tutti gli italiani sofferenti costretti a emigrare, e a pagare, per veder rispettata la propria volontà.

Advertisement - Continue Reading Below

Fabo ha fatto di tutto, ma proprio di tutto, per non partire. Aveva chiesto aiuto persino al presidente della Repubblica, spiegandogli in un video – attraverso la voce della sua fidanzata, ché per lui anche parlare era dolore, dolore, dolore – cosa significhi sopravvivere per sempre in una gabbia dopo aver vissuto liberi per 36 anni; ritrovarsi dopo un incidente paralizzati e ciechi, alimentati da una sonda, ventilati da una macchina, senza più chance di migliorare, imprigionati «in una lunga notte senza fine». Ma il dibattito sul fine vita langue da anni in Parlamento, troppa fatica affrontarlo: pochi giorni prima la Camera dei deputati aveva rinviato per l'ennesima volta, al 13 marzo 2017, l'arrivo in aula della legge sul biotestamento.

Così lo sforzo ha dovuto farlo lui, che ha lasciato casa sua per andare a morire in Svizzera alle 11,40 di un lunedì mattina di fine febbraio. E intanto che qui s'aspetta di diventare più civili, il coraggioso attivista dell'associazione Luca Coscioni che l'ha accompagnato, assumendosi una responsabilità che i politici non hanno voglia d'assumersi, rischia una condanna a 12 anni di carcere.

More from Gioia!:
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...
zerocalcare-cappuccio-rosso-morta
Firme
CONDIVIDI
Chi era Ayse, la Cappuccio Rosso di Zerocalcare
Aveva 23 anni la combattente curda detta Cappuccio Rosso nei fumetti di Zerocalcare sulla guerra siriana: è caduta nell'assalto a Raqqa
donald-trump-accordo-clima
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump, non distruggiamo il pianeta!
Come la mettiamo con l'ozono? Col global warming? Con gli orsi polari? Sfilarsi dagli accordi di Parigi significa rifiutare il futuro
Firme
CONDIVIDI
Il terrorismo si combatte con la cultura
I jihadisti hanno lasciato i territori dello Stato Islamico e sono pronti a inflitrarsi e colpire altrove: ma invocare muri e leggi...
Il 28 maggio 2017 Francesco Totti ha concluso i suoi 25 anni di carriera nella Roma, ecco perché il suo discorso sincero ha commosso tutti.
Firme
CONDIVIDI
Francesco Totti è diventato grande
Invece noi siamo solo un po' più vecchi