Suicidio assistito: Fabo è libero, in attesa di una legge in Italia

Tetraplegico e cieco, Fabiano Antoniani è riuscito a morire in Svizzera tramite suicidio assistito, mentre nel nostro Paese non c'è ancora nessuna legge sul fine vita

Nel sonno delle istituzioni, il cittadino italiano Fabiano Antoniani, in arte Dj Fabo (39 anni), è morto da uomo libero a Zurigo il 27 febbraio 2017. Per farlo però, lui ch'era stato un viaggiatore felice, ha dovuto affrontare una trasferta penosa, persino impossibile da pensare per noi che siamo rimasti a casa. Avesse potuto scegliere, d'altronde, non l'avrebbe mai fatto, questo assurdo e insopportabile viaggio per andare a morire; solo che Dj Fabo non aveva alternative, così come prima di lui non le avevano avute tutti gli italiani sofferenti costretti a emigrare, e a pagare, per veder rispettata la propria volontà.

Advertisement - Continue Reading Below

Fabo ha fatto di tutto, ma proprio di tutto, per non partire. Aveva chiesto aiuto persino al presidente della Repubblica, spiegandogli in un video – attraverso la voce della sua fidanzata, ché per lui anche parlare era dolore, dolore, dolore – cosa significhi sopravvivere per sempre in una gabbia dopo aver vissuto liberi per 36 anni; ritrovarsi dopo un incidente paralizzati e ciechi, alimentati da una sonda, ventilati da una macchina, senza più chance di migliorare, imprigionati «in una lunga notte senza fine». Ma il dibattito sul fine vita langue da anni in Parlamento, troppa fatica affrontarlo: pochi giorni prima la Camera dei deputati aveva rinviato per l'ennesima volta, al 13 marzo 2017, l'arrivo in aula della legge sul biotestamento.

Così lo sforzo ha dovuto farlo lui, che ha lasciato casa sua per andare a morire in Svizzera alle 11,40 di un lunedì mattina di fine febbraio. E intanto che qui s'aspetta di diventare più civili, il coraggioso attivista dell'associazione Luca Coscioni che l'ha accompagnato, assumendosi una responsabilità che i politici non hanno voglia d'assumersi, rischia una condanna a 12 anni di carcere.

More from Gioia!:
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà
Moda sostenibile Green carpet fashion award
Firme
CONDIVIDI
La moda sostenibile ha un premio tutto per sé
Si può fare fashion etico senza sacrificare l'estetica: cronaca del primo Green Carpet Fashion Award
Cucire lavoro per diventare ricca
Firme
CONDIVIDI
Vuoi essere ricca? Impara a rammendare
Nessuna inchiesta dice che il convento è ben più utile per trovare un'occupazione, perché t'insegnano a cucire