Milano Zucchero e Catrame, cronaca di una (perfetta) domenica in città

Chi l'ha detto che a Milano il week end è terribile? Questa volta ho osato e tra cielo azzurro, buon cibo, un po' di esplorazioni e il calcio a San Siro è stato un successo

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Magic deiColdplay

Da quando vivo a Milano sono quasi sempre tornato a Roma per il fine settimana, un po' per "saudade" un po' perché convinto dalla diceria che tutti, o quasi, alimentano e diffondono: «Nei week end Milano è terribile: è brutta, si svuota e nulla succede». La scorsa settimana ho osato: sono rimasto e chissenefrega. La verità? Sono stato benissimo. Ho sempre avuto un rapporto con la domenica molto conflittuale: da una parte la voglia di fare, dall'altra il desiderio di spegnermi come un interruttore. Colazione, giornali, pranzo. Poi cinema, partita, birretta. E basta, più o meno. Questa la sequenza della mia felicità. Invece a Milano ho beccato una domenica di sole spaziale, cielo azzurro, temperatura primaverile. Una goduria.

Più Popolare

Sono andato a mangiare alla Santeria Palladini (via Privata Ettore Palladini 8). Un adorabile gioiellino. Si mangia bene, il contesto affascinante, la gente intorno è sorridente. Non è grandissimo e questo è gia un punto a favore, lo stile - un po' hipster, indie e vintage - è curato, mai ridicolo né irritante. Ho mangiato nel giardinetto, con gli occhi puntati su una piccola struttura di fronte. Un piccolo negozio con dischi e libri, un po' di maniera (c'è tutto quello che di solito c'è in posti così) ma molto attraente. Una specie di calamita. Pagato il conto sono entrato e sono rimasto un'ora a spulciare dischi, sfogliare libri, cercare quel superfluo che tanto amo.

Advertisement - Continue Reading Below

Tutto questo è stato un intermezzo per il momento più atteso. Da malato di calcio la domenica regalava una di quelle partite che non potevano lasciarmi indifferente: Inter-Roma. Al di là della partita - una super partita per come è andata a finire - l'aspetto romantico è stato l'arrivo di alcuni miei amici di Roma, venuti fin qui per vedersela. È stato strano. Io già a Milano, io ormai milanese acquisito, io che poi sarei tornato a casa mia… a Milano, in Porta Romana. Bel corto circuito.

Advertisement - Continue Reading Below

Ci siamo visti in Corso Como, abbiamo fatto un aperitivo sostanzioso, aggiornamento vite, momento amarcord, e poi metro direzione Stadio San Siro. Al di là dello stupore per quanto è stato veloce e semplice arrivare, il valore della partita è stato sottolineato dalla bellezza della compagnia. Vi spiego. Il calcio è quello che è: una di quelle passioni che travalicano la ragione. È la ritualità dello stadio che mi commuove. Le chiacchiere da bar, il cazzeggio, la totale assenza di altri pensieri se non per la palla che rotola, l'emozione ma anche la delusione di un goal, le amicizie che nascono in una frazione di secondo perché la "malattia" è la stessa e tutto il resto non conta. Mamma mia, che domenica. Grazie Milano (Antonello, non ti arrabbiare).

E ora, quando torno a Roma?

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto,lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo