Consigli per madri di figlie femmine

Non state a preoccuparvi: le vostre bimbe cresceranno a casaccio e non ci si può fare niente

Più Popolare

Questo è un articolo su richiesta. Discende da alcune conversazioni con madri di femmine. Sono costantemente preoccupate, le madri di bambine in questo secolo. Se le vestono di rosa, le piccine non diventeranno abbastanza volitive; se ricevono il Dolceforno, ne trarranno il messaggio «Il tuo posto è in cucina»; se la mamma non sta abbastanza con loro, si sentiranno abbandonate e precipiteranno in qualche gorgo (droga, anoressia: vale tutto, purché sia spaventevole), ma se la mamma è sempre a casa non avranno un esempio su cui modellare le proprie ambizioni.

Advertisement - Continue Reading Below

Sono qui per rassicurarle: cresceranno a casaccio e non ci si può fare niente. Un'amica mi fa notare che messa così non è molto rasserenante, quindi procedo a elaborare il concetto. Mia madre non ha mai lavorato un giorno in vita sua, il suo unico scopo nella vita è sempre stato spendere soldi altrui, ha iniziato a dirmi di trovarmi marito che ero ancora alle elementari (giuro: non sapete l'imbarazzo quando gli amici ricchi smisero d'invitarci in piscina perché capirono che mia madre intendeva accoppiare il loro erede novenne con la sua figliola – oltretutto pessima nuotatrice). Le mie amiche, più o meno tutte, raccontano infanzie in cui i genitori si raccomandavano che studiassero, che avessero una carriera, che fossero indipendenti. Io al liceo sono stata bocciata non so più quante volte e nessuno mi ha mai detto «Studia, asina»: a casa mia erano così mitomani che dicevano senza mettersi a ridere: «I professori sono spaventati dalla tua intelligenza» (ero così intelligente che preferivo guardare Quando si ama che aprire un libro).

Più Popolare

Tuttavia, io lavoro da quando avevo 22 anni e le mie amiche hanno perlopiù fatto le universitarie fuori corso fin dopo i 30; loro non sono state tranquille finché non sono riuscite a mettersi un vestito bianco e un anello al dito, e io ho del matrimonio l'idea che aveva Alberto Sordi («Mettersi un'estranea in casa»); loro si fanno allegramente pagare mutui e vacanze da genitori e suoceri e io pur di essere indipendente rinuncerei alle vacanze a vita. Certo, non ci vogliono degli specialisti viennesi per dire che mica significa che la mia formazione non m'abbia influenzata: mi sono formata in opposizione a quel che ho visto da piccola. Però, se può funzionare sia per emulazione sia per contrasto, capite bene che vale tutto, e tanto vale rilassarsi.

Su una sola cosa mi sentirei di dire che la mia infanzia è stata deleteria, e una sola imposizione pedagogica mi sentirei di suggerire. La fa riassumere, meglio di come saprei fare io, Martin Amis, a un personaggio d'un suo romanzo: «Uh, come vorrei che mi avessero insegnato la disciplina: quand'ero giovane, quando le cose le impari senza neanche provarci. Avrebbero potuto insegnarmi l'orgoglio, la dignità, e già che c'erano pure il francese. Senza che mi sforzassi. Ma tutta quella roba non me l'ha insegnata nessuno. Mi sono dovuto sbattere a insegnarmela da solo. Me ne sto lì a provare a insegnarmi la disciplina, ma proprio non ce la faccio (non è mica divertente, la disciplina), e finisco sempre per optare invece per uscire a divertirmi». Quelli che mi hanno conosciuta da grande non lo sanno, che fatica è stata diventare una secchiona. Lodate le vostre figlie di meno, e fate far loro i compiti delle vacanze di più.

More from Gioia!:
Cersei Lena Headey Il trono di spade
Firme
CONDIVIDI
Cara Lena Headey, dobbiamo parlare di Cersei Lannister
So poco di lei, la regina del Trono di spade, ma abbastanza per decidere che è la sola, in quel mucchio di scappati di casa, a meritare una...
Emergenza migranti: tutti addosso allo scafista
Firme
CONDIVIDI
Emergenza migranti: dagli allo scafista
È lui il nuovo nemico assoluto: fermarlo è la priorità, la causa comune che ci autorizza a buttare a mare tutto il resto
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro