Con la scissione del Pd si chiude un'epoca: la sinistra si divide e lo pagherà

La condanna più atroce per la sinistra in Italia è non riuscire a stare unita, ma neppure divisa: il mondo va a destra, grazie a promesse facili, ma i partiti di sinistra non hanno saputo rispondere con idee moderne ed umiltà, e la storia li castigherà

Più Popolare

Così, mentre il Pd va in pezzi dopo soli dieci anni di vita mai davvero vissuta, la sensazione è che si chiuda un'epoca senza aprirsene un'altra. Chi resta, Matteo Renzi, si libera così di quella zavorra di critiche che mal sopporta. In effetti, adesso, il cosiddetto PdR (Partito di Renzi) sarà più agile nelle decisioni. E il culto del Capo ancora più spinto, nonostante la sconfitta al referendum ne abbia offuscato l'immagine di vincente. Quanto a D'Alema e Bersani, si prevede un partito dal sei-sette per cento che, in tempi di proporzionale, non è da buttare.

Advertisement - Continue Reading Below

Perché nel tramonto della sinistra democratica, resta almeno la certezza che si tornerà ai vecchi, cari scenari della prima repubblica. Dove col 3 per cento eri il re dei veti. Che tristezza. La scissione, il proporzionale puro, il ritorno delle coalizioni frittomisto. Che poi, diciamolo, non è un destino ineluttabile. È invece convenienza, furbizia spicciola di chi, all'alba del trumpismo e, forse, del lepenismo, pensa di blindarsi contro l'uragano populista mettendo tanti pannicelli tiepidi sulle finestre rotte.

Più Popolare

In Italia la tempesta si chiama Grillo. E c'è da giurare che, agli occhi di parecchi elettori di sinistra, attoniti di fronte a una scissione incomprensibile per modalità e responsabilità, votare i cinquestelle assuma a questo punto il valore della punizione, del gesto liberatorio. La sinistra separata perde, questo è certo. Nella rottura del Pd ci sono grandi responsabilità del suo segretario, così innamorato del potere da essere incapace di ascoltare, di concedere. Di unire. Di fare tesoro degli errori politici compiuti. Ma chi se ne va non si rallegri. Il mondo va a destra e le ricette dei nuovi leader sovranisti promettono pane e futuro ai diseredati della globalizzazione. Sono promesse facili, paradisi di carta. Ma a sinistra nessuno ha saputo rispondergli con idee moderne e umiltà. Invece, si spaccano. La storia li castigherà.

More from Gioia!:
Sesso in piedi o seduti 40-anni, Louis CK
Firme
CONDIVIDI
Se stare seduti vince sul sesso in piedi
Quarant'anni è un'età schifosa, come mi ha fatto capire il comico Louis CK con il suo monologo
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te