Con la scissione del Pd si chiude un'epoca: la sinistra si divide e lo pagherà

La condanna più atroce per la sinistra in Italia è non riuscire a stare unita, ma neppure divisa: il mondo va a destra, grazie a promesse facili, ma i partiti di sinistra non hanno saputo rispondere con idee moderne ed umiltà, e la storia li castigherà

Più Popolare

Così, mentre il Pd va in pezzi dopo soli dieci anni di vita mai davvero vissuta, la sensazione è che si chiuda un'epoca senza aprirsene un'altra. Chi resta, Matteo Renzi, si libera così di quella zavorra di critiche che mal sopporta. In effetti, adesso, il cosiddetto PdR (Partito di Renzi) sarà più agile nelle decisioni. E il culto del Capo ancora più spinto, nonostante la sconfitta al referendum ne abbia offuscato l'immagine di vincente. Quanto a D'Alema e Bersani, si prevede un partito dal sei-sette per cento che, in tempi di proporzionale, non è da buttare.

Advertisement - Continue Reading Below

Perché nel tramonto della sinistra democratica, resta almeno la certezza che si tornerà ai vecchi, cari scenari della prima repubblica. Dove col 3 per cento eri il re dei veti. Che tristezza. La scissione, il proporzionale puro, il ritorno delle coalizioni frittomisto. Che poi, diciamolo, non è un destino ineluttabile. È invece convenienza, furbizia spicciola di chi, all'alba del trumpismo e, forse, del lepenismo, pensa di blindarsi contro l'uragano populista mettendo tanti pannicelli tiepidi sulle finestre rotte.

Più Popolare

In Italia la tempesta si chiama Grillo. E c'è da giurare che, agli occhi di parecchi elettori di sinistra, attoniti di fronte a una scissione incomprensibile per modalità e responsabilità, votare i cinquestelle assuma a questo punto il valore della punizione, del gesto liberatorio. La sinistra separata perde, questo è certo. Nella rottura del Pd ci sono grandi responsabilità del suo segretario, così innamorato del potere da essere incapace di ascoltare, di concedere. Di unire. Di fare tesoro degli errori politici compiuti. Ma chi se ne va non si rallegri. Il mondo va a destra e le ricette dei nuovi leader sovranisti promettono pane e futuro ai diseredati della globalizzazione. Sono promesse facili, paradisi di carta. Ma a sinistra nessuno ha saputo rispondergli con idee moderne e umiltà. Invece, si spaccano. La storia li castigherà.

More from Gioia!:
Cersei Lena Headey Il trono di spade
Firme
CONDIVIDI
Cara Lena Headey, dobbiamo parlare di Cersei Lannister
So poco di lei, la regina del Trono di spade, ma abbastanza per decidere che è la sola, in quel mucchio di scappati di casa, a meritare una...
Emergenza migranti: tutti addosso allo scafista
Firme
CONDIVIDI
Emergenza migranti: dagli allo scafista
È lui il nuovo nemico assoluto: fermarlo è la priorità, la causa comune che ci autorizza a buttare a mare tutto il resto
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...