Milano Zucchero e Catrame, quando l'arte contemporanea ti fa dire «Wow!»

Mi ritengo un grandissimo appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente

Più Popolare


Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Free As a Bird , The Baetles.

Sono le dieci di mattina, c'è un tiepido sole che schiarisce tutto, non c'è una nuvola. Quando Milano regala giornate così, il buonumore vola in alto. Non c'è traffico, carico il mio amico Davide con il car sharing, e ci dirigiamo all'Hangar Bicocca (segnatevi questo indirizzo: via Chiese 2). Per chi non lo sapesse, è una fondazione no profit, nata dalla riconversione di uno stabilimento industriale - la Breda Elettromeccanica e Locomotive - in luogo dedicato alla produzione e promozione di arte contemporanea. Detta così, lo so, fa sbadigliare, ma ho delle buone sensazioni. Sarà una bella giornata.

Più Popolare

Di solito questi posti o conquistano subito o sono così pretenziosi - e quindi fastidiosi e respingenti - da far venire voglia di entrare e iniziare a cantare a squarciagola una canzone di Pippo Franco (mito!) solo per dare fastidio a tutte quelli che sono lì per fare gli esperti a tutti i costi, guardando e dubitando per poi sbuffare o gridare al miracolo. Li detesto!

Arrivato a destinazione, parcheggio in un attimo, e mi faccio immediatamente rapire dalla struttura. Mi piace.

Siamo in mezzo alla settimana, e con noi c'è solo un gruppo di cinquanta bambini che stanno andando via. Li vedo felici, non annoiati, il che promette bene. Non so che rapporto abbiate con l'arte, a me ha cambiato la vita. Mi ha dato un senso e un fine. Parlo di musica, ovviamente. E di tutto il resto.

Mi ritengo un grandissimo appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente. In fin dei conti, l'arte contemporanea ha il compito di farti dire "Wow!". Vi sembrerà superficiale, ma alla fine tutto quello che si vede in certi posti torna indietro. Ed è in base a quello che ognuno di noi è che un quadro può emozionare o meno, non perché è super quotato o perché è all'interno di un catalogo super stiloso, ma solo se in qualche modo provoca una reazione emotiva forte (basta pippe mentali, please).

Detto questo, l'opera che mi ha completamente destabilizzato è stato il murales di OS GEMEOS: enorme, potente, immediato. Mai visto nulla di simile dal vivo. Un enorme vagone metropolitano (nel luogo dove un tempo si costruivano treni e locomotive) che corre verso… dove volete!

Advertisement - Continue Reading Below

Le installazioni e le opere di Laure Prouvost, poi, mi hanno tramortito così come I Sette Palazzi Celesti di Anselm Kiefer, anzi diciamo che questi mi hanno lasciato a bocca aperta. È come se li avessi già visti, come se fossero già presenti nei miei ricordi ed è proprio questo il bello.

È il contesto che consegna "i super poteri" a tutto quanto, diventando arte.

Arte che si mischia con una mattinata qualunque. Bel lusso. Concedetevelo.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda
Firme
CONDIVIDI
L'idea del matrimonio giusto è anacronistica
L'idea di garantirsi sicurezza e prestigio sposando un buon partito è fuori dal tempo e svilente. E fa male alle donne