Milano Zucchero e Catrame, quando l'arte contemporanea ti fa dire «Wow!»

Mi ritengo un grandissimo appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente

Più Popolare


Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Free As a Bird , The Baetles.

Sono le dieci di mattina, c'è un tiepido sole che schiarisce tutto, non c'è una nuvola. Quando Milano regala giornate così, il buonumore vola in alto. Non c'è traffico, carico il mio amico Davide con il car sharing, e ci dirigiamo all'Hangar Bicocca (segnatevi questo indirizzo: via Chiese 2). Per chi non lo sapesse, è una fondazione no profit, nata dalla riconversione di uno stabilimento industriale - la Breda Elettromeccanica e Locomotive - in luogo dedicato alla produzione e promozione di arte contemporanea. Detta così, lo so, fa sbadigliare, ma ho delle buone sensazioni. Sarà una bella giornata.

Più Popolare

Di solito questi posti o conquistano subito o sono così pretenziosi - e quindi fastidiosi e respingenti - da far venire voglia di entrare e iniziare a cantare a squarciagola una canzone di Pippo Franco (mito!) solo per dare fastidio a tutte quelli che sono lì per fare gli esperti a tutti i costi, guardando e dubitando per poi sbuffare o gridare al miracolo. Li detesto!

Arrivato a destinazione, parcheggio in un attimo, e mi faccio immediatamente rapire dalla struttura. Mi piace.

Siamo in mezzo alla settimana, e con noi c'è solo un gruppo di cinquanta bambini che stanno andando via. Li vedo felici, non annoiati, il che promette bene. Non so che rapporto abbiate con l'arte, a me ha cambiato la vita. Mi ha dato un senso e un fine. Parlo di musica, ovviamente. E di tutto il resto.

Mi ritengo un grandissimo appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente. In fin dei conti, l'arte contemporanea ha il compito di farti dire "Wow!". Vi sembrerà superficiale, ma alla fine tutto quello che si vede in certi posti torna indietro. Ed è in base a quello che ognuno di noi è che un quadro può emozionare o meno, non perché è super quotato o perché è all'interno di un catalogo super stiloso, ma solo se in qualche modo provoca una reazione emotiva forte (basta pippe mentali, please).

Detto questo, l'opera che mi ha completamente destabilizzato è stato il murales di OS GEMEOS: enorme, potente, immediato. Mai visto nulla di simile dal vivo. Un enorme vagone metropolitano (nel luogo dove un tempo si costruivano treni e locomotive) che corre verso… dove volete!

Advertisement - Continue Reading Below

Le installazioni e le opere di Laure Prouvost, poi, mi hanno tramortito così come I Sette Palazzi Celesti di Anselm Kiefer, anzi diciamo che questi mi hanno lasciato a bocca aperta. È come se li avessi già visti, come se fossero già presenti nei miei ricordi ed è proprio questo il bello.

È il contesto che consegna "i super poteri" a tutto quanto, diventando arte.

Arte che si mischia con una mattinata qualunque. Bel lusso. Concedetevelo.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio
Firme
CONDIVIDI
Renzi, i tribunali e il collasso del Paese
Il renzismo crolla travolto dalle inchieste e intanto il Parlamento ha smesso di fare le leggi e i partiti di fare politica
Firme
CONDIVIDI
«Una notte con uno più giovane, senza rimpianti»
«Dopo due matrimoni falliti va più che bene il carpe diem», senza recriminazioni: l'eco della tua serata arriva limpida e spavalda!