Sesso e giovani: prima di Internet c'era Cioè

Un tempo le adolescenti cercavano informazioni su Cioè, giornalino per ragazze smaliziate, nell'era digitale invece hanno il conforto della Rete: i giovani di sesso ne sanno, ma come rivela il Censis il primo rapporto arriva a 17 anni e molti confondono contraccezione e prevenzione

Più Popolare

Prima di Internet c'era Cioè. Giornalino per ragazze smaliziate che avevano curiosità pruriginose sugli improvvisi appetiti carnali deflagrati tra i cumulonembi della tempesta ormonale. Se lo scambiavano a ricreazione, leggendo avidamente le risposte date alle impavide lettrici in tema di procreazione («Se mi siedo sulle sue ginocchia posso restare incinta?»), misure («Se sono piccola di statura devo usare un tampone piccolo? E per il resto…?»), autoerotismo («Se si rompe il termometro mentre mi tocco, posso morire?»). I dubbi erano molti e la confusione tanta. Non c'erano forum online su cui riversare in totale anonimato la propria ignoranza in fatto di sesso, né genitori pronti a chiarire snodi centrali con buono zelo e poca enfasi (e sì che avevano fatto il '68), né professori illuminati né opuscoli del Miur né Rai Educational né reality a tema. C'erano solo le amiche. E i fratelli. E Cioè.

Advertisement - Continue Reading Below

Come arrivare preparate al primo bacio

Dunque, io avevo Chiara-Cittarelli. Che sull'argomento sapeva tutto. Non so se praticasse, ma sulla teoria era fortissima. Il fatto che la ricordi per nome e cognome e che così ve la citi, come se fosse il Castiglioni-Mariotti, glorioso dizionario di latino del tempo che fu, la dice lunghissima sull'imperizia e l'urgenza di fonti certe e didascaliche a cui mi appellavo per arrivare, non dico esperta ma almeno preparata, al grande appuntamento col primo bacio. Traguardo castissimo e banale, lo so, ma limonare a 13 anni può essere un problema se non sai ancora come si fa. Così un giorno, con grande vergogna, lo domandai a Chiara-Cittarelli, pretendendo non semplici dritte ma spiegazioni tecniche e puntuali. Il bacio alla francese era solo l'inizio, ben altri scogli avrei dovuto affrontate negli anni a venire. Con grande angoscia e in solitaria. Perché più si cresce più ci si sente «ciucce» a non sapere le cose e ci si muove a tentoni, prendendo informazioni smozzicate, facendo errori a volte irreparabili, rischiando. Io come tante della mia generazione.

Più Popolare

I millennials sono più sgamati ma non più precoci

Oggi, al confronto, sembra tutto facile. Ora che i giovani hanno il conforto della Rete, i siti a cui chiedere ogni cosa, le scuole che si attrezzano con corsi ad hoc, i genitori che non cambiano canale se passano in tv le scene hot. E infatti i millennials sono più sgamati di noi, come rivela l'ultima indagine Censis condotta tra mille ragazze e ragazzi tra i 12 e i 24 anni. Ma non più precoci. Il primo rapporto completo arriva a 17 anni ed è, nelle intenzioni, a zero rischi. Il 93 per cento dichiara infatti di stare attento a evitare «spiacevoli sorprese», di certo il 74 per cento si protegge. Però molti confondano contraccezione e prevenzione e credono che basti la pillola a tenersi al riparo da tutto: bambini e clamidie. Per fortuna il preservativo vigila sulla beata ignoranza dei più: è usato dal 70 per cento degli interpellati. E questo forse è merito delle campagne sull'Aids, ben noto all'89 per cento del campione.

Sesso in Rete, c'è tanta confusione

Ecco dov'è che si vedono le differenze maggiori tra noi del Paleolitico e loro dell'era digitale. Le cose le sanno, ma a volte sono troppe e confusive. Se noi ci chiedevamo se masturbarsi fa male, loro sono alle prese con quesiti esistenziali: da cosa dipende l'orientamento sessuale, e fare sesso in Rete è solo «virtuale»? Bisognerebbe chiedere a Chiara-Cittarelli. Chissà se nel frattempo ha aperto un sito.

More from Gioia!:
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio