La politica contro i giornalisti: non sparate sul cronista

I Cinquestelle pubblicano la lista dei «cattivi» accusati di avere scritto falsità su Virginia Raggi, mentre Donald Trump attacca la Cnn e in Turchia Erdogan imbavaglia la stampa di opposizione

Più Popolare

Il presidente turco Erdogan, un mezzo dittatore, i giornalisti li fa arrestare e i giornali di opposizione occupare e chiudere dalla polizia. Donald Trump accusa la Cnn di spacciare fake news, notizie false. E tenta ogni giorno di imporre al sistema dei media la sua personale agenda attraverso il profilo Twitter. Da noi, l'attacco ai mezzi di informazione è un vecchio vizio dei politici. Dall'editto bulgaro di Berlusconi – il più grave perché portò alla chiusura di programmi tv e alla censura di giornalisti e artisti critici col Cavaliere – all'insofferenza di Renzi nei confronti dei talk show accusati di «gufare» contro l'Italia, è tutto un tentativo di plasmare l'informazione per ottenere una narrazione complice e sottomessa.

Advertisement - Continue Reading Below

L'ultimo goffo tentativo di processare la stampa è dei Cinquestelle: è loro una lista di giornalisti, elencati per nome e cognome, accusati di aver scritto falsità sulle inchieste giudiziarie che coinvolgono il sindaco Virginia Raggi. Cosa c'è che non va, vi chiederete forse voi. Se uno scrive bugie, è giusto che ne risponda. È proprio questo il punto. Chi diffama è bene che sia querelato a norma del codice penale o gli venga chiesto un risarcimento ai sensi del codice civile. Oppure una rettifica a norma della legge sulla stampa. Ma stilare nomi e cognomi su una sorta di «colonna infame» non risponde a queste finalità. Serve a intimidire i cronisti e additarli alla rabbia del popolo dei social, versando le loro generalità nel pentolone fumante degli «odiatori» di Facebook.

Virginia Raggi.
Più Popolare

Quelli che pensano che il giornalismo spacci bufale per conto dei potenti e che la verità cresca abbondante e spontanea sul Web senza bisogno di competenze né mediazioni. I giornalisti non sono tutti bravi e onesti. Ma quando gli attacchi arrivano dai politici c'è quasi sempre puzza di bruciato. Soprattutto oggi che l'attacco all'informazione è diventato uno scontato ritornello demagogico, la versione neopopulista di una vecchia imprecazione: piove, cronista ladro.

More from Gioia!:
Cersei Lena Headey Il trono di spade
Firme
CONDIVIDI
Cara Lena Headey, dobbiamo parlare di Cersei Lannister
So poco di lei, la regina del Trono di spade, ma abbastanza per decidere che è la sola, in quel mucchio di scappati di casa, a meritare una...
Emergenza migranti: tutti addosso allo scafista
Firme
CONDIVIDI
Emergenza migranti: dagli allo scafista
È lui il nuovo nemico assoluto: fermarlo è la priorità, la causa comune che ci autorizza a buttare a mare tutto il resto
Firme
CONDIVIDI
Facebook, il cimitero delle nostre illusioni
La funzione «Accadde oggi» ti ricorda cosa scrivevi tot anni fa: così scopri quanto sono scemi quelli che ti sembravano intelligenti
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...