La politica contro i giornalisti: non sparate sul cronista

I Cinquestelle pubblicano la lista dei «cattivi» accusati di avere scritto falsità su Virginia Raggi, mentre Donald Trump attacca la Cnn e in Turchia Erdogan imbavaglia la stampa di opposizione

Più Popolare

Il presidente turco Erdogan, un mezzo dittatore, i giornalisti li fa arrestare e i giornali di opposizione occupare e chiudere dalla polizia. Donald Trump accusa la Cnn di spacciare fake news, notizie false. E tenta ogni giorno di imporre al sistema dei media la sua personale agenda attraverso il profilo Twitter. Da noi, l'attacco ai mezzi di informazione è un vecchio vizio dei politici. Dall'editto bulgaro di Berlusconi – il più grave perché portò alla chiusura di programmi tv e alla censura di giornalisti e artisti critici col Cavaliere – all'insofferenza di Renzi nei confronti dei talk show accusati di «gufare» contro l'Italia, è tutto un tentativo di plasmare l'informazione per ottenere una narrazione complice e sottomessa.

Advertisement - Continue Reading Below

L'ultimo goffo tentativo di processare la stampa è dei Cinquestelle: è loro una lista di giornalisti, elencati per nome e cognome, accusati di aver scritto falsità sulle inchieste giudiziarie che coinvolgono il sindaco Virginia Raggi. Cosa c'è che non va, vi chiederete forse voi. Se uno scrive bugie, è giusto che ne risponda. È proprio questo il punto. Chi diffama è bene che sia querelato a norma del codice penale o gli venga chiesto un risarcimento ai sensi del codice civile. Oppure una rettifica a norma della legge sulla stampa. Ma stilare nomi e cognomi su una sorta di «colonna infame» non risponde a queste finalità. Serve a intimidire i cronisti e additarli alla rabbia del popolo dei social, versando le loro generalità nel pentolone fumante degli «odiatori» di Facebook.

Virginia Raggi.
Più Popolare

Quelli che pensano che il giornalismo spacci bufale per conto dei potenti e che la verità cresca abbondante e spontanea sul Web senza bisogno di competenze né mediazioni. I giornalisti non sono tutti bravi e onesti. Ma quando gli attacchi arrivano dai politici c'è quasi sempre puzza di bruciato. Soprattutto oggi che l'attacco all'informazione è diventato uno scontato ritornello demagogico, la versione neopopulista di una vecchia imprecazione: piove, cronista ladro.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità
Donne vittime Il filo nascosto
Firme
CONDIVIDI
Finalmente al cinema anche le donne possono essere str**ze e bugiarde come gli uomini
È un progresso che ai personaggi femminili di film e serie tv sia offerta la stessa gamma di possibilità di quelli maschili
Donne vittime
Firme
CONDIVIDI
Donne e molestie: si può dire "no", ma non tutte ci riescono
Non si sceglie di essere prede, si accetta, ubbidendo a diktat millenari, per paura, vergogna, abitudine