Sally Yates l'aveva detto a Trump che il Muslim ban era una boiata

L'ex procuratrice e ministra ad interim, licenziata con l'accusa di tradimento, aveva provato a spiegare al presidente Donald Trump che il divieto di accesso negli Stati Uniti per i musulmani provenienti da 7 Paesi era un'idea indifendibile

Più Popolare

Se Trump avesse dato retta a Sally Yates, l'ex procuratrice generale Usa e ministra ad interim licenziata con l'accusa di tradimento, si sarebbe potuto godere il suo primo weekend presidenziale in Florida; con quel che è costato al contribuente americano, tra l'altro. Sally glielo aveva spiegato con le buone, che il Muslim ban (il divieto di accesso negli Stati Uniti per i musulmani provenienti da 7 Paesi) è una boiata indifendibile sotto parecchi punti di vista, ma lui niente, figurarsi se dava retta a una signora dalla trentennale e impeccabile carriera all'interno del Dipartimento di giustizia Usa.

Sally Yates.
Advertisement - Continue Reading Below

Così, silenziata Sally, s'è preso l'uno-due che sappiamo: prima dal giudice federale di Seattle James Robart, che ha temporaneamente bloccato il ban; poi dalla Corte d'appello di Washington, che ha respinto il ricorso urgente presentato dalla Casa Bianca. Così ha passato il suo primo weekend a twittare contro bad people, giudici e giornali, e a fare le facce brutte durante il ballo della Croce Rossa.

Manifestanti contro il Muslim ban.
More from Gioia!:
L'attrice inglese Emma Thompson rivela alla tv scandinava: l'invcecchiamento non si può combattere, deve diventare un processo sostenibile.
Firme
CONDIVIDI
Cara Emma, sei la mia amica geniale
Quante rughe mi devo far venire per diventare come te?
milano-zucchero-e-catrame-prima-estate-milanese
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, come sarà l'estate milanese?
La sto aspettando come un viaggio dall'altra parte del mondo, perché Roma per me è un libro aperto, Milano, no: ci sono le cicale?
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»