La Caporetto della grammatica: gli italiani non sanno più scrivere

I professori dell'Accademia della Crusca lanciano l'allarme: facciamo errori da terza elementare e non siamo nemmeno più capaci di esprimerci

Scopriamo all'improvviso, allarmati dall'appello di 600 professori, che gli italiani non sanno più scrivere. A dire il vero, basta poco per accorgersene. Un giretto sui social, Facebook o Twitter, ci spalanca il girone dell'inferno linguistico nel quale il popolo di Dante è precipitato. Una sagra di accenti sbagliati, apostrofi a capocchia, neologismi surreali. Una caporetto della grammatica. L'allarme somari è stato lanciato da docenti dell'Accademia della Crusca, linguisti, professori di letteratura, storici, giuristi, pedagogisti, scrittori e politologi. Da tutti coloro che si imbattono sempre più spesso in tesi e compiti scritti da universitari che compiono errori da terza elementare.

Advertisement - Continue Reading Below

Gli italiani non sanno più scrivere e neanche parlare. I colloqui con i professori di liceo svelano un paesaggio culturale giovanile da incubo. Spesso gli adolescenti non riescono a esporre con fluidità e correttezza, arroccandosi intorno a quei duecento vocaboli di uso comune che fanno procedere l'interrogazione orale in classe come una vecchia carretta asmatica in salita. Eppure raramente i professori obbligano gli studenti a leggere sistematicamente i classici, oppure ad abbandonare le sintesi scritte compilate a casa con la complicità del copia incolla digitale.

Più Popolare

Agli occhi di un padre, quel che manca alla scuola italiana è un incentivo alla lettura e all'esposizione orale, contromisura minima al dilagare dei social e della messaggistica modello WhatsApp, dove il pensiero si condensa in abbreviazioni da neolingua sconosciuta. Scrivere male vuol dire pensare male, quindi agire male. In nome della professionalizzazione della scuola abbiamo tagliato l'italiano, il latino e la filosofia. Trasformato Leopardi e Italo Svevo in simboli del superfluo. Esaltato la cultura dell'agire, del pronto subito. Come se al mondo ci fosse qualche professione dove primeggiano gli analfabeti. Come se potessimo permetterci ancora una classe dirigente che non azzecca più un congiuntivo.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, cosa ho capito dopo 1 anno in questa città
Milano mi ha cambiato il metabolismo e anche i pensieri, mettendoli tutti in fila, ordinati, uno dietro l'altro, come un domino, come una...
Hillary Clinton con Anna Wintour
Firme
CONDIVIDI
Anche Hillary Clinton ha il suo complesso (come noi)
Ci sono quelle che ti umiliano a forza di plank per gli addominali e quelle cui basta uno sguardo, come Anna Wintour
Femminicidio e libertà delle ragazze
Firme
CONDIVIDI
Femminicidi, le ragazze devono essere libere
L'amore non ordina e non vieta, le ragazze non devono avere padroni
Nessun avevva dubbi su quale fosse la natura della relazione di Katie Holmes e Jamie Foxx, ma dopo quattro anni l'embargo è stato sollevato, e ora possono farsi fotografare in pubblico.
Firme
CONDIVIDI
Katie e Jamie: storia di un amore segreto
Dopo quattro anni di smentite la storia con Jamie Foxx è confermata, ma riuscirà l'amore a sopravvivere all'ufficialità?
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: il potere dell'amore renderà possibile l'integrazione
Calcolando che già ad oggi il cognome più diffuso a Milano non è Brambilla, ma Hu e ormai iniziano a esserci generazioni di cinesi milanesi...
serie-tv-problema-di-coppia-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Le serie tv ora sono un problema di coppia
Le mie amiche si annoiano con Narcos, i mariti si addormentano con Fleabag, ma divani separati mai: cominci con Netflix e poi...
Firme
CONDIVIDI
Figli: fino a che età è giusto mantenerli?
I figli hanno diritto ad essere mantenuti fino a una certa età, i genitori, d'altra parte, a scaricarli dopo una certa età
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, l'agonia dell'ascoltare i racconti delle vacanze altrui
Armati di sorriso standard e tanta pazienza iniziamo a giro antiorario, con telefono per un supporto fotografico, a sentire gli...
Insieme al marito Mark Zuckerberg, Priscilla Chan ha scritto su Facebook una lettera, alla neonata figlia secondogenita, piena di buoni sentimenti e riassumibile in: stai lontana da Facebook
Firme
CONDIVIDI
Cara Priscilla, devi comprare un giardino più grande (per Mark)
O qualunque altra cosa possa servire a tenerlo lontano da Facebook
Bruce Springsteen concerto Broadway
Firme
CONDIVIDI
Quando il desiderio rimane in standby
E poi cerchi di consolarti dicendoti che lo spettacolo di Bruce Springsteen sarà insignificante