La Caporetto della grammatica: gli italiani non sanno più scrivere

I professori dell'Accademia della Crusca lanciano l'allarme: facciamo errori da terza elementare e non siamo nemmeno più capaci di esprimerci

Scopriamo all'improvviso, allarmati dall'appello di 600 professori, che gli italiani non sanno più scrivere. A dire il vero, basta poco per accorgersene. Un giretto sui social, Facebook o Twitter, ci spalanca il girone dell'inferno linguistico nel quale il popolo di Dante è precipitato. Una sagra di accenti sbagliati, apostrofi a capocchia, neologismi surreali. Una caporetto della grammatica. L'allarme somari è stato lanciato da docenti dell'Accademia della Crusca, linguisti, professori di letteratura, storici, giuristi, pedagogisti, scrittori e politologi. Da tutti coloro che si imbattono sempre più spesso in tesi e compiti scritti da universitari che compiono errori da terza elementare.

Advertisement - Continue Reading Below

Gli italiani non sanno più scrivere e neanche parlare. I colloqui con i professori di liceo svelano un paesaggio culturale giovanile da incubo. Spesso gli adolescenti non riescono a esporre con fluidità e correttezza, arroccandosi intorno a quei duecento vocaboli di uso comune che fanno procedere l'interrogazione orale in classe come una vecchia carretta asmatica in salita. Eppure raramente i professori obbligano gli studenti a leggere sistematicamente i classici, oppure ad abbandonare le sintesi scritte compilate a casa con la complicità del copia incolla digitale.

Più Popolare

Agli occhi di un padre, quel che manca alla scuola italiana è un incentivo alla lettura e all'esposizione orale, contromisura minima al dilagare dei social e della messaggistica modello WhatsApp, dove il pensiero si condensa in abbreviazioni da neolingua sconosciuta. Scrivere male vuol dire pensare male, quindi agire male. In nome della professionalizzazione della scuola abbiamo tagliato l'italiano, il latino e la filosofia. Trasformato Leopardi e Italo Svevo in simboli del superfluo. Esaltato la cultura dell'agire, del pronto subito. Come se al mondo ci fosse qualche professione dove primeggiano gli analfabeti. Come se potessimo permetterci ancora una classe dirigente che non azzecca più un congiuntivo.

More from Gioia!:
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio
Firme
CONDIVIDI
Renzi, i tribunali e il collasso del Paese
Il renzismo crolla travolto dalle inchieste e intanto il Parlamento ha smesso di fare le leggi e i partiti di fare politica
matteo-maffucci-foto-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città di tutti
Più passa il tempo e più mi rendo conto che il mio stupore di romano a Milano non si placherà mai: per esempio, che scoperta la metro!
Firme
CONDIVIDI
«Una notte con uno più giovane, senza rimpianti»
«Dopo due matrimoni falliti va più che bene il carpe diem», senza recriminazioni: l'eco della tua serata arriva limpida e spavalda!