Il terremoto può portare via le vite e i muri, ma non i ricordi

Il libro L'altra notte ha tremato Google Maps di Michela Monferrini è un viaggio nel dolore della perdita ma è innanzitutto un viaggio nella memoria, perché la memoria non cancella

Più Popolare

La paura. La paura, che da sempre è uno strumento di controllo, è diventata la cifra del nostro tempo. Abbiamo paura di un mucchio di cose. Dei clandestini e dei vaccini. Di attentati e meningiti. Di perdere il lavoro o di finire per strada. E per strada talvolta si può finire non per via di un licenziamento o di undivorzio, ma a causa di un'altra grande fonte di paura: quella rappresentata dallo stesso pianeta che ci ospita. E che mostra sempre più spesso una certa insofferenza nei confronti della nostra Specie. L'Uomo è la più grave minaccia all'ecosistema. E i mutamenti climatici in atto - dal livello dei mari che si alza ai ghiacciai grandi come isole che si staccano dai Poli - sono allo stesso tempo il prodotto del nostro impatto sulla Terra e il modo che la Terra ha per dirci che prima o poi potrebbe sbarazzarsi di noi. Tsunami, uragani, bombe d'acqua o alluvioni: tutte cose a cui poco per volta ci stiamo abituando. E terremoti. Che non dipendono dalla quantità di Co2 che il nostro stile di vita immette nell'atmosfera, ma che una volta di più ci fanno percepire la differenza di forze in campo tra noi e la Natura.

Advertisement - Continue Reading Below

Un libro che racconta il terremoto di Amatrice

A tutte queste cose, e anche ad altre, ho pensato quando mi sono imbattuto in un libro intitolato L'altra notte ha tremato Google Maps, scritto da Michela Monferrini per Rose Sélavy Editore all'indomani del terremoto che ha raso al suolo Amatrice. È una storia raccontata praticamente in presa diretta, i cui diritti d'autore andranno a un'associazione di genitori della località di cui in tanti si sono trovati a scoprire l'esistenza proprio in seguito alla tragedia, senza sapere che proprio lì era nata la ricetta della pasta all'amatriciana. La tesi del libro, che attraverso le parole di un ragazzino di nome Giordano - lo stesso nome di uno dei bambini che hanno perso la vita sotto le macerie la notte del 24 agosto scorso - alterna pagine di autentica poesia ad altre in cui si sorride di fronte al suo sguardo innocente, è che il terremoto può portare via le vite, i muri, ma non i ricordi.

Più Popolare

Avere memoria delle persone, per non perderle

Il viaggio di Giordano e di sua nonna davanti allo schermo del computer, lì dove grazie a Google Maps Amatrice è ancora in piedi e in piazza si vedono ancora gli uomini seduti al bar e ai balconi sono ancora appese le lenzuola, è certo un viaggio nel dolore della perdita ma è innanzitutto un viaggio nella memoria. E come scrive Dacia Maraini nell'introduzione al volume, «la memoria non si cancella». A patto che qualcuno si preoccupi di fissarla, per mezzo di immagini o di parole: come nel caso di questo breve libro prezioso, scritto mentre svaniva l'estate. Per tutti noi, in fondo, la paura più grande resta quella di perdere le persone che amiamo. E averne memoria è il solo modo che abbiamo per non perderle definitivamente dopo che per un motivo e per l'altro ci hanno lasciato.

Giuseppe Culicchia (scrittore, il suo ultimo libro è Mi sono perso in un luogo comune, Einaudi).

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?