Compriamo troppo cibo, pensiamoci la prossima volta andando al super

Lo spreco di alimenti in Italia equivale a 16 miliardi ogni anno, e 13 li buttiamo nella pattumiera di casa, cioè 30 euro al mese a famiglia: la vergogna del consumismo non consumato ci riguarda (quasi) tutti

Più Popolare

Li ho visti. Anziani e meno anziani, rovistare nei bidoni. Non erano senza tetto o disperati. Erano persone normali. Pulite, pettinate, sole. Li ho visti avvicinarsi con garbo al cassonetto all'angolo di un marciapiede e affondarci le mani, senza guardarsi intorno, come se fosse normale, come se fosse l'unico modo – quel fingere che fosse tutto ok, non provarci neppure a nascondersi – per far sembrare normale il pescare cibo dalla spazzatura. Li ho visti non fermarsi a un bidone, ma passarli in rassegna tutti, quasi fosse un lavoro: lo svuotatore di bidoni. Prima una signora sulla settantina. I capelli in ordine, un vestito leggero di chi ancora ci tiene all'aspetto esteriore, una faccia gentile. Poteva essere mia madre, o la vostra. Ha perlustrato il cestino accanto al mio portone. Ha infilato le mani fino in fondo, con un gesto lieve, quasi educato. Niente. È passata all'altro cestino, di fronte, e poi a un altro ancora. Niente. Era sera, era agosto. Ma non si è scoraggiata. Era uscita per fare la spesa, giù in strada. Qualcosa doveva pur mangiare.

Advertisement - Continue Reading Below

Patatine ingolfate nel ketchup al fast food

Poi un uomo a Firenze, in stazione. Un vecchio signore col fisico asciutto e bianchi capelli scintillanti al sole, calzoni cachi, un'andatura aristocratica e incurante del viavai dei curiosi. Durante la caccia ha trovato un avanzo di McDonald. Lauto bottino di Big Mac ciancicato, patatine ingolfate nel ketchup e Coca-Cola. Doveva averlo lasciato un viaggiatore frettoloso come me, che qualche tempo prima, transitando da lì per un weekend da pendolare estiva, mi ero lasciata convincere dalla solerte commessa del fast food a prendere un menu con extra non contemplati dal mio frugale appetito solo perché – insisteva la giovane commessa – era più conveniente: 1 euro in più e avevo quasi il doppio. Sapevo che non sarei riuscita a finirlo e l'ho lasciato infatti, ben chiuso nel sacchetto e in bilico sul bordo del cestino tra il binario 1 e il binario 2, con la forchetta per la frutta e i tovaglioli intonsi ancora dentro al cellophane. Sperando che qualcuno – un povero, un viandante senza meta – lo prendesse, ché mi sentivo in colpa per quel cartoccio di consumismo non consumato.

Più Popolare

Lo spreco di cibo è qualcosa di immorale

Equivale a 16 miliardi lo spreco di cibo in Italia ogni anno. 13 li buttiamo nella pattumiera di casa: 30 euro al mese a famiglia. Lo rivela l'indagine condotta dall'Osservatorio Waste watchers con Last minute market/Swg in occasione della Giornata nazionale di lotta allo spreco. Una vergogna che ci riguarda – quasi – tutti. Unici esclusi i Virtuosi, che vivono lo spreco come qualcosa di immorale, e un oltraggio all'ambiente. Gli altri, chi più chi meno, lo sanno che buttare «non va bene», ma lo fanno: per abitudine, distrazione, comodità, noncuranza. Perché facendo la spesa solo il sabato è normale riempire il carrello e cedere all'offerta tre per due, perché nel frigo zeppo le cose non si vedono - si «sentono» però a distanza di mesi, in avanzato stato di decomposizione; perché i broccoli sono antitumorali ma non basta comprarli bisogna pure mandarli giù; perché lo yogurt scade, prima o poi...

I maxi menu lasciamoli a chi ha fame

Poi ci sono quelli che non buttano perché non hanno, i cosiddetti Risparmiosi. Acquistano giusto quel che serve, per ragioni di budget, nessuna ideologia. È già difficile tirare avanti, che la Terra se la cavi da sé. E quelli che invece proprio chissenefrega: del clima, degli altri, della società. Comprano troppo e male. Se il mondo «soffre» non è colpa loro. E noi, chi siamo? Pensiamoci la prossima volta andando al super. E i maxi menu lasciamoli a chi ha fame.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...