«Amo mia moglie, ma mia suocera è invadente e me la mette contro»

«Non ero il marito che sua madre avrebbe voluto»: scrive un lettore, ma peggio di tutti sta la moglie, in mezzo fra due che si odiano, tentando un equilibrio impossibile

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici e ai lettori di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: ecco il suo consiglio a un uomo che ha rapporti difficili con la suocera.

«Ho 65 anni, mia moglie 18 anni di meno. Non ero il marito che i suoi avrebbero voluto: ateo, separato, più vecchio, e scrivevo cose strane. Andò bene finché vivevamo all'estero. Poi nacque nostra figlia, e il giorno stesso mia suocera sgomitò per essere la prima a prenderla in braccio. Quando ci sposammo, mise la faccia da funerale. Per lei conta solo vedere la nipote. E sempre quella frase a mia moglie: «Ricordati che la tua famiglia siamo noi». Mia moglie protegge la madre e accusa me di essere ossessionato. Esasperato da vari episodi, un giorno che sono venuti inaspettati non li ho fatti entrare. Scandalo eterno. Mia moglie è figlia unica, la madre ha sempre scaricato su di lei i suoi problemi, e si sente in colpa per avere deluso le sue aspettative sposando me. Ha un velo di tristezza per la madre e ciò mi addolora. Non sono una persona facile». Un marito

Advertisement - Continue Reading Below

La risposta di Barbara Alberti

Mi scusi se ho riassunto la sua lettera affascinante, ritratto di un anticonformista, saggio e attento all'essenziale. Avere come rivale la madre di una moglie amata è atroce. Anche mia suocera credeva di essere la padrona di suo figlio, ma lui la ridusse alla ragione. Quando trovò i suoi genitori che, in nostra assenza, facevano visitare il bambino dal loro medico di nascosto, li cacciò di casa. E non parliamo di quando diventai nonna io, mi montai subito la testa. La nonnità è una brutta bestia, ti pare d'essere madre due volte, di avere ogni diritto, e toccò a mio figlio sventare il mio primo attacco e farmi capire che un nipote non è un grimaldello per violare le vite altrui. Peggio di tutti sta sua moglie, in mezzo fra due che si odiano, tentando un equilibrio impossibile fra una madre cieca e un marito che ci vede troppo, con la straziante impressione di tradire l'uno e l'altra amandoli entrambi, e sordamente forzata a scegliere…Vincerà il primo che abbasserà le armi.

Scrivete a Barbara Alberti all'indirizzo: maleducazione.sentimentale@hearst.it

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...