L'Isis ringrazia Donald Trump per la chiusura delle frontiere

Il neo presidente Usa ha bloccato l'accesso in America ai musulmani di 7 Paesi, ma non quelli in cui la famiglia Trump ha interessi economici: lo Stato islamico esulta sul web, perché spera in una guerra civile in Occidente

Ha chiuso le frontiere americane ai musulmani di sette nazioni, creando il caos negli aeroporti e attirandosi le critiche feroci delle più grandi aziende americane, Apple e Facebook in testa. Ha innescato una guerra giuridica con i giudici delle corti federali. Ha violato non solo il diritto di quei profughi di guerra che fuggono dall'Isis, ma anche di coloro che da decenni vivono negli Usa, insegnano nelle sue università, tentano di raggiungere la propria famiglia. Tutti bloccati ai controlli di frontiera, perquisiti e ammanettati come criminali. È toccato alla trentanovenne sudanese Nisrin Omer, laureata a Harvard, dottoranda a Stanford e in possesso di regolare carta verde. Oppure a Nada, rifugiata yazida scampata al genocidio dell'Isis in Iraq e stoppata prima di salire sull'aereo che da New York l'avrebbe riportata tra le braccia del marito (nella foto d'apertura alcune donne musulmane in preghiera a Manhattan per protestare contro la decisione di Donald Trump).

Advertisement - Continue Reading Below

La decisione di Trump di bloccare l'arrivo di musulmani in America è dettata da arroganza e malafede. Il neopresidente americano la giustifica per difendersi dal terrorismo. Ma nella lista nera dei Paesi c'è l'Iran, notoriamente nemico acerrimo dell'Isis: non ci sono infatti terroristi col passaporto iraniano fra gli attentatori che hanno colpito America ed Europa negli ultimi tre anni. Molti dei terroristi dell'Isis sono invece sauditi, ma l'Arabia Saudita non è fra le nazioni colpite dal provvedimento restrittivo.

Più Popolare

Curiosamente, fuori lista sono quei Paesi a maggioranza musulmana nei quali la famiglia Trump ha interessi economici. Mentre inclusi sono Paesi economicamente meno strategici. Fra questi l'Iraq, dove Isis ha dilagato anche in conseguenza dell'invasione prima e dell'abbandono poi delle truppe americane. Inutile dire che sul web lo Stato islamico esulta per la mossa di Trump. Al Baghdadi spera infatti nella guerra civile in Occidente, con la sollevazione degli islamici. L'attentato di domenica scorsa nella moschea di Quebec City nel confinante Canada, dove sei islamici sono stati uccisi da terroristi bianchi, sembra dar corpo a quest'incubo.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo