L'Isis ringrazia Donald Trump per la chiusura delle frontiere

Il neo presidente Usa ha bloccato l'accesso in America ai musulmani di 7 Paesi, ma non quelli in cui la famiglia Trump ha interessi economici: lo Stato islamico esulta sul web, perché spera in una guerra civile in Occidente

Ha chiuso le frontiere americane ai musulmani di sette nazioni, creando il caos negli aeroporti e attirandosi le critiche feroci delle più grandi aziende americane, Apple e Facebook in testa. Ha innescato una guerra giuridica con i giudici delle corti federali. Ha violato non solo il diritto di quei profughi di guerra che fuggono dall'Isis, ma anche di coloro che da decenni vivono negli Usa, insegnano nelle sue università, tentano di raggiungere la propria famiglia. Tutti bloccati ai controlli di frontiera, perquisiti e ammanettati come criminali. È toccato alla trentanovenne sudanese Nisrin Omer, laureata a Harvard, dottoranda a Stanford e in possesso di regolare carta verde. Oppure a Nada, rifugiata yazida scampata al genocidio dell'Isis in Iraq e stoppata prima di salire sull'aereo che da New York l'avrebbe riportata tra le braccia del marito (nella foto d'apertura alcune donne musulmane in preghiera a Manhattan per protestare contro la decisione di Donald Trump).

Advertisement - Continue Reading Below

La decisione di Trump di bloccare l'arrivo di musulmani in America è dettata da arroganza e malafede. Il neopresidente americano la giustifica per difendersi dal terrorismo. Ma nella lista nera dei Paesi c'è l'Iran, notoriamente nemico acerrimo dell'Isis: non ci sono infatti terroristi col passaporto iraniano fra gli attentatori che hanno colpito America ed Europa negli ultimi tre anni. Molti dei terroristi dell'Isis sono invece sauditi, ma l'Arabia Saudita non è fra le nazioni colpite dal provvedimento restrittivo.

Più Popolare

Curiosamente, fuori lista sono quei Paesi a maggioranza musulmana nei quali la famiglia Trump ha interessi economici. Mentre inclusi sono Paesi economicamente meno strategici. Fra questi l'Iraq, dove Isis ha dilagato anche in conseguenza dell'invasione prima e dell'abbandono poi delle truppe americane. Inutile dire che sul web lo Stato islamico esulta per la mossa di Trump. Al Baghdadi spera infatti nella guerra civile in Occidente, con la sollevazione degli islamici. L'attentato di domenica scorsa nella moschea di Quebec City nel confinante Canada, dove sei islamici sono stati uccisi da terroristi bianchi, sembra dar corpo a quest'incubo.

More from Gioia!:
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio