L'Isis ringrazia Donald Trump per la chiusura delle frontiere

Il neo presidente Usa ha bloccato l'accesso in America ai musulmani di 7 Paesi, ma non quelli in cui la famiglia Trump ha interessi economici: lo Stato islamico esulta sul web, perché spera in una guerra civile in Occidente

Ha chiuso le frontiere americane ai musulmani di sette nazioni, creando il caos negli aeroporti e attirandosi le critiche feroci delle più grandi aziende americane, Apple e Facebook in testa. Ha innescato una guerra giuridica con i giudici delle corti federali. Ha violato non solo il diritto di quei profughi di guerra che fuggono dall'Isis, ma anche di coloro che da decenni vivono negli Usa, insegnano nelle sue università, tentano di raggiungere la propria famiglia. Tutti bloccati ai controlli di frontiera, perquisiti e ammanettati come criminali. È toccato alla trentanovenne sudanese Nisrin Omer, laureata a Harvard, dottoranda a Stanford e in possesso di regolare carta verde. Oppure a Nada, rifugiata yazida scampata al genocidio dell'Isis in Iraq e stoppata prima di salire sull'aereo che da New York l'avrebbe riportata tra le braccia del marito (nella foto d'apertura alcune donne musulmane in preghiera a Manhattan per protestare contro la decisione di Donald Trump).

Advertisement - Continue Reading Below

La decisione di Trump di bloccare l'arrivo di musulmani in America è dettata da arroganza e malafede. Il neopresidente americano la giustifica per difendersi dal terrorismo. Ma nella lista nera dei Paesi c'è l'Iran, notoriamente nemico acerrimo dell'Isis: non ci sono infatti terroristi col passaporto iraniano fra gli attentatori che hanno colpito America ed Europa negli ultimi tre anni. Molti dei terroristi dell'Isis sono invece sauditi, ma l'Arabia Saudita non è fra le nazioni colpite dal provvedimento restrittivo.

Più Popolare

Curiosamente, fuori lista sono quei Paesi a maggioranza musulmana nei quali la famiglia Trump ha interessi economici. Mentre inclusi sono Paesi economicamente meno strategici. Fra questi l'Iraq, dove Isis ha dilagato anche in conseguenza dell'invasione prima e dell'abbandono poi delle truppe americane. Inutile dire che sul web lo Stato islamico esulta per la mossa di Trump. Al Baghdadi spera infatti nella guerra civile in Occidente, con la sollevazione degli islamici. L'attentato di domenica scorsa nella moschea di Quebec City nel confinante Canada, dove sei islamici sono stati uccisi da terroristi bianchi, sembra dar corpo a quest'incubo.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?