«Mi sono innamorata in chat e per la prima volta soffro per amore»

«Ho avuto tutti gli uomini che ho voluto: col tempo quel viavai di corpi mi ha stancata, non c'era mai vero interesse», ma online si sfugge il rapporto: è un dispendio tecnologico senza pari, pur di eliminare il partner

Più Popolare

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici e ai lettori di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: ecco il suo consiglio a una donna che si è innamorata in chat e per la prima volta soffre per amore.

«Ho avuto tutti gli uomini che ho voluto. Col tempo quel viavai di corpi mi ha stancata, non c'era mai vero interesse. Ora mi sono innamorata in chat. Per la prima volta soffro come un cane. Non l'ho mai visto, né so se le foto che mi manda siano veramente sue. D. è il seduttore-torturatore più perverso che abbia mai incontrato. Un giorno mi adora, un giorno mi disprezza, ci sto perdendo la testa, lui dice incontriamoci, ma cambierebbe il gioco e non sono pronta...». Stralunata

Advertisement - Continue Reading Below

La risposta di Barbara Alberti

Ma certo, è così comodo che sia un'ombra, un puro strumento di dolore. Tutti i tormenti dell'amore senza l'incomodo della presenza. Tu, Don Giovanni ragazza, hai incontrato il Don Giovanni moderno, l'Inafferrabile, il Senza Volto, il Senza Bocca, il Senza Mani. E i baci? Virtuali. Non c'è più il sapore dell'altro. Non c'è l'altro. Chi è D.? Dietro potrebbe nascondersi chiunque. Un prete, una vecchia, una suora repressa, un giocherellone della Rete, un assassino, un cretino. Che t'importa? Tu che piaci agli uomini ma non sei capace di farli soffrire, perché non ami, pur di sentire qualcosa ti metti a soffrire tu. E ti sei consegnata al signor Nulla perché ti faccia male come un uomo vero, senza la soddisfazione di dirgliene quattro in faccia, perché lui la faccia non ce l'ha. Don Giovanni senza più spada, mantello, rose (e invece di Leporello, ha per servo una macchina). Il sogno del tempo nostro: sfuggire i rapporti. Un dispendio tecnologico senza pari – tutto, pur di eliminare il partner.

Scrivete a Barbara Alberti all'indirizzo: maleducazione.sentimentale@hearst.it

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?
Firme
CONDIVIDI
Terrorismo a Stoccolma e oltre: prove di guerra
Una raffica di attentati in Svezia, Egitto e Somalia ha seminato decine di morti e ha fatto crollare il mito dell'inviolabile sicurezza...
Firme
CONDIVIDI
Non si finisce mai di fare le madri
Un calciatore vince una partita e dice che sua mamma da lassù lo starà guardando, ma dovrà guardarlo giocare anche da morta?