«Mi sono innamorata in chat e per la prima volta soffro per amore»

«Ho avuto tutti gli uomini che ho voluto: col tempo quel viavai di corpi mi ha stancata, non c'era mai vero interesse», ma online si sfugge il rapporto: è un dispendio tecnologico senza pari, pur di eliminare il partner

Più Popolare

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici e ai lettori di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: ecco il suo consiglio a una donna che si è innamorata in chat e per la prima volta soffre per amore.

«Ho avuto tutti gli uomini che ho voluto. Col tempo quel viavai di corpi mi ha stancata, non c'era mai vero interesse. Ora mi sono innamorata in chat. Per la prima volta soffro come un cane. Non l'ho mai visto, né so se le foto che mi manda siano veramente sue. D. è il seduttore-torturatore più perverso che abbia mai incontrato. Un giorno mi adora, un giorno mi disprezza, ci sto perdendo la testa, lui dice incontriamoci, ma cambierebbe il gioco e non sono pronta...». Stralunata

Advertisement - Continue Reading Below

La risposta di Barbara Alberti

Ma certo, è così comodo che sia un'ombra, un puro strumento di dolore. Tutti i tormenti dell'amore senza l'incomodo della presenza. Tu, Don Giovanni ragazza, hai incontrato il Don Giovanni moderno, l'Inafferrabile, il Senza Volto, il Senza Bocca, il Senza Mani. E i baci? Virtuali. Non c'è più il sapore dell'altro. Non c'è l'altro. Chi è D.? Dietro potrebbe nascondersi chiunque. Un prete, una vecchia, una suora repressa, un giocherellone della Rete, un assassino, un cretino. Che t'importa? Tu che piaci agli uomini ma non sei capace di farli soffrire, perché non ami, pur di sentire qualcosa ti metti a soffrire tu. E ti sei consegnata al signor Nulla perché ti faccia male come un uomo vero, senza la soddisfazione di dirgliene quattro in faccia, perché lui la faccia non ce l'ha. Don Giovanni senza più spada, mantello, rose (e invece di Leporello, ha per servo una macchina). Il sogno del tempo nostro: sfuggire i rapporti. Un dispendio tecnologico senza pari – tutto, pur di eliminare il partner.

Scrivete a Barbara Alberti all'indirizzo: maleducazione.sentimentale@hearst.it

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
Renzi, i tribunali e il collasso del Paese
Il renzismo crolla travolto dalle inchieste e intanto il Parlamento ha smesso di fare le leggi e i partiti di fare politica
matteo-maffucci-foto-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città di tutti
Più passa il tempo e più mi rendo conto che il mio stupore di romano a Milano non si placherà mai: per esempio, che scoperta la metro!
Firme
CONDIVIDI
Buon compleanno Gioia! 80 anni e non sentirli
Viaggio sentimentale nella vita delle italiane: abbiamo raccontato la storia del nostro giornale intrecciandola con quella del Paese