«Mio figlio sta diventando un bullo per colpa di suo padre»

«Lo sta educando male: è diventato un prepotente», si lamenta una lettrice nella sua lettera a Gioia!, ma quando scrive che verrà su un imbecille traccia il ritratto di un marito che non ama più

Più Popolare

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: scrivetele all'indirizzo maleducazione.sentimentale@hearst.it. Ecco il suo consiglio a una lettrice che le ha scritto per una storia di educazione in famiglia: il figlio rischia di diventare un bullo per colpa del padre..

«Mio marito sta educando male nostro figlio di otto anni, che è diventato un prepotente, maltratta la sorella di cinque, e il padre sorride compiaciuto. Io difendo la bambina, lui difende il maschio. È venuto a giocare suo cugino coetaneo, mio figlio gli ha tirato un pugno, sangue dal naso, io l'ho rimproverato con severità, e lui, minaccioso: «Lo dico a papà!». Allora gli ho dato due belle sculacciate. Torna il padre, apriti cielo! Mi tratta come una delinquente... e si mette a urlare davanti al figlio: «Ma lo sai che ti potrei denunciare? Da adesso le sculacciate sono proibite per legge!». Ecco, ci mancava solo questa. Così, se correggo mio figlio divento una fuorilegge. L'indulgenza del padre lo sta guastando, è un gran dolore per me, ma soprattutto è un guaio per il suo futuro, che uomo rischia di diventare? Debole e violento, abituato a non avere mai torto, sarà un infelice e un imbecille... E adesso, anche la legge». Adele

Advertisement - Continue Reading Below

Non manca il risvolto comico: come scoprire i genitori colpevoli? Ci troveremo un carabiniere sotto il letto? O le telecamere in casa, come negli asili dove i bambini li maltrattano davvero? Tuo marito sta tirando su un bullo e una spia. Io i miei figli li ho picchiati solo due volte e non me ne sono mai pentita. La prima, il piccolo aveva quattro anni, lo tenevo sulle ginocchia e d'un tratto mi sputa in faccia. Io gli do uno schiaffo. Mica ho pensato: «Sarà educativo o no?», ho agito d'impulso. Non lo ha fatto più. In seguito, quando lui e la sorella erano adolescenti, io stavo cucinando, si mettono a litigare davanti a me. Li prego di smettere, niente, anzi peggio. Alla fine lascio la padella e mollo due sberle a entrambi. La figlia, commossa: «Credevo che non sarebbe mai successo!». Il figlio corre a telefonare a un amico e si vanta, tutto fiero: «La mamma m'ha menato!». Quando scrivi: «Verrà su un infelice e un imbecille» tracci il ritratto di un marito che non stimi più (d'amore non se ne parla).

Scrivete a Barbara Alberti all'indirizzo: maleducazione.sentimentale@hearst.it

More from Gioia!:
Hillary Clinton con Anna Wintour
Firme
CONDIVIDI
Anche Hillary Clinton ha il suo complesso (come noi)
Ci sono quelle che ti umiliano a forza di plank per gli addominali e quelle cui basta uno sguardo, come Anna Wintour
Femminicidio e libertà delle ragazze
Firme
CONDIVIDI
Femminicidi, le ragazze devono essere libere
L'amore non ordina e non vieta, le ragazze non devono avere padroni
Nessun avevva dubbi su quale fosse la natura della relazione di Katie Holmes e Jamie Foxx, ma dopo quattro anni l'embargo è stato sollevato, e ora possono farsi fotografare in pubblico.
Firme
CONDIVIDI
Katie e Jamie: storia di un amore segreto
Dopo quattro anni di smentite la storia con Jamie Foxx è confermata, ma riuscirà l'amore a sopravvivere all'ufficialità?
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: il potere dell'amore renderà possibile l'integrazione
Calcolando che già ad oggi il cognome più diffuso a Milano non è Brambilla, ma Hu e ormai iniziano a esserci generazioni di cinesi milanesi...
serie-tv-problema-di-coppia-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Le serie tv ora sono un problema di coppia
Le mie amiche si annoiano con Narcos, i mariti si addormentano con Fleabag, ma divani separati mai: cominci con Netflix e poi...
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, l'agonia dell'ascoltare i racconti delle vacanze altrui
Armati di sorriso standard e tanta pazienza iniziamo a giro antiorario, con telefono per un supporto fotografico, a sentire gli...
Insieme al marito Mark Zuckerberg, Priscilla Chan ha scritto su Facebook una lettera, alla neonata figlia secondogenita, piena di buoni sentimenti e riassumibile in: stai lontana da Facebook
Firme
CONDIVIDI
Cara Priscilla, devi comprare un giardino più grande (per Mark)
O qualunque altra cosa possa servire a tenerlo lontano da Facebook
Bruce Springsteen concerto Broadway
Firme
CONDIVIDI
Quando il desiderio rimane in standby
E poi cerchi di consolarti dicendoti che lo spettacolo di Bruce Springsteen sarà insignificante
Firme
CONDIVIDI
Anche una pacca sul sedere è molestia sessuale
La popstar ha vinto in tribunale contro un dj che l'aveva palpeggiata: anche questo è un abuso, che non può essere accettato o sminuito
Helen Mirren film Paolo Virzì
Firme
CONDIVIDI
Niente «cose da vecchia» per Helen Mirren se il regista è Virzì
L'attrice 71enne recita in Elle & John, film «di malati terminali», e Paolo Virzì le ha spiegato un'ovvietà: si ammalano anche i giovani