Il senso di Donald Trump per le bionde

Da Kellyanne Conway, seconda donna più importante d'America e l'unica capace di gestire il capriccioso-in-chief, all'imprenditrice Linda Bean, fino a Monica Crowley, che doveva diventare portavoce del Consiglio di sicurezza

Più Popolare

Il giorno dell'insediamento di Donald Trump, la donna che gli ha fatto vincere le elezioni ha compiuto cinquant'anni. Kellyanne Conway (nella foto d'apertura insieme a Trump) con ha quattro figli e l'allenamento coi mocciosi l'ha resa l'unica capace di gestire il capriccioso-in-chief: quando in tv le chiedono se ogni tanto non desidera che il capo la smetta di scrivere scemenze su Twitter, dice di no con l'enfasi delle madri cui i figli chiedono se quello nascosto nell'armadio sia l'idraulico. Da capo della campagna elettorale a consigliere del Presidente, l'ascesa della seconda bionda più potente d'America (la prima è Ivanka, naturalmente) passa per il suo personalissimo femminismo: «Se le donne vogliono essere prese sul serio sul lavoro, inizino a comportarsi con femminilità». Una chiara presa di posizione contro i tailleur pantalone della povera Hillary.

Advertisement - Continue Reading Below

Chissà cosa pensa Kellyanne di Caitlyn Jenner, una delle poche celebrità ad accettare l'invito al galà per l'insediamento, con tanto di battuta di spirito del portavoce: «Non so se balleranno: in caso, chi dei due condurrebbe le danze?». Poco prima dell'inizio del mandato trumpiano, il Daily Beast ha raccolto le sconsolate testimonianze di due rappresentanti dello staff uscente della Casa Bianca: spiegavano che loro aiuterebbero anche lo staff di Trump a capire come funziona, ma, appena finiscono di spiegare le cose a un nuovo assunto, quello è costretto a dimettersi. Monica Crowley, per esempio: doveva essere la portavoce del Consiglio di sicurezza finché non si è scoperto che, dalla sua tesi di dottorato al suo ultimo libro, aveva plagiato tutto.

Più Popolare

Non è colpa di Trump: lui ci prova, ad aiutare le donne. Linda Bean, repubblicana, è una delle proprietarie dell'azienda di famiglia, L.L. Bean (fanno abbigliamento casual); gli antitrumpisti hanno suggerito un boicottaggio (sì, come facevano ai tempi con gli inserzionisti delle tv di Berlusconi: è incredibile quanto sia tutto uguale). Donald, generoso, ha twittato «Comprate L.L. Bean». Ma certo: è un'azienda americana. La cui proprietaria ha donato 60.000 dollari alla sua campagna.

L'imprenditrice Linda Bean, che ha finanziato la campagna di Trump.
More from Gioia!:
Hillary Clinton con Anna Wintour
Firme
CONDIVIDI
Anche Hillary Clinton ha il suo complesso (come noi)
Ci sono quelle che ti umiliano a forza di plank per gli addominali e quelle cui basta uno sguardo, come Anna Wintour
Femminicidio e libertà delle ragazze
Firme
CONDIVIDI
Femminicidi, le ragazze devono essere libere
L'amore non ordina e non vieta, le ragazze non devono avere padroni
Nessun avevva dubbi su quale fosse la natura della relazione di Katie Holmes e Jamie Foxx, ma dopo quattro anni l'embargo è stato sollevato, e ora possono farsi fotografare in pubblico.
Firme
CONDIVIDI
Katie e Jamie: storia di un amore segreto
Dopo quattro anni di smentite la storia con Jamie Foxx è confermata, ma riuscirà l'amore a sopravvivere all'ufficialità?
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: il potere dell'amore renderà possibile l'integrazione
Calcolando che già ad oggi il cognome più diffuso a Milano non è Brambilla, ma Hu e ormai iniziano a esserci generazioni di cinesi milanesi...
serie-tv-problema-di-coppia-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Le serie tv ora sono un problema di coppia
Le mie amiche si annoiano con Narcos, i mariti si addormentano con Fleabag, ma divani separati mai: cominci con Netflix e poi...
Firme
CONDIVIDI
Figli: fino a che età è giusto mantenerli?
I figli hanno diritto ad essere mantenuti fino a una certa età, i genitori, d'altra parte, a scaricarli dopo una certa età
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, l'agonia dell'ascoltare i racconti delle vacanze altrui
Armati di sorriso standard e tanta pazienza iniziamo a giro antiorario, con telefono per un supporto fotografico, a sentire gli...
Insieme al marito Mark Zuckerberg, Priscilla Chan ha scritto su Facebook una lettera, alla neonata figlia secondogenita, piena di buoni sentimenti e riassumibile in: stai lontana da Facebook
Firme
CONDIVIDI
Cara Priscilla, devi comprare un giardino più grande (per Mark)
O qualunque altra cosa possa servire a tenerlo lontano da Facebook
Bruce Springsteen concerto Broadway
Firme
CONDIVIDI
Quando il desiderio rimane in standby
E poi cerchi di consolarti dicendoti che lo spettacolo di Bruce Springsteen sarà insignificante
Helen Mirren film Paolo Virzì
Firme
CONDIVIDI
Niente «cose da vecchia» per Helen Mirren se il regista è Virzì
L'attrice 71enne recita in Elle & John, film «di malati terminali», e Paolo Virzì le ha spiegato un'ovvietà: si ammalano anche i giovani