Il senso di Donald Trump per le bionde

Da Kellyanne Conway, seconda donna più importante d'America e l'unica capace di gestire il capriccioso-in-chief, all'imprenditrice Linda Bean, fino a Monica Crowley, che doveva diventare portavoce del Consiglio di sicurezza

Più Popolare

Il giorno dell'insediamento di Donald Trump, la donna che gli ha fatto vincere le elezioni ha compiuto cinquant'anni. Kellyanne Conway (nella foto d'apertura insieme a Trump) con ha quattro figli e l'allenamento coi mocciosi l'ha resa l'unica capace di gestire il capriccioso-in-chief: quando in tv le chiedono se ogni tanto non desidera che il capo la smetta di scrivere scemenze su Twitter, dice di no con l'enfasi delle madri cui i figli chiedono se quello nascosto nell'armadio sia l'idraulico. Da capo della campagna elettorale a consigliere del Presidente, l'ascesa della seconda bionda più potente d'America (la prima è Ivanka, naturalmente) passa per il suo personalissimo femminismo: «Se le donne vogliono essere prese sul serio sul lavoro, inizino a comportarsi con femminilità». Una chiara presa di posizione contro i tailleur pantalone della povera Hillary.

Advertisement - Continue Reading Below

Chissà cosa pensa Kellyanne di Caitlyn Jenner, una delle poche celebrità ad accettare l'invito al galà per l'insediamento, con tanto di battuta di spirito del portavoce: «Non so se balleranno: in caso, chi dei due condurrebbe le danze?». Poco prima dell'inizio del mandato trumpiano, il Daily Beast ha raccolto le sconsolate testimonianze di due rappresentanti dello staff uscente della Casa Bianca: spiegavano che loro aiuterebbero anche lo staff di Trump a capire come funziona, ma, appena finiscono di spiegare le cose a un nuovo assunto, quello è costretto a dimettersi. Monica Crowley, per esempio: doveva essere la portavoce del Consiglio di sicurezza finché non si è scoperto che, dalla sua tesi di dottorato al suo ultimo libro, aveva plagiato tutto.

Più Popolare

Non è colpa di Trump: lui ci prova, ad aiutare le donne. Linda Bean, repubblicana, è una delle proprietarie dell'azienda di famiglia, L.L. Bean (fanno abbigliamento casual); gli antitrumpisti hanno suggerito un boicottaggio (sì, come facevano ai tempi con gli inserzionisti delle tv di Berlusconi: è incredibile quanto sia tutto uguale). Donald, generoso, ha twittato «Comprate L.L. Bean». Ma certo: è un'azienda americana. La cui proprietaria ha donato 60.000 dollari alla sua campagna.

L'imprenditrice Linda Bean, che ha finanziato la campagna di Trump.
More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?