Terremoto Abruzzo: Rigopiano e l'Italia che non frana

Per sopportare il pensiero delle vittime, dei paesi distrutti e delle persone da mesi sotto le tende conviene aggrapparsi alle competenze e all'umanità dimostrate dalla nostra Protezione civile e dai volontari

Più Popolare

II bambino che viene, letteralmente, alla luce, prima la testa, poi le spalle. Le mani dei soccorritori che con gesti da levatrice, lo estraggono dal cunicolo. L'immagine simbolo dell'immensa sciagura che ha colpito il Centro Italia ha la forza creatrice d'un parto e no, non è un miracolo, ma il frutto del lavoro sapiente, della formazione, della serietà di chi, in condizioni d'indicibile disagio, s'è messo a scavare mentre gran parte del Paese aveva già deciso di dare per morte tutte le persone intrappolate sotto le macerie dell'hotel Rigopiano. Ora lo sappiamo: a dispetto dei cinici, dei pessimisti e dei cialtroni – soprattutto, tanti cialtroni – quella dell'Italia che frana, che muore sotto le sue stesse macerie non è l'unica metafora capace di raccontare quel che siamo. Ora dovremmo ricordarcene: non sono le polemiche astiose e ignoranti a "riportare alla luce", ma le competenze e l'umanità di cui la nostra Protezione civile, e i volontari, sono uno degli esempi più alti.

Advertisement - Continue Reading Below

È al saper fare di tanta parte d'Italia – in definitiva, alla cultura nel senso più ampio e però assai preciso – che conviene aggrapparsi, per sopportare il pensiero dei paesi distrutti, delle persone da mesi sotto le tende, della terra che torna a tremare quando la neve ostruisce le vie di fuga, delle previsioni angoscianti («Non ci sono evidenze che la sequenza sismica sia in esaurimento», fa sapere la Commissione grandi rischi), delle polemiche da talk show. Degli uomini e delle donne che non è stato possibile salvare, morti tra la neve e i detriti dell'albergo in cui stavano lavorando o trascorrendo un pugno di ore felici.

Più Popolare

Per tutto il resto ci sono i magistrati, che sono cosa diversa dai tribunali del popolo. L'inchiesta sugli ultimi tragici eventi è aperta, il bollettino valanghe di quei giorni è sul tavolo dei procuratori di Pescara: già il 12 gennaio era stato lanciato l'allarme valanghe sull'Appennino abruzzese («rischio forte»); il 16 e il 17 l'allerta per il Gran Sasso era al grado 4, un pelo dal massimo. Posto che lì la neve in gennaio non è una sorpresa, la domanda formulata è l'unica sensata: «Vorremmo capire», avrebbero detto in Procura, «se qualcosa si era attivato per la prevenzione, o se tutti questi warning servono a riempire i cassetti».

Chi può, continui a donare. 28 i milioni di euro in donazioni (via sms) raccolti fino a ora dalla Protezione civile. Quei fondi, frutto della solidarietà diffusa, non sono «scomparsi» come qualcuno ha insinuato. Non c'è nessuno scandalo. Destinati alla ricostruzione post terremoto, verranno utilizzati quando finirà la fase di gestione dell'emergenza che è invece sostenuta con denaro stanziato dallo Stato.

More from Gioia!:
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare
Pharrell Williams e sua moglie Helen Lasichanh sono diventati da poco genitori di tre gemelli, ma il cantante di Happy dice di non aver mai cambiato un pannolino: ecco come convincere anche i padri più pigri ad alzarsi di notte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Helen, bisogna addestrare i padri (come Pharrell)
Soprattutto di notte: non importa quanto stanchi siano, per fare alzare i maschi dal letto dopo la mezzanotte funziona un solo argomento
Esodo estate vacanza anziani in città
Firme
CONDIVIDI
È iniziato l'esodo estivo, ma qualcuno non parte
Mentre felici prepariamo la fuga, pensiamo a chi non andrà in vacanza: gli anziani, lasciati in balia del Ferragosto, e i precari a vita
Migranti emergenza piano Ue chiusura porti
Firme
CONDIVIDI
Sempre più migranti verso l'Italia, l'invitante terra di mezzo
Complici l'estate e il mare calmo, gli sbarchi aumentano e il nostro Paese è in prima linea, ma nessun blocco navale può risolvere...
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, la dolce bellezza della solitudine
Mi sono accorto che dal primo luglio, Milano si trasforma nella città dei papà, che fingono tristezza nel rimanere soli