Milano Zucchero e Catrame, quanto è bello remare sui Navigli

Un'avventura che è anche poesia: salpare e navigare in compagnia, guardare la città da un punto di vista diverso, formare una squadra con perfetti sconosciuti: basta poco per vivere un momento che unisce

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: The Moon Song di Karen O and Ezra Koening

L'appuntamento era alle 11.45. Simone Lunghi mi aspettava all'entrata del Circolo San Cristoforo (segnatevi l'indirizzo: Alzaia Naviglio Grande 122; su Facebook cercate CanottieriSanCristoforo). Sorridente, entusiasta, con gli occhi luccicanti di chi sa che "spaccia" momenti da ricordare. Ottimo pusher.

Si è inventato qualcosa che, nella sua semplicità, è una vera e propria attrazione. Non una giostra, ma un'esperienza. Che è un'altra cosa.

L'idea è semplice: salpare e navigare lungo i Navigli.

Più Popolare

Confesso. Mi aspettavo una barca a motore... Un piccolo giro, comodo comodo, magari al calduccio, per guardare Milano con occhi diversi. Dall'acqua e dal basso, quattro chiacchiere, qualche curiosità soddisfatta e poi via. Nulla di tutto questo. Mi sbagliavo. L'esperienza è stata completa. Ho remato insieme a perfetti sconosciuti più un amico, un cane favoloso di nome Macchia, e Simone che ci dava il tempo giusto. Una squadra "olimpica" formata in dieci minuti. Ci siamo voluti bene per un po' di tempo. Una bellissima ora con persone di cui non ricordo il nome ma con cui ho condiviso qualcosa. Lo stupore. È bastato perdere per qualche minuto quell'atteggiamento un po' snob che mi porto dietro come fosse uno zaino ingombrante, per godermi a pieno un'ora di una Milano sempre più sorprendente.

È tutto più nuovo e speciale in questa città vista da una barchetta stretta e lunga, con l'acqua che ti bagna la faccia, il freddo che ti entra nelle ossa, un cielo azzurro bello punto e basta. E poi la fatica. Condivisa. Si remava tutti insieme, l'altro giorno. Per uno pigro come me è stato qualcosa di rivoluzionario. Ho amato la piccola avventura, ma anche la poesia da trovare nei piccoli movimenti, nel gridare tutti insieme "Oh" e pagaiare, le risate degli altri e la storia affascinante che questi canali portano in dote.

In mezzo all'acqua, con una città che lavorava come sempre, io mi sono sentito un privilegiato. Ho investito sulla curiosità, sulla voglia che ho di scoprire Milano in ogni suo aspetto, tralasciando per ora l'ovvio e dedicandomi al suo contrario. O almeno provandoci. È la forza di chi arriva in un posto che non conosce che ti spinge a fare di più e di sparigliare le carte. A Roma non lo avrei mai fatto, non mi sarei "sporcato le mani". Perché? Non lo so. Ma qui, a Milano, per me, diventa racconto. Un gioco che diventa una goduria.

Davvero, se avete un'ora di tempo da dedicare a voi stessi, fatelo. Portate amici, figli, la vostra azienda o il vostro gruppo di lavoro, la vostra donna o il vostro uomo. È davvero stupefacente notare come basta poco per vivere un momento che unisce.

Vi sembra poco? A me no, soprattutto quando sei lontano da casa e stai cercando di mettere in piedi un'altra famiglia, un'altra casa, un altro ritmo, un altro approccio, un altro te. Quando ti avvicini ai quaranta, regalarsi un'altra chance per crescere ancora e contemporaneamente sentirsi un "pischello" , non ha prezzo.

L'idea che ha avuto Simone mi fa pensare alle prime volte che usavo l'iPod.

Ascoltavo musica, ma in maniera diversa.

Sono a Milano, ma è un'altra città. O è sempre la stessa che mi avevano raccontato male?

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto,lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?
Firme
CONDIVIDI
Il maniaco senza qualità è peggio di Weinstein
C'è chi pensa di poterti saltare addosso senza possedere punti di forza evidenti, e senza che tu gli abbia dato il via libera