Reese Whiterspoon, vogliamo il terzo Legally blonde

L'attrice si è detta è pronta a girare il terzo episodio della rivincita delle bionde, e noi siamo contente: c'è ancora bisogno di Elle Woods

Più Popolare

Cara Reese Whiterspoon, per niente al mondo mi perderei il terzo Legally blonde.

Alla fine del secondo film l'avvocato Elle Woods, paladina dei diritti dei chihuahua, guidava verso l'avvenire la sua cabriolet rosa confetto – addobbata a nozze, non bastasse – e guardava con una qual concupiscenza la Casa Bianca nei paraggi. Era il 2003, e tutto doveva ancora succedere. Per appassionare le ragazzine al femminismo bisognava vestire la protagonista da Barbie Campidoglio, e insistere sui fondamentali: non importa cosa sembri, conta dove vuoi arrivare.

Advertisement - Continue Reading Below

All'epoca, dici, soffrivi della «sindrome di Puffetta»: unica donna in un mondo di uomini. Poi il femminismo è diventato di moda, e la moda è diventata femminista: tacchi bassi, vita alta, mutande comode – persino Karl Lagerfeld ha mascherato le modelle da militanti. Non c'era più bisogno di continuare a raccontare le avventure di Elle Woods in tubino impraticabile all'inseguimento del prestigioso incarico: avevamo Hillary favorita, Beyoncé canonizzata, falangi di celebrità pronte a indignarsi al primo sgarbo. Sembrava fatta.

Più Popolare

Invece il 2016 è stato l'anno in cui il femminismo ha perso. Così: di botto. Non mi fosse stato chiaro, sono andata al cinema a vedere Oceania, il primo cartone Disney femministicamente corretto sin dalle intenzioni. Se non le prime, almeno le seconde, ché la protagonista in originale si chiama Moana ma, non so se sai, hanno dovuto cambiarle nome – qui è Vaiana – perché non puoi chiamare un esempio per bambine come una leggenda del porno. E se poi quelle googlano?

E perciò Va-ia-na – ho sillabato togliendo gli occhialini 3D alle apprendiste suffragette di mia competenza – è la prima eroina Disney che a combattere ci va lei. «No, mamma», mi hanno spiegato, «c'è già Mulan». Ah. E allora Vaiana è la prima eroina Disney che non ha un fidanzato. «No, mamma», sottinteso: che pazienza, «quella è Ribelle». Ah. Ma almeno 'sta Vaiana è la prima eroina Disney con le caviglie grosse? «No, mamma, c'è Lilo». Chi? «Li-lo, di Lilo e Stitch». Vabbè, ma è minore. «Eh?». Uffa.

Alla fine, tutta la portata rivoluzionaria di questa Vaiana consiste nel dichiararsi esplicitamente «non principessa». Nonostante il vestitino e l'animale da compagnia lei – puntualizza più volte – non ha incarichi ufficiali, è soltanto «la figlia del capo». Praticamente: Ivanka Trump. Capisci pure tu che abbiamo sbagliato tutto, Reese. Dobbiamo ripensare, riavvolgere, ricominciare da Elle Woods. Che non si vergognava di sembrare Paris Hilton, e contemporaneamente poteva diventare presidente.

More from Gioia!:
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo
Lucio Dalla Sky Arte 33 giri
Firme
CONDIVIDI
Lucio Dalla: com'è (ancora) profondo il mare 40 anni dopo
Il primo documentario di un ciclo di Sky Arte sui vecchi dischi è dedicato a questo autore e contiene delle meraviglie
Madre e figlia rapporto
Firme
CONDIVIDI
L'amore di una mamma può essere una coperta che soffoca
Ci sono mamme che ti tirano a fondo e mamme che ti buttano lontano, perché sanno che appartieni al mondo
Se venisse confermato l'annullamento dell'assegno di divorzio stabilito dalla Corte d'appello di Milano, la ex-moglie di Berlusconi, Veronica Lario, dovrebbe rivedere il suo stile di vita, ecco alcuni consigli.
Firme
CONDIVIDI
Cara Veronica, se serve facciamo una colletta
Silvio rivuole indietro 43 milioni, e la parsimonia logora. Per riprenderti è necessaria una crociera nei mari del sud
Firme
CONDIVIDI
Com'era moderna Mary Astor, e ciò che scriveva sui suoi diari bollenti lo dimostra
Anche lei non sapeva che nessun adulterio può essere davvero segreto: una così, oggi, darebbe il voto agli amanti su Facebook
Violenza sulle donne stereotipi da eliminare
Firme
CONDIVIDI
C'è solo un modo per sradicare la violenza sulle donne
Bisogna sradicare anzitutto gli stereotipi di genere, per cambiare la mentalità che accetta e tollera gli abusi fisici e sessuali
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai