Reese Whiterspoon, vogliamo il terzo Legally blonde

L'attrice si è detta è pronta a girare il terzo episodio della rivincita delle bionde, e noi siamo contente: c'è ancora bisogno di Elle Woods

Più Popolare

Cara Reese Whiterspoon, per niente al mondo mi perderei il terzo Legally blonde.

Alla fine del secondo film l'avvocato Elle Woods, paladina dei diritti dei chihuahua, guidava verso l'avvenire la sua cabriolet rosa confetto – addobbata a nozze, non bastasse – e guardava con una qual concupiscenza la Casa Bianca nei paraggi. Era il 2003, e tutto doveva ancora succedere. Per appassionare le ragazzine al femminismo bisognava vestire la protagonista da Barbie Campidoglio, e insistere sui fondamentali: non importa cosa sembri, conta dove vuoi arrivare.

Advertisement - Continue Reading Below

All'epoca, dici, soffrivi della «sindrome di Puffetta»: unica donna in un mondo di uomini. Poi il femminismo è diventato di moda, e la moda è diventata femminista: tacchi bassi, vita alta, mutande comode – persino Karl Lagerfeld ha mascherato le modelle da militanti. Non c'era più bisogno di continuare a raccontare le avventure di Elle Woods in tubino impraticabile all'inseguimento del prestigioso incarico: avevamo Hillary favorita, Beyoncé canonizzata, falangi di celebrità pronte a indignarsi al primo sgarbo. Sembrava fatta.

Più Popolare

Invece il 2016 è stato l'anno in cui il femminismo ha perso. Così: di botto. Non mi fosse stato chiaro, sono andata al cinema a vedere Oceania, il primo cartone Disney femministicamente corretto sin dalle intenzioni. Se non le prime, almeno le seconde, ché la protagonista in originale si chiama Moana ma, non so se sai, hanno dovuto cambiarle nome – qui è Vaiana – perché non puoi chiamare un esempio per bambine come una leggenda del porno. E se poi quelle googlano?

E perciò Va-ia-na – ho sillabato togliendo gli occhialini 3D alle apprendiste suffragette di mia competenza – è la prima eroina Disney che a combattere ci va lei. «No, mamma», mi hanno spiegato, «c'è già Mulan». Ah. E allora Vaiana è la prima eroina Disney che non ha un fidanzato. «No, mamma», sottinteso: che pazienza, «quella è Ribelle». Ah. Ma almeno 'sta Vaiana è la prima eroina Disney con le caviglie grosse? «No, mamma, c'è Lilo». Chi? «Li-lo, di Lilo e Stitch». Vabbè, ma è minore. «Eh?». Uffa.

Alla fine, tutta la portata rivoluzionaria di questa Vaiana consiste nel dichiararsi esplicitamente «non principessa». Nonostante il vestitino e l'animale da compagnia lei – puntualizza più volte – non ha incarichi ufficiali, è soltanto «la figlia del capo». Praticamente: Ivanka Trump. Capisci pure tu che abbiamo sbagliato tutto, Reese. Dobbiamo ripensare, riavvolgere, ricominciare da Elle Woods. Che non si vergognava di sembrare Paris Hilton, e contemporaneamente poteva diventare presidente.

More from Gioia!:
Primo amore da vivere senza riserve
Firme
CONDIVIDI
Primo amore: vivilo senza riserve
Altri ne verranno, di amori che tolgono il respiro, ma nessuno avrà la forza dirompente e fiduciosa di questo, acerbo e senza codici
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, quando i saluti più veri sono quelli tra te e te
Milano si comporta come Roma, quando la lasci non ti saluta, ma devi salutarla tu: quando ero adolescente prendevo il motorino e andavo...
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà