Ai terremotati servono soluzioni, non polemiche

Dal 24 agosto, sono arrivate 54 mila scosse, poi la neve e il crollo dell'hotel: l'Italia, ad alto rischio sismico, combatte da sempre con i sussulti della terra, ma ancora è impreparata a prevenire e gestire l'emergenza

Più Popolare

Trovarsi in una situazione di pericolo, come quando c'è un terremoto, e non riuscire a muoversi. A volte capita in sogno ed è terribile. Soprattutto se si verifica in quello strano stato di confine tra la veglia e il sonno, in cui la mente è vigile e il corpo incapace di rispondere ai comandi: tutto è immobile e pietrificato come sotto incantesimo. Paralisi notturna, la chiamano. Chi l'ha provata dice che è un'esperienza spaventosa. Volere alzarsi, scappare e non riuscire.

Advertisement - Continue Reading Below

La terra ha tremato e poi è arrivata la neve

Per la gente di Montereale (Aq), epicentro dell'ultima potente scossa sismica, e degli altri comuni limitrofi appoggiati come tazzine sulla faglia maledetta che da agosto fa ballare il Centro Italia, non era un sogno. Quando la terra ha tremato – quattro scosse sismiche di magnitudo tra 5.1 e 5.4 – l'istinto di fuggire è stato forte, ma è stato bloccato dalla neve. Il mondo crollava sopra le loro teste, col solito tintinnio di vetri e ninnoli e grida scomposte e pianti e silenzio di piombo, e fuori un muro bianco di ghiaccio impediva di correre altrove, lontano dalle cose che si squartano e si sbriciolano, per mettersi in salvo.

Più Popolare

I soccorritori scavavano con le pale e con le mani

Imprigionati dalla neve. Mentre una slavina si portava via un albergo a Farindola, sul Gran Sasso - 24 morti, 11 sopravvissuti e 5 dispersi al momento in cui scrivo - mentre i primi soccorritori, arrivati nel cuore della notte con gli sci, scavavano con le pale e con le mani dicendo a bassa voce «Ci sono, resisti, non morire» a chi era seppellito in quel perimetro di gelo e di macerie; mentre crollava ad Amatrice il campanile rimasto indenne dal tagadà di agosto e di ottobre, e peggiorava la conta delle vittime e si accresceva il numero degli sfollati accolti nei palazzetti dello sport e negli edifici comunali messi a disposizione dai sindaci, sgomenti e impotenti di fronte a quella che definivano una «situazione apocalittica».

L'Italia è il Paese geologicamente più attivo del Mediterraneo

45.000 scosse dal 24 agosto a oggi. Gli scienziati dell'Istituto di geofisica sostengono che una successione così ravvicinata non si era mai verificata prima. Poi ci si è messa la bufera: tre giorni ininterrotti di vento e neve che hanno inghiottito in poche ore le case e i campi ad alta quota sotto una coltre di 40 cm. I vecchi del posto dicono che era da almeno 30 anni che non si vedeva una nevicata così. Ma in quelle località il meteo è infido da sempre. E anche la terra che sta sotto. L'Italia è il Paese geologicamente più attivo del Mediterraneo. È dall'inizio della nostra storia che combattiamo con i sussulti della crosta terrestre e ancora abbiamo imparato poco o niente. Non tanto e non solo sulla capacità di gestire un'emergenza. Ma sull'incapacità di sentirsi, almeno nella disgrazia, vicini e solidali. La Commissione grandi rischi adesso segnala un altro fronte di allarme a Campotosto, secondo lago artificiale d'Europa, a 20 chilometri da Amatrice, dove tre dighe poggiano sopra la faglia parzialmente riattivata. Non è il momento delle polemiche, ma delle soluzioni. Rapide, ragionate e senza tante chiacchiere. Come le mani di chi ha strappato alle fauci della neve le vite intrappolate nell'hotel.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente
Firme
CONDIVIDI
«Fa l'amore con me e poi loda sua moglie»
Sei capitata con il più classico dei moglioni, cioè il mammone della moglie, che tradisce sempre ma non se ne va mai
Firme
CONDIVIDI
Il terremoto non può portare via i ricordi
Michela Monferrini ha scritto un libro che è un viaggio nel dolore della perdita ma anche un viaggio nella memoria
Firme
CONDIVIDI
Politica vs stampa: non sparate sul cronista
Tempi duri per la libertà di stampa: dalla Turchia agli Usa, fino all'Italia, i politici forzano la mano sui giornalisti
Firme
CONDIVIDI
Sesso e giovani: prima di Internet c'era Cioè
I ragazzi di oggi, rivela il Censis, di sesso ne sanno, ma il primo rapporto arriva a 17 anni e molti confondono contraccezione e...
Firme
CONDIVIDI
La Caporetto della grammatica
I professori dell'Accademia della Crusca lanciano l'allarme: gli italiani non sanno più scrivere né parlare