Sicurezza stradale: la tragedia degli studenti Erasmus e i rischi delle gite scolastiche in pullman

Il tragico incidente che ha coinvolto un gruppo di ragazzi in Spagna fa riflettere sulle problematiche che rendono i viaggi in pullman poco sicuri: dalla guida notturna agli autisti troppo stressati​

Più Popolare

Tra tutte le sciagure teoriche e insondabili, che tengono svegli i genitori la notte, la gita scolastica occupa una posizione tra il sette e l'otto, forse di più. Perché racchiude in sé tante paure – lo sballo, le ore piccole, l'assenza di controllo – ma una più di tutte: gli incidenti. Contro l'imponderabile dell'incidente stradale, ogni certezza arretra, ogni tentativo di autorassicurazione si muove a tentoni su un terreno sdrucciolevole. Perché non c'è niente che tu, padre o madre, possa fare contro quell'enne margine di rischio che sempre c'è quando consegni tuo figlio alla strada. Nessuna raccomandazione, nessun insegnamento dato con paziente somministrazione, possono nulla di fronte a quella scommessa di asfalto e benzina.

Advertisement - Continue Reading Below

La terribile tragedia successa i giorni scorsi al chilometro 335 dell'autostrada Ap7, vicino a Tortosa, tratto con pessima fama tra Valencia e Barcellona, quelle paure le ha risvegliate tutte. Di 60 giovani viaggiatori, tutti studenti tra i 22 e i 29 anni, provenienti da 19 Paesi con il progetto Erasmus, 13 hanno perso la vita nello schianto, sette sono italiani. Tutte ragazze. La dinamica, al momento in cui scrivo è ancora da accertare, si sa solo che si sono messi in viaggio alle quattro del mattino, dopo una notte di festa, che il pullman  era stato sottoposto a tutti i controlli ed era relativamente nuovo, che il guidatore non aveva fatto uso né di alcol né di droghe, che era un professionista affidabile. Un colpo di sonno, forse. Omicidio colposo.

Più Popolare

Si poteva evitare? È quello che ora si chiedono tutti. In primis, i genitori delle vittime. Partite per fare esperienza all'estero, e strappate alla vita nel sonno, il primo  giorno di primavera. Forse bastava non partire di notte. Forse l'autista era troppo stanco. Errore umano l'hanno chiamato. Ma allora cosa ancora si può fare, per ridurre al minimo il rischio, per azzerare l'imponderabile? Già molto s'è fatto nell'ultimo anno: a livello europeo un network di Polizie stradali ha avviato una serie di operazioni congiunte volte a garantire un controllo capillare sui mezzi adibiti al trasporto di persone e cose, con particolare attenzione ai pullman. E in Italia, lo scorso 3 febbraio, il Ministero dell'Istruzione ha diramato una circolare per dare alle scuole informazioni utili ai fini dell'organizzazione dei viaggi d'istruzione. In pratica, ha chiesto di scegliere l'impresa di trasporti dopo attenta e trasparente comparazione dei preventivi, seguendo non solo una logica di risparmio; di pretendere dalle società incaricate tutte le verifiche e la documentazione necessarie per partire tranquilli; di verificare che il veicolo sia dotato di cronotachigrafo, il dispositivo di controllo dei tempi di guida e riposo del conducente; e di accertarsi che il guidatore nell'esercizio delle sue funzioni non parli al telefono, non usi cuffie sonore, non abbia fatto uso di alcolici e stupefacenti. Ma a parte le certificazioni cartacee, chi all'atto pratico si prende la briga di controllare chi? 

Al di là delle buone intenzioni della direttiva ministeriale, al di là vademecum della polizia stradale e del suo impegno a intervenire in caso di evidenti irregolarità, c'è chi alla fine rinuncia al viaggio. Ed è un peccato. Ma le incognite restano tante. A leggere le informazioni uscite sull'argomento in questi giorni, ho scoperto che sono tanti i veicoli in circolo fabbricati prima del '92 (Euro 0), e molti tra questi, essendo low cost, vengono noleggiati proprio dalle scuole; che in molti mezzi i limitatori di velocità, secondo i controlli periodici della Motorizzazione, sono contraffatti per superare il limite, imposto ai bus, dei 100 chilometri orari; che gli autisti spesso guidano più delle 8 ore previste, e in molti casi, nei tragitti lunghi non hanno il sostituto. Questo accade in Italia. In Spagna chissà. Ma ormai è troppo tardi per tornare indietro.

S'intitola "Sulla buona strada" (#sullabuonastrada) la nuova campagna di comunicazione e sensibilizzazione sulla sicurezza stradale del Ministero
delle Infrastrutture e dei Trasporti  che si rivolge a tutti i viaggiatori. Obiettivo: mantenere alto il livello di attenzione,
aumentando l'informazione  all'opinione pubblica sui
rischi legati all'uso dei veicoli e sull'importanza del rispetto delle
norme del Codice della strada. 

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, grazie per averci fatto piangere (soprattutto quella volta lì)
Abbiamo un gran bisogno di consolazione, ma dobbiamo anche imparare a non dare sempre la colpa alla società
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?