Perché l'America ha ancora bisogno di Barack Obama

Obama non è più l'inquilino della Casa Bianca, ma lascia in eredità al mondo un american dream moderno e inclusivo, e l'idea che non bisogna mai dare per scontata la democrazia

Più Popolare

Barack Obama, il primo presidente nero degli Stati Uniti lascia la Casa Bianca. Ha coltivato il sogno di un'America più giusta e tollerante, uguale e disarmata. E anche se il sogno non è diventato realtà, ci lascia un discorso pubblico limpido e potente: al suo confronto, quello di Donald Trump suona elementare e minaccioso.

Advertisement - Continue Reading Below

Barack Obama resterà amato per coerenza e condotta morale. Non è stato toccato da scandali né conflitti d'interesse, non ha ceduto alle ostentazioni del potere. È stato un presidente colto, forse eccessivamente freddo e distaccato, immensamente elegante. Fra i suoi successi, aver portato l'America fuori dalla recessione economica quando sembrava impossibile, aver vinto la battaglia sulle unioni gay, riaperto le relazioni con Cuba, siglato un accordo storico con l'Iran, concluso la caccia a Bin Laden. Il sogno di una società più equa e post razziale si è invece infranto sulle secche dell'odio metropolitano tra bianchi e neri nell'America povera, alimentato da un mercato selvaggio delle armi che il presidente uscente ha tentato inutilmente di ridurre. Quanto alla sanità gratuita per gli indigenti, da lui introdotta dopo una battaglia parlamentare estenuante, è stata pagata troppo cara dalla classe media.

Più Popolare

A volte la coerenza lo ha portato a sbagliare. Aveva promesso fin dal 2008 il ritiro degli Usa dall'Iraq. Ma quel ritiro, completato nel 2011, ha avuto l'effetto di far dilagare l'Isis, esplodere il conflitto fra sciiti e sunniti, aprire le porte a Putin in Medio Oriente. Ne ha fatti di errori, Barack Obama. Ma ora che arriva Trump, il suo negativo, il suo opposto, c'è più che mai bisogno del suo american dream moderno e inclusivo. «La nostra democrazia è minacciata ogni volta che la diamo per scontata. Tutti noi, a prescindere dal nostro partito, dovremmo darci da fare per ricostruire le istituzioni democratiche», ha detto nel suo bellissimo ultimo discorso a Chicago. C'è un indizio e una speranza: che Obama resti in campo. Contro il peggior presidente che l'America potesse inventarsi.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, qui l'arte mi fa rosicare
L'arte e la cultura, in città, qualunque essa sia, sono un'educazione al bello che migliora ognuno di noi
Firme
CONDIVIDI
Ai figli mitomani spiegate cos'è una bolletta
I figli delle mie amiche, anche se sono fuori casa, elemosinano ricariche e paghette
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile