Milano Zucchero e Catrame, mi piacciono le vite degli altri

Io quando entro in un salotto guardo dettagli. Dove sono tutti i telecomandi? La tv? Ma è davvero comoda quella poltrona?

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Time After Time di She & Him

Gli androni dei palazzi moderni, le scale delle case di ringhiera, le luci dei saloni. I divani.

Mi piacciono le vite degli altri, ne sono attratto in maniera irresistibile. Adoro le loro scenografie, anzi diciamo che sono la cosa più intrigante. I salotti dove sono stato in questo ultimo periodo hanno tutti qualcosa da dire. Non è una questione stilistica, non è importante la libreria, il quadro, e tutto quello che può venirvi in mente, ma che sia realmente vissuto da qualcuno. Sono uno di quelli che adora le abitudini casalinghe e tutti quei movimenti che diventano rituali nella nostra vita a casa. Non ho mai verificato fino in fondo, ma sono sicuro che nella mia camera da letto mi muovo sempre nello stesso modo, in cucina anche, e in salotto idem: in base agli orari tutto si ripete come una canzone che ti piace e vuoi riascoltare.

Sono un abitudinario del plaid, un campione di apparecchiatura tavolino per la cena, una superstar della comodità quando devo giocare alla play. Tutto calcolato senza pensarci, curato nei dettagli come non è mai quando sono fuori casa. Più libero, appunto.

Più Popolare

Ho sempre pensato che le case sono la più alta forma di ispirazione per raccontare storie, scrivere una canzone, pensare a un film. Insomma, creare. C'è tutto quello che serve. Protezione, libertà, pesantezza (e il suo contrario). Tutto in perfetto equilibrio.

I salotti di Milano sono diversi da quelli di Roma.

Sono più onesti. Li vedi e in due minuti, se non conosci il proprietario di casa, potresti scrivere su un biglietto la sua professione. Sono coerenti, ortodossi, rigorosi.

A Roma il principio è un altro. I salotti ti confondono di più. C'è più voglia di stupire, sono ingannevoli, più divertenti e imprevedibili. Non potete immaginare il fascino e la voglia che ho di uscire la sera e andare a casa di qualcun altro. Non c'è evento, aperitivo, festa che possa rendermi più incuriosito. È il momento dove - in maniera amabile e innocente - rubo. Immagino le storie private, le litigate, gli incontri, le partenze. E gli arrivi. Adoro ascoltare i campanelli di tutti. Il suono anche se non te lo sei scelto, dopo un po' racconta chi sei. Sei proprio tu che dopo un po' ti avvicini a loro. Come con il cane. Alla lunga ci si assomiglia.

Advertisement - Continue Reading Below

Il "dlin-dlon" classico, quello che ti perfora i timpani, quello a musichetta, quello elettronico che assomiglia al tuo cellulare e al tuo citofono, quello che appena squilla ti ricorda quello di tua nonna. Io quando entro in un salotto guardo dettagli, stronzate. Dove sono tutti i telecomandi? La tv? Ma è davvero comoda quella poltrona? La distanza con il bagno? Lo so, dopo questo post non riceverò più nessun invito a casa di amici, ma prima o poi dovevo dirlo: tendo ad avere comportamenti di natura curiosa e ossessivo-compulsiva. E tutto questo mi piace tanto. Tantissimo.

Ah, sappiate che quando verrò nelle vostre case, sono uno di quelli che controllano il mondo sotto casa vostra. Il bar? Il giornalaio? Il ristorante che ti salva la vita quando il frigo è vuoto? Insomma, tutto ciò che potrebbe sembrare superfluo, per me è il punto di partenza per innamorarmi di una casa.

Qui di seguito alcuni scorci di salotto con divano di case milanesi dove ho passato meravigliose serate.

P.S. Sappiate che prima o poi lancerò la mia App, identica a Tripadvisor, ma dove invece dei ristoranti e alberghi si recensiscono le case degli altri.

Pensate un po' che ansia. Accetto inviti. Abbiate pazienza.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
«La mia ragazza vuole sapere se sono bisessuale»
«Io tutta questa ansia della definizione non la capisco», perché tu cogli l'essenza dell'amore: volere quella persona e nessun'altra, come...
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
«Lui è attraente e la gelosia mi consuma»
Una donna si immagina che il marito si innamori di tutte: «Lui mi dice che così rovino il nostro rapporto», attenzione all'orgoglio
Firme
CONDIVIDI
Renzi, i tribunali e il collasso del Paese
Il renzismo crolla travolto dalle inchieste e intanto il Parlamento ha smesso di fare le leggi e i partiti di fare politica
Firme
CONDIVIDI
«Una notte con uno più giovane, senza rimpianti»
«Dopo due matrimoni falliti va più che bene il carpe diem», senza recriminazioni: l'eco della tua serata arriva limpida e spavalda!