Ma Beppe Grillo è contro o pro l'Europa?

Il numero uno del Movimento 5 stelle cerca amici al Parlamento Europeo ma l'Alde, cioè il gruppo di europeisti abbastanza establishment, rifiuta la sua richiesta di alleanza

Breve riepilogo di eventi in rapida successione. Dopo le vacanze di Capodanno Beppe Grillo ha aperto una consultazione (lampo) tra i suoi, per valutare un cambio di schieramento all'interno del Parlamento europeo: si trattava di decidere così, su due piedi, coi resti del panettone ancora da smaltire, se mollare gli euroscettici di Nigel Farage e il gruppone pro Brexit per mettersi con gli europeisti dell'Alde (Alleanza dei liberali e dei democratici per l'Europa, sostenuti da Prodi e Monti, insomma roba abbastanza "establishment").

Advertisement - Continue Reading Below

A sorpresa, la maggioranza assoluta dei votanti ha risposto sì, dai, facciamolo 'sto salto della quaglia: anno nuovo, vita nuova. Neanche il tempo di definire "storico" e "clamoroso" il riposizionamento europeo del Movimento 5 Stelle, ed ecco che l'Alde, o per meglio dire l'establishment che è in lei, ha dato il due di picche a Grillo, il quale è frettolosamente tornato tra le braccia del vecchio alleato. Assodata la figuraccia, restava a quel punto da chiedersi come la base avrebbe reagito a tutto 'sto avanti e indietro tra euroscetticismo ed europeismo, e la risposta non s'è fatta attendere: gli ultimi sondaggi registrano una crescita di consenso del Movimento 5 Stelle. E bon, fischiettandola con Elio: Europa sì, Europa no, se famo du spaghi…

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente
Firme
CONDIVIDI
«Fa l'amore con me e poi loda sua moglie»
Sei capitata con il più classico dei moglioni, cioè il mammone della moglie, che tradisce sempre ma non se ne va mai
Firme
CONDIVIDI
Il terremoto non può portare via i ricordi
Michela Monferrini ha scritto un libro che è un viaggio nel dolore della perdita ma anche un viaggio nella memoria
Firme
CONDIVIDI
Sesso e giovani: prima di Internet c'era Cioè
I ragazzi di oggi, rivela il Censis, di sesso ne sanno, ma il primo rapporto arriva a 17 anni e molti confondono contraccezione e...
Firme
CONDIVIDI
La Caporetto della grammatica
I professori dell'Accademia della Crusca lanciano l'allarme: gli italiani non sanno più scrivere né parlare
Firme
CONDIVIDI
Sally te lo aveva detto, Donald!
Sally Yates, l'ex procuratrice licenziata con l'accusa di tradimento, aveva provato a spiegare a Trump che il Muslim ban era una boiata
Firme
CONDIVIDI
«Mio figlio e le escort che gli paga papà»
«Mio marito ha scoperto che è vergine e teme sia gay»: un padre così insicuro della propria virilità da ricorrere al vecchio bordello
Winona Ryder, premiata con il cast del telefilm Stranger Things ai SAG Awards, è l'unica speranza che abbiamo di non trasformare ogni cerimonia di premiazione in un comizio.
Firme
CONDIVIDI
Cara Winona, sei la mia unica speranza
Fatti invitare agli Oscar, e impedisci che la serata di gala diventi un comizio