Se un figlio uccide i genitori perché lo fanno sentire un fallito

La frustrazione genera rancore e l'assenza per gestirla odio, che può tramutarsi in furia omicida, come è successo nel ferrarese: i crimine più efferati del nostro tempo nascono da questo, anche se fanno vittime diverse

Più Popolare

Ci vuole talento anche per fare un omicidio. Bisogna progettarlo, avere un piano. Soprattutto se non improvvisi, ma ci pensi da giorni, forse mesi, e lasci che quel tarlo ti scavi nel cervello come un bruco, fino a infettare tutto, fino a diventare la folle soluzione ai tuoi problemi. Ma d'impegnarsi R., 16 anni, e M., 17, amico e complice, non avevano mai avuto l'attitudine. Nessuna voglia di studiare, nessuna intenzione di andare a faticare. Passavano le giornate tra la piazzetta e il bar, in quelle strade desolate del ferrarese dove d'inverno si gela e l'orizzonte è inghiottito dalla nebbia. Una birretta, un po' di fumo, due sgommate sullo scooter, la Playstation. Le ore passavano così, a fare niente. E a straparlare su come svoltare.

Advertisement - Continue Reading Below

Hanno ammazzato i genitori

Così alla fine l'hanno fatto. Hanno ammazzato i genitori di R. Con poca tattica e zero ripensamenti. Come un compito in classe studiato male. Tre colpi d'ascia al padre, sei alla madre. Non hanno neanche avuto il tempo di reagire, quei poveretti, dormivano. Ha fatto tutto M. per 1.000 euro, 80 in anticipo. R. non se la sentiva. Apatico persino come mente criminale. Hanno infilato le teste dei cadaveri in due sacchetti e li hanno lasciati uno in garage, l'altro in cucina. Troppo pesanti per buttarli nel fiume. Poi sono scappati. Le ore seguenti sono un elenco di passi falsi e bestialità. Fino alla denuncia di furto in casa: senza nessun evidente segno di effrazione. Sono ragazzi, non c'hanno pensato. Come se fosse una zingarata o un tentativo di bigiata andato male. Invece ci si giocano la vita.

Più Popolare

Un'ascia non è un'arma qualsiasi

Chi li ha incontrati nel carcere minorile del Pratello dice che sembravano come inebetiti. Quasi che non si fossero resi conto di essere stati loro a fare quello scempio. Ci vuole molta rabbia per sterminare qualcuno con un'ascia, non è un'arma qualsiasi, fa sfracelli. E infatti R. ne aveva tanta in corpo, che covava. Contro la madre soprattutto perché gli urlava contro tutti i giorni e lo stressava con quella storia della scuola e la minaccia di mandarlo a lavorare. Solo che R. è il mandante, non l'esecutore. Chi ha alzato la lama contro i due è stato M., l'amico inseparabile. E lui che rabbia aveva? La rabbia del fratello, grave disabile, che si prendeva tutte le attenzioni? La rabbia del confronto? Lui senza un soldo, figlio di contadini, l'altro col portafoglio pieno e i genitori con trattoria ben avviata? O cosa? Davvero ha ucciso solo per denaro?

Si dirà che è colpa del vuoto di valori

Si dirà che è colpa del vuoto di valori. Dell'edonismo arido della generazione reality. Ma di giovani sterminatori dei propri familiari la cronaca ne ha registrati già in passato: Erika e Omar (2011), Guglielmo Gatti (2005), Pietro Maso ('91), solo per ricordare i più famosi. Per questo non faccio analisi e non cerco colpe, mi limito solo a una riflessione. R. "pativa" sua madre perché gli ricordava il suo fallimento: essere giovane e non farsene niente, girare a vuoto. Senza ambizioni e senza progetti. Un figlio di cui non andare fieri. La frustrazione genera rancore. L'assenza di strumenti per gestirla odio, che può tramutarsi in furia omicida. I crimini più efferati del nostro tempo da questo nascono, anche se fanno vittime diverse. L'uomo che uccide l'ex perché non accetta di essere lasciato. Il lupo solitario che si lancia con il camion sulla folla per vendicarsi di una vita ai margini. Forse R. voleva solo una vita facile e senza pensieri, come molti hanno scritto. Ma una vocina dentro gli diceva che non si ha niente per niente. E l'ha azzittita.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della violenza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?