Se un figlio uccide i genitori perché lo fanno sentire un fallito

La frustrazione genera rancore e l'assenza per gestirla odio, che può tramutarsi in furia omicida, come è successo nel ferrarese: i crimine più efferati del nostro tempo nascono da questo, anche se fanno vittime diverse

Più Popolare

Ci vuole talento anche per fare un omicidio. Bisogna progettarlo, avere un piano. Soprattutto se non improvvisi, ma ci pensi da giorni, forse mesi, e lasci che quel tarlo ti scavi nel cervello come un bruco, fino a infettare tutto, fino a diventare la folle soluzione ai tuoi problemi. Ma d'impegnarsi R., 16 anni, e M., 17, amico e complice, non avevano mai avuto l'attitudine. Nessuna voglia di studiare, nessuna intenzione di andare a faticare. Passavano le giornate tra la piazzetta e il bar, in quelle strade desolate del ferrarese dove d'inverno si gela e l'orizzonte è inghiottito dalla nebbia. Una birretta, un po' di fumo, due sgommate sullo scooter, la Playstation. Le ore passavano così, a fare niente. E a straparlare su come svoltare.

Advertisement - Continue Reading Below

Hanno ammazzato i genitori

Così alla fine l'hanno fatto. Hanno ammazzato i genitori di R. Con poca tattica e zero ripensamenti. Come un compito in classe studiato male. Tre colpi d'ascia al padre, sei alla madre. Non hanno neanche avuto il tempo di reagire, quei poveretti, dormivano. Ha fatto tutto M. per 1.000 euro, 80 in anticipo. R. non se la sentiva. Apatico persino come mente criminale. Hanno infilato le teste dei cadaveri in due sacchetti e li hanno lasciati uno in garage, l'altro in cucina. Troppo pesanti per buttarli nel fiume. Poi sono scappati. Le ore seguenti sono un elenco di passi falsi e bestialità. Fino alla denuncia di furto in casa: senza nessun evidente segno di effrazione. Sono ragazzi, non c'hanno pensato. Come se fosse una zingarata o un tentativo di bigiata andato male. Invece ci si giocano la vita.

Più Popolare

Un'ascia non è un'arma qualsiasi

Chi li ha incontrati nel carcere minorile del Pratello dice che sembravano come inebetiti. Quasi che non si fossero resi conto di essere stati loro a fare quello scempio. Ci vuole molta rabbia per sterminare qualcuno con un'ascia, non è un'arma qualsiasi, fa sfracelli. E infatti R. ne aveva tanta in corpo, che covava. Contro la madre soprattutto perché gli urlava contro tutti i giorni e lo stressava con quella storia della scuola e la minaccia di mandarlo a lavorare. Solo che R. è il mandante, non l'esecutore. Chi ha alzato la lama contro i due è stato M., l'amico inseparabile. E lui che rabbia aveva? La rabbia del fratello, grave disabile, che si prendeva tutte le attenzioni? La rabbia del confronto? Lui senza un soldo, figlio di contadini, l'altro col portafoglio pieno e i genitori con trattoria ben avviata? O cosa? Davvero ha ucciso solo per denaro?

Si dirà che è colpa del vuoto di valori

Si dirà che è colpa del vuoto di valori. Dell'edonismo arido della generazione reality. Ma di giovani sterminatori dei propri familiari la cronaca ne ha registrati già in passato: Erika e Omar (2011), Guglielmo Gatti (2005), Pietro Maso ('91), solo per ricordare i più famosi. Per questo non faccio analisi e non cerco colpe, mi limito solo a una riflessione. R. "pativa" sua madre perché gli ricordava il suo fallimento: essere giovane e non farsene niente, girare a vuoto. Senza ambizioni e senza progetti. Un figlio di cui non andare fieri. La frustrazione genera rancore. L'assenza di strumenti per gestirla odio, che può tramutarsi in furia omicida. I crimini più efferati del nostro tempo da questo nascono, anche se fanno vittime diverse. L'uomo che uccide l'ex perché non accetta di essere lasciato. Il lupo solitario che si lancia con il camion sulla folla per vendicarsi di una vita ai margini. Forse R. voleva solo una vita facile e senza pensieri, come molti hanno scritto. Ma una vocina dentro gli diceva che non si ha niente per niente. E l'ha azzittita.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Vi racconto come sono diventata la più grande esperta di capelli vivente e vi svelo tutto quello che ho imparato
Altro che sacchetti biodegradabili: voto il primo partito che faccia una legge per cui lo shampoo è incluso nel costo della piega
Oprah Winfrey Golden globes 2018
Firme
CONDIVIDI
Perché il discorso di Oprah sulle donne dovrebbe farci riflettere
Ma non occorre la molestia sessuale, basta la rinuncia costante 
alle nostre ambizioni a renderci ancora "sesso debole"
Rivoluzione bacio
Firme
CONDIVIDI
La strategia vincente per ottenere tutto quello che si vuole? Far sbroccare l'interlocutore
Così passa dalla parte del torto, come sa fare bene Stefania Sandrelli con Vittorio Gassman nel film La terrazza
Sessantotto anniversario 50 anni
Firme
CONDIVIDI
Il Sessantotto 50 anni dopo e le nuove rivoluzioni possibili
Abbiamo ripreso lo spirito creativo del '68, che ha appena compiuto 50 anni, per immaginare un mondo diverso
vestiti costosi
Firme
CONDIVIDI
Noi, che l'abito costoso vogliamo ammortizzarlo
Da quando ci sono i cellulari con fotocamera quel completo risolutivo non puoi più indossarlo senza sembrare una che non si cambia mai
scrivere gratis
Firme
CONDIVIDI
Scrivete solo se qualcuno vi paga
Conosco gente che scrive decine di cartelle non retribuite su siti senza budget: come mai non distinguono un hobby da un mestiere?
Fine anno 2017 cosa tenere cosa buttare
Firme
CONDIVIDI
Cosa vuoi tenere e cosa vuoi buttare del 2017?
Butto le frasi retoriche e le parole a vanvera, tengo le battaglie delle donne e la loro forza inesauribile
Angela Lansbury, in un'intervista a Radio Times, ha parlato di donne, molestie e responsabilità: la reazione del web è stata immediata e scomposta
Firme
CONDIVIDI
Cara Angela, con noi giovani bisogna avere pazienza (siamo scemi)
Per quanto complessa sia la questione delle molestie, la nostra reazione è sempre a misura di tweet
Natale amore odio
Firme
CONDIVIDI
Con il Natale non ci sono mezze misure: o si è lovers o si è haters
Il mondo si divide in due categorie, quelli che lo amano e quelli che lo odiano: a me fa simpatia, ma sono un disastro con gli addobbi
Insieme al marito John Legend, Chrissy Teigen ha annunciato sui social la sua seconda gravidanza, ottenuta attraverso la fecondazione in vitro, come ha sempre raccontato con sana disinvoltura.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chrissy, servono anche i figli maschi
Il tuo lo sarà perché, come hai spiegato disinvolta, "è l'unico embrione rimasto", e ti tornerà utilissimo