Milano Zucchero e Catrame, mi sono perso a NoLo

Siete mai stati a NoLo? Sì, è a Milano, ed è un quartiere ex "malfamato" dove oggi creativi, architetti e artisti stanno migrando: e a volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Raggamuffin di Selah Sue

Siete mai stati a NoLo?

Io mai, cioè sì. Nel senso che se vi è mai capitato di passare per via Padova, andare al parco Trotter, girare tra le vie lì intorno, in realtà ci siete stati anche voi. Ha acquisito un nome super figo, che fa il verso a Soho, a New York, ed è diventato un vero e proprio brand facile da mettere su t-shirt, mug, agendine. Potere della comunicazione. Da zona "malfamata" a quartiere dove oggi creativi, architetti e artisti stanno migrando invogliati dalla possibilità di convertire vecchie palazzine ed ex spazi industriali in grandi studi, atelier, nuovi ristoranti, ma anche e soprattutto dai prezzi molto convenienti. L'aspetto affascinante di questa zona è accorgersi dell'energia che arriva dalla multietnicità presente in ogni angolo e in ogni strada. Sembra davvero di girare a East London, a Londra. Dalla pasticceria tunisina al ristorante coreano, dalla pizzeria partenopea al supermarket bengalese, dalla galleria d'arte contemporanea al rigattiere chic con pezzi di modernariato meravigliosi (a prezzi umani). Tutto il mondo concentrato in quattro vie, tutto il mondo, che si influenza a vicenda, regalando alla cittadinanza l'opportunità di scoprire e miscelare culture diverse.

Più Popolare

Non so se capita anche a voi, ma la prima volta che vado in un quartiere che non conosco, guardo i palazzi, li fotografo, entro negli androni, e tiro su gli occhi. Qui c'è di tutto: dal palazzone con 300 condomini, alla villetta di tre piani, ai palazzi che sembrano uscire direttamente da un film di Tim Burton.

Qui sta avvenendo una vera e propria riqualificazione del territorio (che, ovviamente, si porta dietro anche grandi interessi e speculazioni immobiliari), ma tutto sommato meglio così che niente. È un ottimo slancio verso il futuro. Se tutto andrà avanti in maniera coerente e rispettosa di tutte le comunità che già sono radicate in quest'area, fra qualche anno NoLo potrà diventare un simbolo di vera e propria integrazione sociale.

Advertisement - Continue Reading Below

Per concludere il mio giro, dopo aver fatto un salto al Mercato Comunale di via Monza, dove ho pranzato "Alla Taverna dei Terroni" (andateci, si mangia benissimo), mi sono perso in una delle mie più grandi passioni. La street art. Lungo via Pontano ci sono opere da non perdere.

A volte basta un po' di creatività per ridisegnare il mondo.

Fateci un giro. Magari coprendovi bene. Molto bene.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
Firme
CONDIVIDI
«Fa l'amore con me e poi loda sua moglie»
Sei capitata con il più classico dei moglioni, cioè il mammone della moglie, che tradisce sempre ma non se ne va mai
Firme
CONDIVIDI
Il terremoto non può portare via i ricordi
Michela Monferrini ha scritto un libro che è un viaggio nel dolore della perdita ma anche un viaggio nella memoria
Firme
CONDIVIDI
Politica vs stampa: non sparate sul cronista
Tempi duri per la libertà di stampa: dalla Turchia agli Usa, fino all'Italia, i politici forzano la mano sui giornalisti
Firme
CONDIVIDI
Sesso e giovani: prima di Internet c'era Cioè
I ragazzi di oggi, rivela il Censis, di sesso ne sanno, ma il primo rapporto arriva a 17 anni e molti confondono contraccezione e...
Firme
CONDIVIDI
La Caporetto della grammatica
I professori dell'Accademia della Crusca lanciano l'allarme: gli italiani non sanno più scrivere né parlare
Firme
CONDIVIDI
Sally te lo aveva detto, Donald!
Sally Yates, l'ex procuratrice licenziata con l'accusa di tradimento, aveva provato a spiegare a Trump che il Muslim ban era una boiata
Firme
CONDIVIDI
«Mio figlio e le escort che gli paga papà»
«Mio marito ha scoperto che è vergine e teme sia gay»: un padre così insicuro della propria virilità da ricorrere al vecchio bordello
Winona Ryder, premiata con il cast del telefilm Stranger Things ai SAG Awards, è l'unica speranza che abbiamo di non trasformare ogni cerimonia di premiazione in un comizio.
Firme
CONDIVIDI
Cara Winona, sei la mia unica speranza
Fatti invitare agli Oscar, e impedisci che la serata di gala diventi un comizio