«Lui non osa dire ai suoi figli che vuole sposarmi»

«Dice di aspettare qualche anno, ma gli anni passano e noi siamo prigionieri dei suoi ragazzi ormai adulti»: l'unico modo per avere non dico amore, ma un po' di rispetto, sarebbe smettere di cedere e affermare per una volta «Io esisto»

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici e ai lettori di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: scrivetele all'indirizzo maleducazione.sentimentale@hearst.it. Ecco il suo consiglio a una donna alle prese con un fidanzato che non vuole dire ai suoi figli che è pronto a sposarla.

«Io 44 lui 56, insieme da 5 anni. Entrambi separati con figli grandi. La ex moglie glieli ha sempre messi contro, viziandoli per averli dalla sua. Non mi sopportano, anche se io ero pronta ad amarli. Non si interessano di lui, ma solo che versi il mantenimento, anche esagerato, visto che hanno un lavoro. E lui non osa dire che vorrebbe sposarmi, dice di aspettare qualche anno che i figli si sistemino. Gli anni passano e noi siamo prigionieri dei suoi figli adulti». (M.G.)

Advertisement - Continue Reading Below

La risposta di Barbara Alberti

È tardi per educarli. Sono cresciuti egoisti e pretenziosi, trattando il padre come un nemico tollerato, buono solo a dare i soldi. Un emarginato senza autorità e senza amore. E lui ha permesso questo disastro, si è piegato al ruolo straziante di estraneo pagante e sottomesso. È tardi soprattutto per educare lui. Ha tanto desiderato e desidera esser considerato dai figli, che si consegna come ostaggio, consegnando anche te. Ha accumulato tanta voglia d'essere amato da loro, che è pronto a sacrificarsi all'infinito, pur di compiacerli. Sta fresco. L'unico modo per avere non dico amore, ma un po' di rispetto, sarebbe smettere di cedere, affermare per una volta «Io esisto», al di fuori del ruolo della vittima che mendica un sorriso. Che la pianti di farsi ricattare. Che si riprenda la sua dignità, se ce l'ha. Teme il disprezzo dei figli? E il tuo, non conta?

Scrivete a Barbara Alberti all'indirizzo: maleducazione.sentimentale@hearst.it

More from Gioia!:
milano-zucchero-e-catrame-mi-sono-perso-al-cimitero-monumentale
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, non fate i superstiziosi
Da quando a Milano mi sono sentito dire spesso di andare a vedere il Cimitero Monumentale, e alla fine ho seguito il consiglio
Firme
CONDIVIDI
Terroristi per caso, da Parigi a Londra
L'attacco al Parlamento di Londra del 22 marzo è stato l'ultimo attentato che ha sconvolto l'Europa, ma prima c'era stato l'aeroporto d'Orly
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
Renzi, i tribunali e il collasso del Paese
Il renzismo crolla travolto dalle inchieste e intanto il Parlamento ha smesso di fare le leggi e i partiti di fare politica