«Lui non osa dire ai suoi figli che vuole sposarmi»

«Dice di aspettare qualche anno, ma gli anni passano e noi siamo prigionieri dei suoi ragazzi ormai adulti»: l'unico modo per avere non dico amore, ma un po' di rispetto, sarebbe smettere di cedere e affermare per una volta «Io esisto»

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici e ai lettori di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: scrivetele all'indirizzo maleducazione.sentimentale@hearst.it. Ecco il suo consiglio a una donna alle prese con un fidanzato che non vuole dire ai suoi figli che è pronto a sposarla.

«Io 44 lui 56, insieme da 5 anni. Entrambi separati con figli grandi. La ex moglie glieli ha sempre messi contro, viziandoli per averli dalla sua. Non mi sopportano, anche se io ero pronta ad amarli. Non si interessano di lui, ma solo che versi il mantenimento, anche esagerato, visto che hanno un lavoro. E lui non osa dire che vorrebbe sposarmi, dice di aspettare qualche anno che i figli si sistemino. Gli anni passano e noi siamo prigionieri dei suoi figli adulti». (M.G.)

Advertisement - Continue Reading Below

La risposta di Barbara Alberti

È tardi per educarli. Sono cresciuti egoisti e pretenziosi, trattando il padre come un nemico tollerato, buono solo a dare i soldi. Un emarginato senza autorità e senza amore. E lui ha permesso questo disastro, si è piegato al ruolo straziante di estraneo pagante e sottomesso. È tardi soprattutto per educare lui. Ha tanto desiderato e desidera esser considerato dai figli, che si consegna come ostaggio, consegnando anche te. Ha accumulato tanta voglia d'essere amato da loro, che è pronto a sacrificarsi all'infinito, pur di compiacerli. Sta fresco. L'unico modo per avere non dico amore, ma un po' di rispetto, sarebbe smettere di cedere, affermare per una volta «Io esisto», al di fuori del ruolo della vittima che mendica un sorriso. Che la pianti di farsi ricattare. Che si riprenda la sua dignità, se ce l'ha. Teme il disprezzo dei figli? E il tuo, non conta?

Scrivete a Barbara Alberti all'indirizzo: maleducazione.sentimentale@hearst.it

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...
zerocalcare-cappuccio-rosso-morta
Firme
CONDIVIDI
Chi era Ayse, la Cappuccio Rosso di Zerocalcare
Aveva 23 anni la combattente curda detta Cappuccio Rosso nei fumetti di Zerocalcare sulla guerra siriana: è caduta nell'assalto a Raqqa