«Lui vuole solo una storia di sesso, ma io ho il mio orgoglio»

A 53 anni incontra un uomo che evita i rapporti seri, però le libera ormoni che non sapeva di avere: «Al suo schioccare di dita dovrei rendermi trombabile?», «Tuffati a pesce», è il consiglio della scrittrice Barbara Alberti

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici e ai lettori di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: scrivetele all'indirizzo maleducazione.sentimentale@hearst.it. Ecco il suo consiglio a una lettricealle prese con un uomo che non vuole una relazione seria.

Lo conosco per caso a una milonga e dico alla mia amica: «Madonna mia ma chi è? Se me la chiede gliela do all'istante». Lo rivedo per stra-caso e mi fa liberare ormoni che non conoscevo e non ricordavo da anni. Al primo appuntamento prima di parlare ci siamo divorati, poi lui getta le sue premesse lì sul tavolo: «Mi piaci da morire ma non voglio storie, esco da relazioni traumatizzanti», e via viaggiare. In pratica al suo schioccare di dita dovrei rendermi trombabile, ma il mio orgoglio gli dice «Ma vaffanculo, va'!». Anch'io ho posto le mie premesse, gli sia chiaro che la parte della bella trombabile non mi si addice. Certo è che è supersexy e che alla mia età (53) non si butta via niente e che mi sono innamorata come una ragazzina, dopo aver architettato per anni una struttura difensiva anti intrusione maschile, sfarinata, polverizzata e soffiata via al primo abbraccio. Non chiedo consigli, so che il mio orgoglio ha ragione. O no? (Miracolata)

Advertisement - Continue Reading Below

Risponde Barbara Alberti

Tu vuoi solo che io ti dia torto e te lo do. Mi inviti a farlo, con quel «o no?» , che smonta in tre suoni tutta la difesa di una libertà che non c'è più. Hai un bel barricarti dietro un principio, ormai sei pazza del tipo della milonga, di questo liberatore ormonale che mette le mani avanti perché è già così preso da aver paura. Lascialo dire (e fare). Spavalda, spiritosa e dinamica come sei, ti morderesti le mani se rinunciassi a questa pericolosa fortuna. Tu sai giocare, sai ridere, sai far l'amore e sai riconoscerlo quando capita. Lascia perdere i 53 anni, un incontro così immediato e ardente è raro anche a 20. Poche volte Amore (parlo proprio del dio greco, dispettoso, scostumato, inopportuno, focoso) si manifesta in maniera così inequivocabile e lieta. E tu ti metti a fare i conti? Tuffati a pesce, il rischio peggiore è la prudenza. «Ma, quanto durerà?». Chissà. «Ma, e come finirà?». E chi se ne frega. Qualsiasi cosa accada, non sarà mai brutta come se non fosse accaduto niente.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Bullo è una parola che fa ridere
È tempo di chiamare le cose con il loro nome: i bulli bulli, chi compie atti gravi che violano corpi e identità, invece, criminali
Kristen Stewart, famosa per un certo approccio annoiato ai red carpet, sostiene di essere timida
Firme
CONDIVIDI
Kristen, hai il permesso di non sorridere
In nome e per conto di tutte quelle che non vogliono essere simpatiche, vogliono essere lasciate in pace
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ho conosciuto un artista
Potete chiamarlo anche artigiano o visionario: Fabrizio è una persona che smonta oggetti o li recupera per costruirne altri. Bellissimi
Firme
CONDIVIDI
Il video virale del professore e la (finta) colf
Il video con l'intervista all'esperto Robert Kelly è un bel test su come gli stereotipi ci portino quasi sempre fuori strada
Firme
CONDIVIDI
Se vuoi ingrassare, cercati un colpevole
È una strategia di sopravvivenza: la gente non vuole che tu ammetta serenamente i tuoi limiti, la gente vuole che te ne scusi
Firme
CONDIVIDI
Emma Bonino sui migranti, senza falsi buonismi
Alla convention del Pd ha detto una cosa di sinistra: dobbiamo occuparci della loro integrazione, perché sono una risorsa
Firme
CONDIVIDI
Se sfoghi nel cibo il tuo male di vivere
Alle bambine vorrei ricordare che i protagonisti dei film più belli non sono i vincenti, ma i goffi che ancora non sanno di essere speciali
Firme
CONDIVIDI
Renzi, i tribunali e il collasso del Paese
Il renzismo crolla travolto dalle inchieste e intanto il Parlamento ha smesso di fare le leggi e i partiti di fare politica
matteo-maffucci-foto-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città di tutti
Più passa il tempo e più mi rendo conto che il mio stupore di romano a Milano non si placherà mai: per esempio, che scoperta la metro!
Firme
CONDIVIDI
Buon compleanno Gioia! 80 anni e non sentirli
Viaggio sentimentale nella vita delle italiane: abbiamo raccontato la storia del nostro giornale intrecciandola con quella del Paese