Lasciatemi sognare durante lo shampoo

Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio

La cosa più insopportabile che possano fare i parrucchieri è tentare di venderti delle cose. E lo fanno sempre: sei lì che cerchi di sentirti Meryl Streep mentre Robert Redford le lava i capelli in La mia Africa, e loro iniziano a dirti che hai quattro capelli in croce e pure sottili e con lo shampoo che potrebbero venderti la situazione sicuramente migliorerebbe. Sono più di trent'anni che tento di far capire che, se fai il piazzista mentre cerco di rilassarmi, non ne caverai la vendita d'uno shampoo o d'una crema, ma solo che io non venga più nel tuo negozio. Niente: non funziona l'approccio spiritoso («In una prossima vita mi sceglierò un Dna di capelli grossi e metabolismo spedito; in questa, non credo possa essere il sapone a trasformarmi in Cindy Crawford, ma grazie del pensiero»), né quello fattuale («Che shampoo uso? Boh, era in omaggio con l'ammorbidente, la marca non me la ricordo»).

Advertisement - Continue Reading Below

La cosa più insopportabile che possa fare un elettrodomestico è offrirsi di collegarti col mondo. No, bilancia, non voglio che attivi il wifi e metti le informazioni sulla mia trippa a disposizione d'altra gente che si pesa. No, affarino che mi controlla il sonno, non voglio che racconti a tutti quelli che ti usano che per ogni cinque ore che passo a letto ne trascorro quattro a rigirarmi imprecando, non voglio condividere, non voglio l'incoraggiamento degli altri insonni. La peggiore invenzione di cui abbia mai letto è una nuova spazzola che unisce i due malcostumi. C'è dentro un microfono che, dal rumore che fa spazzolandoti, capisce quanto sono secchi i tuoi capelli, quanto soffri l'umidità, quanto non sei Cindy Crawford. L'attrezzo si collega poi alla app (e ti pareva), che controlla anche il meteo, per dirti con esattezza se i tuoi capelli fanno schifo di loro o è colpa della pioggia. E alla fine, unendo entrambi i miei incubi in un prodotto solo, ti consiglia lo shampoo adatto per i tuoi difetti. Prima succedeva solo dal parrucchiere; adesso puoi avere il piazzista in casa ogni mattina.

More from Gioia!:
zero-assoluto-studio-registrazione
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, così nasce una canzone
Scrivere canzoni è qualcosa che si rinnova ogni volta. Ed è una scommessa che ogni volta vale la pena di fare
Mentre si diffonde la notizia della fine del suo secondo matrimonio, Scarlett Johansson racconta in un'intervista a Playboy perché non ha fiducia nella monogamia.
Firme
CONDIVIDI
Cara Scarlett, la monogamia è sottovalutata
Ora ti spiego a cosa serve il matrimonio
Firme
CONDIVIDI
Con i figli si sbaglia senza sapere
Se ognuno si prendesse il suo pezzetto di responsabilità, i buchi neri in cui si perdono i ragazzi sarebbero meno spaventosi
Firme
CONDIVIDI
«Siamo amanti e la moglie approva: possibile?»
«Ha detto di noi alla moglie e lei non mi ha insultata, sarà sincera?»: o è una santa o è la più grande politica viventa
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
matteo-maffucci-hangar-bicocca
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: l'arte che fa dire «Wow!»
Mi ritengo un appassionato, non un esperto, quello mai, ma ciò che ho visto all'Hangar Bicocca non mi ha lasciato indifferente
Firme
CONDIVIDI
«Fa l'amore con me e poi loda sua moglie»
Sei capitata con il più classico dei moglioni, cioè il mammone della moglie, che tradisce sempre ma non se ne va mai
Firme
CONDIVIDI
Il terremoto non può portare via i ricordi
Michela Monferrini ha scritto un libro che è un viaggio nel dolore della perdita ma anche un viaggio nella memoria