Multitasking non è un complimento, ma una presa in giro

Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma non è il doppio ruolo, in casa e in ufficio, a mandarci in tilt, quanto le aspettative sociali, perché alla fine siamo persone e non macchine

Più Popolare

Dov'è? Dove l'ho lasciato? Ho passato tutta la sera e parte della notte e le prime ore del mattino (una domanda conficcata come un chiodo nel cervello prima che la sveglia suonasse) a chiedermi che fine avesse fatto il mio computer. L'avevo portato in redazione per risolvere un problema tecnico, ripetendo a me stessa come una mantra di ricordarmi di metterlo in borsa a fine giornata, di non lasciarlo in ufficio, e invece ecco, non c'è più. Cosa ho fatto ieri? Cosa ho fatto prima di spegnere la luce della mia stanza, salutare i pochi rimasti alle scrivanie, rimettermi in macchina? Avevo la shopping col portatile quando sono scesa in garage? E come l'ho aperto il portone di casa? Avevo le mani occupate, le spalle cariche come al solito di cose? Quali cose? I giornali, la piccola spesa del mattino… Stavo scrivendo un messaggio mi pare, poi ha suonato il telefono… me lo ricordo perché non sapevo come tenerlo all'orecchio. Ecco questo me lo ricordo, solo questo. E il mio computer dov'era? Buio. Vado avanti e indietro sgranando la pellicola della mia giornata – forward rewind – ma niente, il nero è fittissimo.

Advertisement - Continue Reading Below

Avrei potuto essere io

Prima di chiedervi come fa una madre a dimenticare la sua bambina in auto per ore, chiedetevi quante cose vi siete scordate nell'ultima settimana. Cose, certo, non persone. Non vostra figlia. Ma per quanto possa sembrare orribile dirlo, non fa differenza. Io non ho alcuna vergogna ad ammettere che potrei essere Ilaria Naldini, la mamma 38enne di Terranuova Bracciolini, indagata per omicidio colposo per aver dimenticato in auto la sua piccola di 16 mesi, convinta di averla portata all'asilo. Ha fatto il tragitto di sempre, ha posteggiato, è andata in ufficio. Ha sbrigato le solite cose fino alle 14, al comune di Castelfranco di Sopra, in provincia d'Arezzo, chiamate, pratiche, pausa caffè. Si è accorta che la bimba era in auto quando è tornata alla macchina. Sei ore chiusa nell'abitacolo. Bastano 20 minuti a un bambino per andare in ipertermia, due ore per smettere di respirare. Infatti, la piccola non ce l'ha fatta. Non è servito il tentativo di rianimazione d'urgenza, non è servito il 118. L'urlo di quella madre nella piazza è lo sparo nella notte di tutti i nostri blackout.

Più Popolare

L'errore a volte banale, a volte fatale

Ci sono cose che il nostro cervello fa in automatico, senza pensare, come guidare la macchina. Le nostre giornate sono fatte di percorsi e circostanze sempre uguali, che ripetiamo come in trance. A volte le cose si affastellano e mentre costipiamo in quella scatola nera che è la nostra memoria informazioni, impegni, scadenze, acciuffando alla rinfusa i post-it virtuali che ci arrivano alla mente come meteore, continuiamo a correre sui binari come sempre. Convinti di non poter deragliare. E invece a volte andiamo in corto circuito, perché la parte del cervello che dovrebbe controllare la parte che agisce in modo inconsapevole non lo fa, creando dei falsi ricordi. Dunque noi siamo convinti di aver seguito il copione come sempre, anche se in mezzo è successo qualcosa. È in questa smagliatura che sfugge alla nostra coscienza che s'insinua l'errore. A volte banale, a volte fatale. Il cervello non fa differenza tra un computer e un bambino. Pazzesco, lo so, ma è così.

Non basta spegnere e riavviare

Qualche giorno prima della tragedia, Ilaria aveva pubblicato sulla sua pagina Facebook un articolo del Fatto quotidiano intitolato Maternità e lavoro: perché le donne non ce la fanno più. Ma prego tutti di non cadere in facili conclusioni. Non è il doppio ruolo, in casa e in ufficio, che ci manda in tilt, non solo almeno, non a tutti livelli. Sono le aspettative sociali, il non potere disattendere ciò che gli altri si aspettano da noi: «madre premurosa», «lavoratrice affidabile», così viene descritta dai giornali Ilaria. Termini lusinghieri che possono diventare un boomerang. Perché non si può fare bene tutto, non sempre. E «multitasking» non è un complimento, è una presa in giro. In informatica si chiama così il sistema operativo che permette di eseguire più programmi in contemporanea, con «commutazione di contesto». Ma noi siamo persone non macchine, e quando andiamo in bomba non basta spegnere e riavviare.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
L'idea del matrimonio giusto è anacronistica
L'idea di garantirsi sicurezza e prestigio sposando un buon partito è fuori dal tempo e svilente. E fa male alle donne
La vita di Victoria Beckham, e di tutta la famiglia più posh d'Inghilterra, è un po' come la nostra, e somiglia a quello che succede sui social: c'è chi ride, chi piange, e chi non sa quello che dice.
Firme
CONDIVIDI
Cara Victoria, la vita vera non è facile
L'ostinazione delle celebrità a fingersi normali sui social network ha convinto noi normali a comportarci come celebrità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, 3 posti magici che rendono unica l'estate
Milano non è solo il Duomo o la Pinacoteca di Brera, c'è molto di più: d'altra parte, questa città non si mostra subito, va scoperta pian...
Firme
CONDIVIDI
L'età giusta per il sesso orale (e la crostata)
C'è una prima volta per tutto, come dimostrano le storie di due giovani attrici: Rooney Mara e Sophie Turner
Per Gwyneth Paltrow non c'è malanno o accoacco di vecchiaia che non possa essere curato dalla giusta combinazione di integratori, complessi vitaminici e creduloneria: è tutto in vendita su Goop.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gwyneth, lasciami invecchiare in pace
Le conversazioni tra amiche sembrano i bollettini di un'epidemia, ognuna ha una diagnosi: la noia è mortale
Salute sanità gratuita Italia assicurazione America
Firme
CONDIVIDI
Che fortuna noi italiani con la sanità gratuita
Siamo così abituati a questa finzione che ci sembra ovvio pagare le tasse come un'italiana e l'assicurazione come un'americana
Menopausa argomento conversazioni happy hour donne over 40
Firme
CONDIVIDI
Menopausa, l'argomento da happy hour delle over 40
Verso i 50 anni è il topic principe degli happy hour fra donne, ma sentirne parlare per una che non ci è entrata è terrorizzante
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, questa è la città in cui voglio sempre tornare
L'aspetto più affascinante dell'estate è sempre il ritorno, perché c'è sempre quella sensazione di aver vissuto qualcosa di potente ma di...
Firme
CONDIVIDI
Ecco perché Ambra che bacia Allegri ci traumatizza
L'ex ragazzina di Non è la Rai pomicia con l'allenatore della Juventus, cinquantenne, ma la nostra «bambina» ha ormai quarant'anni
Donnarumma esame di maturità: se i figli fanno come lui è solo colpa vostra
Firme
CONDIVIDI
Se i figli fanno come Donnarumma è solo colpa vostra
Io da piccola somigliavo a Drew Barrymore, non per questo ritenevo fosse congruo sottrarmi all'esame di quinta elementare