Milano Zucchero e Catrame, anche io voglio far volare le sedie

Torno a Milano e non vedo l'ora: porto con me due nuove valigie di vestiti, altri libri e una foto di Salvador Dalì che metterò in salotto. E i buoni propositi per il nuovo anno, che sono pochi e sempre gli stessi

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Trouble's What You're In di Fink

Scrivo questo post alle sei del mattino. Fuori è buio, anzi albeggia. Il cielo sta diventando azzurro e anche se le luci per strada sono ancora accese, cominciano a non avere più alcuna utilità. Ma fanno un sacco di scena. Molto romantiche.

Come mezza Italia sono stato colpito dall'influenza e onestamente cerco di godermela il più possibile. Prima di ricominciare l'anno (che nel 2017 parte ufficialmente il 9 gennaio, giusto?) questi giorni di Efferalgan, sciroppi e minestrine, mi stanno obbligando a resettare il cervello. Ogni tanto serve, aiuta. Superati i primi due giorni di delirio e incapacità assoluta di formulare un concetto, adesso sono nella fase quasi piacevole degli spostamenti dal letto al divano, o dal bagno alla cucina, che faccio deambulando come un ubriaco. Riesco a leggere, vedere film, scrivere, o ascoltare musica, ma sempre con una certa flemma. Con calma, senza ansie, senza sensi di colpa.

È la fase che ho sempre adorato dell'influenza, unico momento in cui se non fai nulla, non ti senti un coglione.

Più Popolare

Lo ammetto, però, domani torno a Milano e onestamente non vedo l'ora. Chi l'avrebbe mai detto. È un po' come partire per un viaggio programmato da tempo. Non sto nella pelle. Faccio le valigie per partire da una casa e arrivare in un'altra, quella su al nord. Solitamente, per un tossicodipendente da elenchi e liste, in questa fase dell'anno, dovrei mettermi qui e compilare le mie solite quattro pagine di buoni propositi, che poi sono sempre gli stessi con nomi o posizioni diverse. È la verità, al di là dell'aspetto professionale, quello che mi riprometto da dieci anni, in fin dei conti, è sempre la stessa roba.

1. Smettere di fumare.

2. Fare sport.

3. Organizzare il mio primo viaggio in India.

In vari momenti del passato, sono riuscito a portare a casa anche risultati importanti: ho smesso di fumare anche per un mese, mi sono iscritto in palestra (senza mai andarci ma pagando per un intero anno) e giocato a tennis , ma il mio viaggio, quello, ancora non sono riuscito a farlo. Ho bisogno di un pretesto, una motivazione che vada oltre il bisogno di scoperta. Sono sempre stato così. Un po' quello che ho fatto con Milano. Sì, mi sono trasferito per comodità e opportunità lavorative, ma soprattutto perché sentivo che dovevo mettere radici in un altro luogo. Ricominciare altrove per non rischiare di parlarmi addosso.

Quindi parto, o meglio, ritorno a casa, portandomi dietro due nuove valige di vestiti, altri libri e una foto di Salvador Dalì che metterò nel mio salotto.

Anche io, quest'anno, voglio provare a far volare le sedie.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Se mi lasci ti cancello: le donne sfregiate
L'acido sulla faccia delle vittime della vioneza non brucia solo il corpo, ma scava una ferita dentro da cui è difficile guarire
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
Firme
CONDIVIDI
Terrorismo a Stoccolma e oltre: prove di guerra
Una raffica di attentati in Svezia, Egitto e Somalia ha seminato decine di morti e ha fatto crollare il mito dell'inviolabile sicurezza...