Milano Zucchero e Catrame, anche io voglio far volare le sedie

Torno a Milano e non vedo l'ora: porto con me due nuove valigie di vestiti, altri libri e una foto di Salvador Dalì che metterò in salotto. E i buoni propositi per il nuovo anno, che sono pochi e sempre gli stessi

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Trouble's What You're In di Fink

Scrivo questo post alle sei del mattino. Fuori è buio, anzi albeggia. Il cielo sta diventando azzurro e anche se le luci per strada sono ancora accese, cominciano a non avere più alcuna utilità. Ma fanno un sacco di scena. Molto romantiche.

Come mezza Italia sono stato colpito dall'influenza e onestamente cerco di godermela il più possibile. Prima di ricominciare l'anno (che nel 2017 parte ufficialmente il 9 gennaio, giusto?) questi giorni di Efferalgan, sciroppi e minestrine, mi stanno obbligando a resettare il cervello. Ogni tanto serve, aiuta. Superati i primi due giorni di delirio e incapacità assoluta di formulare un concetto, adesso sono nella fase quasi piacevole degli spostamenti dal letto al divano, o dal bagno alla cucina, che faccio deambulando come un ubriaco. Riesco a leggere, vedere film, scrivere, o ascoltare musica, ma sempre con una certa flemma. Con calma, senza ansie, senza sensi di colpa.

È la fase che ho sempre adorato dell'influenza, unico momento in cui se non fai nulla, non ti senti un coglione.

Più Popolare

Lo ammetto, però, domani torno a Milano e onestamente non vedo l'ora. Chi l'avrebbe mai detto. È un po' come partire per un viaggio programmato da tempo. Non sto nella pelle. Faccio le valigie per partire da una casa e arrivare in un'altra, quella su al nord. Solitamente, per un tossicodipendente da elenchi e liste, in questa fase dell'anno, dovrei mettermi qui e compilare le mie solite quattro pagine di buoni propositi, che poi sono sempre gli stessi con nomi o posizioni diverse. È la verità, al di là dell'aspetto professionale, quello che mi riprometto da dieci anni, in fin dei conti, è sempre la stessa roba.

1. Smettere di fumare.

2. Fare sport.

3. Organizzare il mio primo viaggio in India.

In vari momenti del passato, sono riuscito a portare a casa anche risultati importanti: ho smesso di fumare anche per un mese, mi sono iscritto in palestra (senza mai andarci ma pagando per un intero anno) e giocato a tennis , ma il mio viaggio, quello, ancora non sono riuscito a farlo. Ho bisogno di un pretesto, una motivazione che vada oltre il bisogno di scoperta. Sono sempre stato così. Un po' quello che ho fatto con Milano. Sì, mi sono trasferito per comodità e opportunità lavorative, ma soprattutto perché sentivo che dovevo mettere radici in un altro luogo. Ricominciare altrove per non rischiare di parlarmi addosso.

Quindi parto, o meglio, ritorno a casa, portandomi dietro due nuove valige di vestiti, altri libri e una foto di Salvador Dalì che metterò nel mio salotto.

Anche io, quest'anno, voglio provare a far volare le sedie.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

Read Next:
Firme
CONDIVIDI
Ma Beppe Grillo è contro o pro l'Europa?
Il Movimento 5 stelle ha cercato l'alleanza con gli europeisti dell'Alde, ma si è beccato un bel rifiuto
Firme
CONDIVIDI
Quel che non avevo capito dell'America
Altro che trasparenza, altro che serietà: Donald Trump 
ha demolito le mie convinzioni sulla società Usa
Firme
CONDIVIDI
Perché un figlio uccide i genitori?
Loro lo fanno sentire un fallito e la frustrazione genera odio e furia omicida, come è successo al ragazzo di 16 anni del ferrarese
tradimento fidanzato con la migliore amica
Firme
CONDIVIDI
«Lui mi ha tradito con la mia migliore amica»
Fra loro due durerà poco, perché la loro storia si nutriva del sotterfugio: la risposta a una lettrice ingannata doppiamente
Firme
CONDIVIDI
Quest'anno il cellulare si porta rétro
Anche Zadie Smith ha capito che va benissimo un telefono senza diavolerie moderne, solo sms e telefonate
Firme
CONDIVIDI
«Lui vuole una storia di sesso senza impegno»
Una lettrice scrive a Barbara Alberti: «La parte della bella trombabile non fa per me», ma il consiglio è di buttarsi
Firme
CONDIVIDI
Samantha Cristoforetti e il nome della figlia
La Cristoforetti ha partorito una bambina e l'ha chiamata Kelsey Amal, ma a qualcuno non è andato giù
Firme
CONDIVIDI
Lasciatemi sognare durante lo shampoo
Messaggio al parrucchiere: se cerchi di vendermi qualcosa mentre tento di rilassarmi, non verrò più nel tuo negozio
Firme
CONDIVIDI
Caro Obama, io ti rimpiangerò per le foto
Mai presidente fu più generoso nel resoconto fotoromanzato del suo mandato, mai nessuno più a prova di selfie senza Photoshop
Firme
CONDIVIDI
Posta di Barbara Alberti: «Ho il cancro: lui se ne va»
Ma poi torna: una storia che potrebbe diventare un libro, ma anche un riflessione su amore e malattia