La sinistra ritrovi la strada in Europa nel 2017

Il 2017 sarà un anno di elezioni in tutta l'Unione europea, dalla Francia alla Germania, Olanda e anche in Italia: la sinistra storica boccheggia e rischia di annegare, mentre i partiti nazionalisti e di destra crescono

Più Popolare

Il 2017 sarà un anno di elezioni. Si voterà in Francia, dove potrebbe trionfare l'estrema destra di Marine Le Pen (nella foto). E in Germania, dove Angela Merkel si ricandida per la quarta volta per fermare le forti pulsioni xenofobe e destroidi. Pure l'Olanda va alle urne, con la chioma leonina dell'estremista Geert Wilders, già condannato per discriminazione razziale, che va forte nei sondaggi con il suo protezionismo sovranista. E, soprattutto, all'inizio dell'estate si voterà con ogni probabilità in Italia, dove il quadro politico è in ebollizione.

Marine Le Pen e la campagna per elezioni in Francia.
Advertisement - Continue Reading Below

In tutte queste nazioni, la sinistra boccheggia e rischia di annegare. I partiti cosiddetti populisti volano, con ricette semplici anche se spesso irrealistiche. Ma di fronte alle conseguenze drammatiche della globalizzazione – calo dell'occupazione, crollo del costo del lavoro, forte immigrazione, delocalizzazioni selvagge – le parole d'ordine degli arruffapopolo fanno breccia. Muri, dazi, ritorno alla valuta nazionale sono spacciati come soluzioni universali. Naturalmente non è così, ma il popolo è impaurito e vuole illudersi. Se la Ue non riforma se stessa, dandosi regole uguali per tutti e superando egoismi e austerity, i partiti anti Europa l'annienteranno.

Più Popolare

Abbiamo bisogno degli Stati Uniti d'Europa: i governi nazionali sono ormai inadatti a gestire i processi mondiali. Per capire come la globalizzazione abbia cambiato il nostro continente, fate un salto a Monfalcone, città delle navi. O a Livorno, città dei metalli pesanti. Nulla è come prima, il paesaggio sociale e urbano trasformati profondamente. Operai a casa, alta immigrazione, guerra fra poveri. Sinistra storica a pezzi, astensionismo e populismi sempre più forti. Come se ne esce? Contrapponendo agli slogan la capacità di calarsi nella crisi per cercare le soluzioni. Stando al fianco di chi soffre e perde. Accettando la complessità. Un tempo era il mestiere della sinistra. Ma oggi anche la sinistra è disoccupata

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena