Milano Zucchero e Catrame, il valore del tempo

Mosso da una curiosità spaziale sono andato a vedere la nuova Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: Who Is The Sender? di Bill Fay

Uno dei motivi che mi ha spinto a trasferirmi a Milano è la sensazione continua di innovazione che si respira un po' ovunque. Per chi, come me, ha una soglia molto bassa di attenzione e si annoia subito di tutto, ogni volta che mi si presenta la possibilità di vivere qualche novità non mi tiro mai indietro. Qui a volte respiro quella stessa aria effervescente che sento ogni volta che vado a Parigi o New York, città che cambiano aspetto di continuo, offrono sempre una possibilità in più anche se riescono a mantenere sempre un'identità chiara e precisa. Tutta questa premessa per dirvi che qualche mattina fa, mosso da una curiosità "spaziale", sono andato a vedere la nuova Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, nell'area di Porta Volta tra viale Pasubio e viale Crispi, che è stata inaugurata il 13 dicembre. Lo ammetto, sono partito da casa con un'aspettativa enorme, anche troppo, pronto a farmi rapire e conquistare. È sempre stato un mio problema questo. Mi carico così tanto, mi faccio film in testa, costruisco e distruggo, da poi rimanere quasi sempre deluso. Arrivato davanti al palazzo, progettato dal super mega maxi studio internazionale di architettura, tali Herzog & De Meuron, sono rimasto assolutamente spaesato. Enorme, gigantesco, anche troppo.

Ho sempre pensato che la cultura, nella sua accezione più ampia e trasversale, abbia bisogno di calore e semplicità per essere vissuta da tutti.

Più Popolare

Siccome l'obiettivo della Fondazione credo sia quello di creare un nuovo centro di aggregazione per la città, confesso che l'altro giorno mi sono sentito a disagio. Tipo quando si entra in quelle case dove il padrone ti chiede di togliere le scarpe per non sporcare la moquette o il parquet. Se è una scelta che posso fare, va bene. Se è qualcosa di obbligatorio, lo faccio ma di sicuro li non mi sentirò mai a casa. Ecco, l'impatto è stato quello. Entrato, ho trovato poco o nulla di nuovo. Nuovo veramente, cioè mai visto prima. C'è il bar, si respira odore di libri, che adoro, ma tutto questo l'ho già visto milioni di volte. Non voglio fare lo stronzo, volevo sorprendermi. E non è successo.

Advertisement - Continue Reading Below

Mi aspettavo altro. Ho chiesto informazioni e poi sono andato al primo di cinque piani e in religioso silenzio, come fossi in un museo, sono arrivato in una grande stanza polifunzionale con tante sedie e un palco predisposto per accogliere scrittori, artisti, cantanti e tanti altri con qualcosa da dire (spero). Zero emozioni anche qui. Già visto.

Senza demordere sono sceso e ho chiesto di andare al quinto piano per godere di una vista mozzafiato e vedere la sala lettura. Risposta secca. "È chiusa, aprirà". Ho rosicato come un matto e ho realizzato che la mia visita era finita. Il problema è che questo, forse, non è assolutamente un luogo da visitare o, almeno per me, ma da vivere profondamente. L'obiettivo della Fondazione spero (ancora una volta) sia di diventare fonte di idee e progetti per raccontare storie e scriverne di nuove. La bellezza sta più nell'importanza del progetto che non nella sua presentazione. La sua forza è nella richiesta di partecipazione fatta a tutta la città. Parlo di cittadini, uomini e donne, bambini e anziani, non solo di fighetti o laureandi in architettura. Sono andato per vedere qualcosa, ma in realtà è probabile che sia io ad aver sbagliato approccio. Un po' come uno che ha un'ora libera e decide di vedersi i Musei Vaticani a Roma. Una follia. Condividere, è questo lo scarto mentale che devo ancora fare per capire e godermi Milano ancora di più. Se voglio vivere qui devo entrare in un'altra ottica, sporcarmi le mani, e togliermi questo velo di timidezza permanente.

Scoprirò il valore di questo luogo solo con il tempo. Vivendolo, respirandolo, partecipando.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
femminicidio: per le donne uccise dagli uomini l'allarme non scatta mai
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: per le donne l'allarme sicurezza non scatta mai
S'allunga la lista delle donne uccise dagli uomini che stavano loro accanto, ma si fa finta che le emergenze nazionali siano altre
Kaia Gerber, La figlia di Cindy Crawford è uno schianto, fa la modella, rilascia dichiarazioni ragionevolmente giudiziose, ma ecco perché non sarà mai irripetibile come la madre.
Firme
CONDIVIDI
Cara Cindy, tua figlia non sarà mai bella come te
La fotogenia si eredita, il mestiere si impara, l'irripetibilità è un accidente
Firme
CONDIVIDI
E tu dov'eri quando è morta la principessa Diana?
Lady D era il pezzetto di cultura popolare che univa noi e le nostre nonne: è scomparsa 20 anni fa, il 31 agosto 1997
nomofobia
Firme
CONDIVIDI
Compito per le vacanze: spegnere lo smartphone
Quando comincerete ad assaporare l'ebbrezza della non reperibilità vuol dire che ne siete fuori: si chiama ritorno alla vita, ed è...
Sostiene Monica Lewinski che gli uomini nuovi (come Brad Pitt o il principe Harry) sono finalmente diventati profondi, affascinanti, vulnerabili, e financo femministi: ma siamo sicure sia una vittoria?
Firme
CONDIVIDI
Cara Monica, la lagna è come l'amore: non si divide, si moltiplica
Capisco il sollievo del mal comune, ma non condivido il mezzo gaudio per l'improvvisa familiarità che certi famosi ostentano col crepacuore
Firme
CONDIVIDI
Se la celeb sembra (ma non è) una di noi
La prima fu Diana, l'ultima è Angelina Jolie che, forse per la crisi dei 40, dichiara di piangere nella doccia per non far preoccupare i...
Firme
CONDIVIDI
Vacanze: finalmente si parte!
Solo da noi l'estate viene vissuta con tale enfasi: qui si emigra letteralmente ed è tutto uno stress. Soprattutto al rientro
woody-allen-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Tutto quello che Woody Allen non ha mai detto sui gatti
«Preferirebbe stare mezz'ora in un ascensore al buio o una giornata in una suite piena di cani e gatti?». La sua risposta vi sorprenderà
Firme
CONDIVIDI
La parità come la intendono a Hollywood
«Prendere delle modelle, coprirle di lividi e farne delle eroine d'azione, da mostrare nude»: succede a Charlize Theron in Atomica bionda
Firme
CONDIVIDI
L'idea del matrimonio giusto è anacronistica
L'idea di garantirsi sicurezza e prestigio sposando un buon partito è fuori dal tempo e svilente. E fa male alle donne