Posta di Barbara Alberti: «E se avessi un flirt con il mio professore?»

Il suo docente le fa la corte, ma fa strage di allieve: si può fidare di lui? La scrittrice Barbara Alberti risponde a una studentessa: «Chiunque si può innamorare, anche un dongiovanni»

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici e ai lettori di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: scrivetele all'indirizzo maleducazione.sentimentale@hearst.it . Ecco il suo consiglio a una studentessa che non sa se cedere alle avance del professore rubacuori.

«Lui è il mio professore all'università, anche se è un po' pelato fa strage fra le sue allieve, non è il tipo che ti dà un bel voto se ci stai, lui le conquista e basta, se non studiano le boccia. Non è uno che perde tempo, una notte e via. Ma a me fa una corte delicata, timida, con piccole grandi attenzioni, però la mia migliore amica dice che sono matta a crederci, che con lui non posso farcela, che un dongiovanni seriale non si può innamorare…». Rossy

Advertisement - Continue Reading Below

Risponde Barbara Alberti

Insomma anche la tua migliore amica è innamorata persa del banale rubacuori accademico e schiatta d'invidia perché lui ti corteggia all'antica. Sarà una strategia? Starà facendo il suo gioco più crudele, fingendo il sentimento? O è stufo morto delle sue storielle meccaniche e si dà al lusso di provare qualcosa finalmente? Boh, e che ne sappiamo? Ma la tua amica ha torto, chiunque si può innamorare, anche il Diavolo. Nel poema di Lermontov, Il Demone, ci casca pure Satana, fulminato da Tamara la bella, per lei sfida l'Angelo con la spada, che gli sbarra la via per impedirgli di avvicinarla. Ma il Demone riesce a sconfiggerlo, facendolo vergognare della sua incorporeità che lo rende inabile alla passione. Finora al tuo Cupìdo spennacchiato non puoi rimproverare niente, chi ha mancato di stile sei tu, confidandoti con l'amica. Che vuol dire che con lui "non puoi farcela"? Se l'amore c'è, ce la farà lui per tutti e due. E se no, musica!

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...