Posta di Barbara Alberti: «E se avessi un flirt con il mio professore?»

Il suo docente le fa la corte, ma fa strage di allieve: si può fidare di lui? La scrittrice Barbara Alberti risponde a una studentessa: «Chiunque si può innamorare, anche un dongiovanni»

La scrittrice Barbara Alberti risponde alle lettrici e ai lettori di Gioia! che vogliono sottoporle i loro problemi di cuore: scrivetele all'indirizzo maleducazione.sentimentale@hearst.it . Ecco il suo consiglio a una studentessa che non sa se cedere alle avance del professore rubacuori.

«Lui è il mio professore all'università, anche se è un po' pelato fa strage fra le sue allieve, non è il tipo che ti dà un bel voto se ci stai, lui le conquista e basta, se non studiano le boccia. Non è uno che perde tempo, una notte e via. Ma a me fa una corte delicata, timida, con piccole grandi attenzioni, però la mia migliore amica dice che sono matta a crederci, che con lui non posso farcela, che un dongiovanni seriale non si può innamorare…». Rossy

Advertisement - Continue Reading Below

Risponde Barbara Alberti

Insomma anche la tua migliore amica è innamorata persa del banale rubacuori accademico e schiatta d'invidia perché lui ti corteggia all'antica. Sarà una strategia? Starà facendo il suo gioco più crudele, fingendo il sentimento? O è stufo morto delle sue storielle meccaniche e si dà al lusso di provare qualcosa finalmente? Boh, e che ne sappiamo? Ma la tua amica ha torto, chiunque si può innamorare, anche il Diavolo. Nel poema di Lermontov, Il Demone, ci casca pure Satana, fulminato da Tamara la bella, per lei sfida l'Angelo con la spada, che gli sbarra la via per impedirgli di avvicinarla. Ma il Demone riesce a sconfiggerlo, facendolo vergognare della sua incorporeità che lo rende inabile alla passione. Finora al tuo Cupìdo spennacchiato non puoi rimproverare niente, chi ha mancato di stile sei tu, confidandoti con l'amica. Che vuol dire che con lui "non puoi farcela"? Se l'amore c'è, ce la farà lui per tutti e due. E se no, musica!

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Isis, quando i miliziani tornano a casa
Sono europei, ma inneggiano al Corano: si spende per integrarli quando ritornano in patria, ma forse dovremmo difenderci
Firme
CONDIVIDI
Genitori separati: cosa dire ai figli?
Bisogna sempre parlare bene al figlio di un padre, anche se indegno, oppure se un genitore è spregevole i figli hanno il diritto di...
milano-zucchero-e-catrame-primi-sei-mesi-milano
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, i miei primi 6 mesi qui
Nel sesto mese della mia vita a Milano sono diventato parte del mio quartiere: per un abitudinario come me è una conquista
Firme
CONDIVIDI
Allacciate le cinture (e attenti alle botte)
Da quando il video del passeggero buttato giù da un aereo in overbooking ha fatto il giro del mondo, è capitato di tutto
Firme
CONDIVIDI
Lui non è affettuoso? Protegge il vostro amore
«È l'amante perfetto, ma non è per niente romantico»: la felicità non ti basta, se non la sbatti in faccia agli amici?
immigrati-islam-integrazione-generazioni
Firme
CONDIVIDI
Quei figli di immigrati sospesi tra due mondi
Obbligati a seguire le tradizioni dei padri, ma desiderosi di trovare una collocazione nel Paese che li ospita
Una manifestazione contro la violenza sulle donne in Brasile.
Firme
CONDIVIDI
Femminicidio: quando lui non accetta la fine
Ancora una donna uccisa da un ex, dopo che lui le aveva chiesto un «ultimo incontro chiarificatore»
Firme
CONDIVIDI
Trump: a cosa servono (davvero) le bombe
Ha bombardato una base siriana per ragioni umanitarie, ma lo ha fatto soprattutto per distrarre gli americani dalla politica interna
Firme
CONDIVIDI
Piaceri segreti: innamorarsi in un privé
«Siamo diventati amanti sul serio»: se ami veramente l'altro devi dirlo a tuo marito, se no ti stai solo vendicando
milano-zucchero-e-catrame-cosa-dice-di-te-la-tua-scrivania
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, a caccia di scrivanie
In questo periodo fotografo tutte le scrivanie che vedo: e la tua, cosa racconta di te?