Matteo Renzi, perché gli italiani gli hanno detto «no»

Renzi è stato bocciato non tanto sulla riforma della Costituzione, ma sulla politica economica del governo che non ha affrontato nessuno dei problemi reali del Paese, scrive Corrado Formigli

Più Popolare

Ci sono tre immagini per me potenti e simboliche della parabola di Matteo Renzi. La prima è quella di un ragazzo che si cambia la camicia bianca al volo, dentro al camper che lo porta in giro come una trottola nella campagna delle primarie. Quel ragazzo è Matteo, anno 2012. Sfida Bersani, allora segretario del Pd. Mangia pane e prosciutto, salta giù dal camper per darsi in pasto alla folla adorante dei selfie. Non ha paura di nulla, è il Rottamatore con un futuro davanti. Quelle primarie le perderà, ma nel frattempo è nata una stella. Il suo discorso dopo la sconfitta è bellissimo, la rivincita arriverà presto, dopo le elezioni non vinte da Bersani nel 2013.

Advertisement - Continue Reading Below

Il secondo fotogramma nella mia memoria ritrae Matteo Renzi appena diventato presidente del Consiglio. Siamo nella primavera del 2014 e da un palco di Scalea indirizza ai calabresi un discorso forte e drammatico: se vogliono un futuro devono cercarselo con tutte le loro forze. E il governo sarà al loro fianco, accanto alla regione più povera del Paese. Quella promessa sarà disattesa. Renzi tornerà raramente nel sud, convinto di dover sempre e ovunque trasmettere del suo governo un'immagine positiva e vincente. Quel sud dimenticato si è preso una rivincita al referendum: la Calabria, assieme alla Sicilia, ha avuto il record di "no".

Più Popolare

La terza fotografia è Matteo Renzi diviso dalla folla e dai giornalisti da un cordone di polizia largo decine di metri. Preoccupato dalle domande non previste e dalle possibili contestazioni, concentrato su una campagna referendaria folle nella quale ha usato (troppo) l'aereo e l'elicottero di Stato e i cortei di auto blu sgommanti. Il Renzi rottamatore, in pochissimi anni si è trasformato nel Renzi di palazzo, distante dai problemi reali della nazione. Dai disoccupati del sud ma anche dai piccoli imprenditori in crisi del nord, che si aspettavano una terapia shock per abbassare il carico fiscale.

Ecco perché il "no" ha vinto in modo omogeneo, come una nube nera di scontento che ha spazzato via l'ottimismo forzato, legato a pochi zerovirgola di crescita economica. Ecco, il "no" a Renzi non è dovuto principalmente alla difesa della Costituzione italiana. È un no alla politica economica del governo. Che non è riuscito a realizzare le tante promesse fatte. Il Jobs act doveva far ripartire l'occupazione ma l'Italia è diventata soprattutto la terra dei voucher, dei contratti a ore pagati una miseria. L'illegalità continua a dilagare, le caste a comandare, la burocrazia a sprecare e impaludare ogni promessa di efficienza. Il Rottamatore è parso sempre più chiuso nella cerchia dei suoi più fedeli collaboratori. Diffidente, estraneo, altezzoso. Fino a illudersi di poter ottenere un plebiscito su di sé, magari elargendo qualche bonus di Stato.

Nella perdita di contatto con la realtà di chi soffre e lavora e nell'ossessivo tentativo di coltivare il consenso con provvedimenti a pioggia anziché puntando a poche, drastiche misure, c'è secondo me la sconfitta di Renzi. Che oggi si lecca le ferite e riflette sui suoi errori. Molti di coloro che lo incensavano e gli obbedivano incondizionatamente adesso lo tradiranno. Ma dubito che si farà da parte, e sarebbe ingiusto che accadesse. È ancora una risorsa della politica italiana, sicuramente un uomo coraggioso e di talento. Tornerà sulla scena, a patto di comprendere la lezione che la realtà, prima ancora dei suoi avversari politici, gli ha inflitto.

More from Gioia!:
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Dopo un'estate di pettegolezzi, Heidi Klum ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia e smettere di cercare uomini che la facciano sentire giovane.
Firme
CONDIVIDI
Cara Heidi Klum, mollare un trentenne è sempre un'ottima idea
Dopo un'estate di pettegolezzi, la modella ha lasciato Vito Schnabel, e adesso devo cambiare strategia di accoppiamento
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà
Moda sostenibile Green carpet fashion award
Firme
CONDIVIDI
La moda sostenibile ha un premio tutto per sé
Si può fare fashion etico senza sacrificare l'estetica: cronaca del primo Green Carpet Fashion Award