Milano Zucchero e Catrame, una città tutta per me

Il giorno di Sant'Ambrogio mi sono svegliato alle sette e sono uscito: giorno di festa, mattina presto, zero esseri umani e almeno per un po' la sensazione di vivere in una bolla spazio-temporale

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: We Are Nowhere and It's Now di Bright Eyes

Quando ero piccolo, viaggiare in macchina era una festa.

MI sistemavano dietro, ovviamente. Mia sorella accanto e sguardo fuori. Sempre. Un vero trip.

Ho sempre pensato che fosse una di quelle esperienze da non dover mai raccontare ad alta voce. I miei pensieri correvano assieme a quello che avevo intorno. A duemila. Quando arrivavamo a destinazione, di viaggi io ne avevo fatti dieci. Cento. Mille.

Più Popolare

Il giorno di Sant'Ambrogio, lo scorso 7 dicembre, mi sono svegliato alle sette - cosa che per me è come ricevere una coltellata in pieno petto - e mi sono dato appuntamento con il mio amico Andrea, poco dopo, a piazza San Babila.

Giorno di festa, mattina presto. Un cielo azzurro che quasi inibiva e poi, il nulla. O meglio, zero esseri umani in circolazione. Una città intera a disposizione. Strade, vie, piazze. Tutto vuoto. Almeno per un po' la sensazione di vivere in una specie di bolla spazio-temporale.

È incredibile come cambia aspetto una città mentre si riposa, o - come Milano - non è ancora accesa e pronta a correre. I profili dei palazzi sembrano venirti incontro, gli angoli si allungano, le finestre e i terrazzi si mettono in prima fila. Ti guardi intorno, tiri su gli occhi e finalmente vedi la città da un'altra prospettiva.

Il freddo che ci teneva svegli, le parole che allenavano la mente a riconquistare lucidità, un paio di pause caffè, e vai a camminare. Non so quanti chilometri abbiamo fatto, ma siamo andati avanti per ore.

La voglia non era di scoprire qualcosa di mai visto, ma di rileggere con altri occhi e un altro spirito, quello che già è parte della memoria di tutti i giorni.

Un filtro che Instagram se lo sognerà per sempre!

Milano ha cambiato colore ogni dieci minuti e con lei noi abbiamo intensificato chiacchiere, aggiornamenti, idee, e tutte le teorie e tecniche di sopravvivenza al mondo. Bastava una luce particolare, l'altro giorno, una scritta sul muro o un portone di legno a far scattare le connessioni più spericolate, le fantasie più arzigogolate, le battutacce più cretine, ma divertenti. Da rifare. Una figata (con la "g").

Non scattare delle cartoline era da pazzi, non fissare l'istante anche.

Mi sono regalato (e ringrazio Andrea, l'idea è stata sua) uno di quei viaggi in macchina che facevo da bimbo. Un pensiero per dove stavo, un altro per la persona con cui parlavo, e poi, uno solo per me. Chiaro, nitido, potente, di quelli che ti danno coraggio e stimoli.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Ai figli mitomani spiegate cos'è una bolletta
I figli delle mie amiche, anche se sono fuori casa, elemosinano ricariche e paghette
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile
È tornata la stagione del bikini, e puntuali spuntano le foto non ritoccate dal Messico: il sedere di Kim Kardashian è il più chiacchierato del web.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, ho capito cosa significa il tuo sedere
La reazione alla tua (peraltro prevedibile) cellulite racconta più di noi che di te, che sei una purista della menzogna
Firme
CONDIVIDI
Non prendete esempio da Serena Williams
Era incinta quando ha vinto gli Australian Open, ma se qualcuno ancora osa indicarla come un esempio positivo, mi metto a urlare