Milano Zucchero e Catrame, una città tutta per me

Il giorno di Sant'Ambrogio mi sono svegliato alle sette e sono uscito: giorno di festa, mattina presto, zero esseri umani e almeno per un po' la sensazione di vivere in una bolla spazio-temporale

Più Popolare
Advertisement - Continue Reading Below

Canzone per leggere l'umore: We Are Nowhere and It's Now di Bright Eyes

Quando ero piccolo, viaggiare in macchina era una festa.

MI sistemavano dietro, ovviamente. Mia sorella accanto e sguardo fuori. Sempre. Un vero trip.

Ho sempre pensato che fosse una di quelle esperienze da non dover mai raccontare ad alta voce. I miei pensieri correvano assieme a quello che avevo intorno. A duemila. Quando arrivavamo a destinazione, di viaggi io ne avevo fatti dieci. Cento. Mille.

Più Popolare

Il giorno di Sant'Ambrogio, lo scorso 7 dicembre, mi sono svegliato alle sette - cosa che per me è come ricevere una coltellata in pieno petto - e mi sono dato appuntamento con il mio amico Andrea, poco dopo, a piazza San Babila.

Giorno di festa, mattina presto. Un cielo azzurro che quasi inibiva e poi, il nulla. O meglio, zero esseri umani in circolazione. Una città intera a disposizione. Strade, vie, piazze. Tutto vuoto. Almeno per un po' la sensazione di vivere in una specie di bolla spazio-temporale.

È incredibile come cambia aspetto una città mentre si riposa, o - come Milano - non è ancora accesa e pronta a correre. I profili dei palazzi sembrano venirti incontro, gli angoli si allungano, le finestre e i terrazzi si mettono in prima fila. Ti guardi intorno, tiri su gli occhi e finalmente vedi la città da un'altra prospettiva.

Il freddo che ci teneva svegli, le parole che allenavano la mente a riconquistare lucidità, un paio di pause caffè, e vai a camminare. Non so quanti chilometri abbiamo fatto, ma siamo andati avanti per ore.

La voglia non era di scoprire qualcosa di mai visto, ma di rileggere con altri occhi e un altro spirito, quello che già è parte della memoria di tutti i giorni.

Un filtro che Instagram se lo sognerà per sempre!

Milano ha cambiato colore ogni dieci minuti e con lei noi abbiamo intensificato chiacchiere, aggiornamenti, idee, e tutte le teorie e tecniche di sopravvivenza al mondo. Bastava una luce particolare, l'altro giorno, una scritta sul muro o un portone di legno a far scattare le connessioni più spericolate, le fantasie più arzigogolate, le battutacce più cretine, ma divertenti. Da rifare. Una figata (con la "g").

Non scattare delle cartoline era da pazzi, non fissare l'istante anche.

Mi sono regalato (e ringrazio Andrea, l'idea è stata sua) uno di quei viaggi in macchina che facevo da bimbo. Un pensiero per dove stavo, un altro per la persona con cui parlavo, e poi, uno solo per me. Chiaro, nitido, potente, di quelli che ti danno coraggio e stimoli.

Matteo Maffucci, cantante degli Zero Assoluto, lascia Roma per Milano: qui potete seguire (e commentare) le sue peripezie di expat.

More from Gioia!:
La coppia è l'accessorio dell'anno: dopo Beyoncé, anche Madonna e i Clooney diventano genitori di gemelli
Firme
CONDIVIDI
Cara Madonna, in che guaio ti sei messa
La famiglia è un sistema regolato dall'economia dell'attenzione: quando i figli sono più dei genitori, l'entusiasmo non basta mai
Firme
CONDIVIDI
Donald Trump e la diplomazia dell'hamburger
In passato Trump pensava di poter sistemare le cose con il leader nordocoreano alla buona, ma è acqua passata
Firme
CONDIVIDI
Quanto è social lo spacco di Diletta
Al Festival di Sanremo nessuno ascoltava la conduttrice Sky che parlava di bullismo, ma tutti twittavano sul suo vestito
Firme
CONDIVIDI
«Fa l'amore con me e poi loda sua moglie»
Sei capitata con il più classico dei moglioni, cioè il mammone della moglie, che tradisce sempre ma non se ne va mai
Firme
CONDIVIDI
Il terremoto non può portare via i ricordi
Michela Monferrini ha scritto un libro che è un viaggio nel dolore della perdita ma anche un viaggio nella memoria
Firme
CONDIVIDI
Politica vs stampa: non sparate sul cronista
Tempi duri per la libertà di stampa: dalla Turchia agli Usa, fino all'Italia, i politici forzano la mano sui giornalisti
Firme
CONDIVIDI
Sesso e giovani: prima di Internet c'era Cioè
I ragazzi di oggi, rivela il Censis, di sesso ne sanno, ma il primo rapporto arriva a 17 anni e molti confondono contraccezione e...
Firme
CONDIVIDI
La Caporetto della grammatica
I professori dell'Accademia della Crusca lanciano l'allarme: gli italiani non sanno più scrivere né parlare
Firme
CONDIVIDI
Sally te lo aveva detto, Donald!
Sally Yates, l'ex procuratrice licenziata con l'accusa di tradimento, aveva provato a spiegare a Trump che il Muslim ban era una boiata
Firme
CONDIVIDI
«Mio figlio e le escort che gli paga papà»
«Mio marito ha scoperto che è vergine e teme sia gay»: un padre così insicuro della propria virilità da ricorrere al vecchio bordello