Era solo un hashtag, mica la odiavo

Nella serie tv Black mirror la Rete è luogo di linciaggi, dove si trova chi ti augura di morire: ma anche nella realtà l'odio si distribuisce a chiunque scriva una cosa che ci irrita

Più Popolare
  1. Siccome Black mirror ha ottimi sceneggiatori, il segno che quel che sembra fantascienza è in realtà iperrealismo è una maestra elementare. Chi più simbolo di brava persona, rispettabile, affettuosa, certo non alienata e psicopatica? Nell'ultima puntata della terza stagione, su Netflix, la maestra è la prima da cui vanno gli investigatori, quando capiscono che qualcuno sta uccidendo davvero tutti quelli cui viene accostato l'hashtag #deathto, «morte a», su Twitter. La prima morta per hashtag è una giornalista che aveva scritto un editoriale non empatico su un uomo che si era dato fuoco. Il secondo è un cantante che, in un talk show, era stato scortese con un bambino suo fan. Entrambi casi – del tutto realistici – in cui la Rete decide che hai sbagliato e meriti il linciaggio. Chi su un social ti augura di morire, di perdere il lavoro e altre amenità, è sempre convinto d'essere dalla parte del giusto. (Consiglio di lettura: I giustizieri della Rete, Jon Ronson).

La maestra è la prima da cui va la polizia: oltre ad aver augurato la morte su Twitter alla giornalista, le ha mandato una torta con la decorazione di glassa «troia schifosa». 80 sterline. Ha fatto una colletta su un gruppo di madri e maestre: chi non metterebbe una sterlina per insolentire una tizia mai conosciuta? Benvenuti nella contemporaneità, dove l'odio scomposto non si conserva per i vicini rumorosi, i parenti invadenti, gli ex fedifraghi, ma si distribuisce disinvoltamente a chiunque scriva una cosa che ci irrita: «Sì, lo so che è morta, ma avete letto cosa aveva scritto? E quanto l'avranno pagata per scriverlo?», dice, convinta d'aver ragione, la maestra alle poliziotte. C'è solo una cosa che ci rende più certi d'essere nel giusto che un'opinione divergente, ed è che quell'opinione sia meglio retribuita della nostra.

Advertisement - Continue Reading Below

Siccome la realtà è anche lei ottima sceneggiatrice, il simbolo italiano è una contadina. Quando l'intervistatrice di Repubblica le ha chiesto conto degli insulti lasciati sulla pagina Facebook di Laura Boldrini, la donna ha detto che era stanca dopo aver lavorato nei campi tutto il giorno, e che presto avrebbero ammazzato il maiale. L'abbiamo subito assolta: una delle illusioni più fesse e tuttavia più solide della civiltà urbana è che in campagna non possano essere davvero cattivi; magari inattrezzati rispetto a diavolerie come Facebook, magari goffi, ma tutto sommato puri di cuore.

Più Popolare

Tra qualche mese saranno dieci anni che ho un account Twitter, e non ho una linea comportamentale rispetto a quelli che ritengono d'insolentirmi: rispondere, non rispondere, additarli alla pubblica ilarità, ignorarli – alla fine dipende solo da come mi gira quel giorno. Sono abbastanza convinta che non siano davvero pericolosi: l'esperienza mi dice che, se t'incontrano dal vivo, in genere ti dicono che sono tanto tuoi ammiratori e ti leggono sempre. Perché – ed è questo che andrebbe studiato – sono convinti che la Rete sia un universo a parte, con sue leggi diverse («Stavo solo esercitando la mia libertà d'espressione», dice la maestra nel telefilm) e che sia persecutorio trattarli come se le parole fossero importanti. Quando le fanno vedere il tweet «morte a», la maestra sbuffa: sì, vabbè, l'hanno ammazzata, ma quello era un hashtag, mica una cosa del mondo reale.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
6 cose che ci ha insegnato il caso Weinstein
Dalla triste vicenda del produttore abbiamo imparato parecchio, per esempio che le donne sono spesso le peggiori nemiche delle donne
Kim Cattrall ha deciso di non partecipare alla riesumazione di Sex and the City, e quindi il terzo film della serie non si farà: sarah Jessica Parker e le altre non l'hanno presa bene.
Firme
CONDIVIDI
Cara Kim, nessuna smette quando vuole
Messaggio per l'attrice di Sex and the City: e se avere dei figli ritardasse la presa in carico della propria libertà?
Harvey Weinstein accuse stupro
Firme
CONDIVIDI
A proposito di Harvey Weinstein: quando è violenza e quando è solo vita
Se mettiamo nella categoria «stupro» chiunque ci provi e ci faccia sentire dieci minuti a disagio, prevedo l'estinzione dell'umanità
Voglio essere magra
Firme
CONDIVIDI
Io che volevo essere magra più di tutto
Ma c'è una bella differenza tra la ricerca del proprio peso forma e la fissazione per il corpo esile a tutti i costi
Ius soli autogol sinistra
Firme
CONDIVIDI
Ius soli, l'autogol della sinistra
Il disegno di legge muore in Parlamento perché Alfano non lo vuole e perché il centrosinistra si è subito arreso
Con una stretta di mano al summit sull'ambiente dell'Onu, Gisele Bündchen ha mandato un messaggio al marito Tom Brady: tu stai al tuo posto, ché al tavolo dei grandi mi siedo io.
Firme
CONDIVIDI
Cara Gisele Bündchen, sei meglio di tuo marito
Tuo marito ha sposato la più bella del reame, che si accontenti: al tavolo dei grandi siedi tu
figli bamboccioni casa
Firme
CONDIVIDI
Quel che si perdono i figli bamboccioni
La sindrome dell'impostore applicata agli immobili: ce la spiega l'attrice di Scandal Katie Lowes
Maria Sharapova ha scritto un libro, Unstoppable, in cui non riesce a confessare una semplice verità: Serena Williams l'ha battuta sul campo da tennis 19 volte di seguito perché è più forte.
Firme
CONDIVIDI
Cara Maria Sharapova, ogni tennista è un'isola
Ma pure su quest'isola la notizia deve essere arrivata: Serena Williams non ti batte perché ti odia, ti batte perché è più forte di te
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Firme
CONDIVIDI
Quanto ci mancano gli uomini all'antica
Con la scusa che noi «vogliamo tutto» fidanzati e mariti si sono messi comodi e ci fanno fare tutto: gli straordinari e la cena
Passatempi figli adolescenti cellulare internet
Firme
CONDIVIDI
Genitori, i giovani non sono così fessi
C'era un tempo in cui le cuffie del walkman annunciavano l'alienazione: i passatempi dei figli sembrano sempre la fine della civiltà