Volevo essere la madre di Justin Bieber

Senza i giovani non c'è futuro, ma soprattutto serve sognare in grande, come ha fatto Justin Bieber. E non fermarsi davanti a niente, neppure quando la vita ti fa lo sgambetto, e questo ce lo ha spiegato Bebe Vio

Più Popolare

C'è stato un giorno, non molto tempo fa, in cui ho desiderato essere la madre di Justin Bieber. È la prima volta che mi capita di voler essere la madre di qualcuno, invece che la sua ragazza. Segno 
che sto invecchiando, e che non ho inclinazioni da cougar. È successo una sera guardando per caso in tv un documentario sulla sua vita, nel quale era ancora più ragazzino di quanto non sia già, ma faceva cose da adulto. Tipo scrivere canzoni, fronteggiare manager assetati di soldi e platee assetate di lui. 
Non era ancora la star capricciosa di oggi, era solo un bambino. Un bambino talentuoso, con le braghe larghe e tanta forza di volontà. Mi sono immaginata di tornare a casa e non dovergli chiedere : «Hai fatto i compiti? Quanto hai preso a storia?». Non pormi il problema del suo domani, di come prepararlo alle verifiche e alla vita. Ci aveva già pensato da solo.

Advertisement - Continue Reading Below

I millennial bimbominchia famosi a 15 anni

E così, all'improvviso, ho riconsiderato tutta la faccenda. Questa dei millennial bimbominchia che diventano famosi a 
15 anni, e dopo i 20 hanno più fan di Frank Sinatra a 70. Fan fedelissimi che 
li seguono ovunque, non solo ai concerti, ma in tutte le cose belle o sceme che postano sui social, la loro vita in diretta. Perché è vero che la Rete è democratica, ma pure impietosa. Se hai cose da dire e sai come dirle, ti dà l'occasione. Justin Bieber ha 77 milioni di seguaci su Facebook e 87 milioni su Twitter. Senza i social sarebbe comunque diventato il «miglior artista emergente» per due anni consecutivi e l'under 25 più ricco del mondo, ma anche il Web è servito. Senza la Rete, certamente non esisterebbe Shawn Mendes, musicista canadese per cui le nostre figlie si strappano i capelli a ciocche. E nemmeno Cameron Dallas, così bravo su Vine, che non si è preso neanche la briga di cantare. Le fanciulle lo amano così: perché ci sa fare. Ha sfracelli di follower su tutti i suoi account 
e a fine dicembre debutta con una reality series su Netflix, Chasing Cameron.

Più Popolare

Il mondo è cambiato il pezzo di carta non basta più

L'ho conosciuto alcuni mesi fa a una cena di Dolce&Gabbana e me ne sono innamorata. Come s'innamora una madre dei bravi ragazzi, ma pure una figlia se uno è fico, pur senza avere inclinazioni coguare. È una persona aperta, gentile, socievole, grata alla vita per quello che ha. Durante la campagna della griffe a Capri, con un plotone di altri noti coetanei, pare abbia fatto amicizia col mondo. È stato affabile e generoso, anche quando l'abbiamo incontrato per l'intervista che trovate in questo numero. Perfetto testimonial di una generazione che ha forse meno prospettive di quella precedente ma si dà da fare, perché ha capito che se non s'ingegna resta al palo. Lo dicono i dati dell'ultimo rapporto Ocse, secondo cui i vecchi sistemi per farsi strada nella vita – il famoso pezzo di carta – non bastano più. Il mondo è cambiato, sono cambiati mestieri e professioni, occorrono altre qualità: l'abilità di comunicare e risolvere problemi, la creatività, lo spirito di squadra. Gli inglesi le chiamano soft skills.

Senza i giovani non c'è futuro

Ma soprattutto serve sognare in grande. Non fermarsi davanti a niente, neppure quando la vita ti fa lo sgambetto. 
Ce lo ha spiegato Bebe Vio, che abbiamo intervistato al termine di un anno straordinario. Speriamo sia di monito a tanti suoi coetanei. Il numero 48 di Gioia! con lo speciale regali di Natale, in edicola da giovedì 8 dicembre 2016, lo abbiamo dedicato a loro. Perché non c'è futuro senza la forza propulsiva dei giovani. Non spegniamola. Il futuro è incerto, e abbiamo solo loro.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Ai figli mitomani spiegate cos'è una bolletta
I figli delle mie amiche, anche se sono fuori casa, elemosinano ricariche e paghette
Firme
CONDIVIDI
Quando sposarsi era meglio che lavorare
Oggi il concetto stesso di «tenore di vita» è ridicolmente antiquato: chi può denunciare in tribunale la crisi economica?
Firme
CONDIVIDI
Nel degrado di Roma nessuno è innocente
Cambiano i sindaci ma la capitale è sempre sporca, i cittadini non fanno la raccolta differenziata e i politici si rimpallano le...
matteo-maffucci-zero-assoluto-foto
Firme
CONDIVIDI
Benvenuti a Milano, dove le minicar NON esistono
Mi sono ripromesso di non fare paragoni tra Milano e Roma: ma come si fa a non soffermarsi su alcuni dettagli?
Firme
CONDIVIDI
Per fare la moglie ci vuole una certa vocazione
Non ho simpatia per le ex mogli che spremono i mariti, ma ho a cuore le altre gettate via dopo tante rinunce
Firme
CONDIVIDI
«Non so scegliere fra marito e amante»
«Lo tradisco, ma gli voglio bene»: prima di mollare un coniuge devoto bisogna capire se l'eros resisterebbe alla vita vera
matteo-maffucci-zero-assoluto
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, nel regno dei maghi
Il mio amico me l'aveva detto: «Vai a vedere questo posto, non è un semplice negozio di magia...»
Firme
CONDIVIDI
Kirk Douglas, Anne e il matrimonio perfetto
Per il loro 63esimo anniversario di nozze l'attore e sua moglie si sono regalati un libro che raccoglie le loro lettere d'amore, e molte...
Firme
CONDIVIDI
Così Macron ha conquistato la Francia
Senza esperienza, senza partito, senza grandi doti comunicative: l'ha votato chi non vuole cedere all'estremismo
Firme
CONDIVIDI
Anna e la cronaca semi-seria della malattia
Anna Savini ha raccontato in un libro la sua lotta contro il cancro: una storia bella e necessaria a chi ne sta vivendo una simile