Madonna mostra sul palco la sua fragilità, come piace a Lourdes

La popstar sul palco non è apparsa una roccia come siamo abituate a vederla, mostrando il suo lato vero di mamma affranta per il figlio Rocco, e la primogenita l'appoggia

Più Popolare

Qualcuno aiuti Madonna. La signora non sta bene. Proprio lei che ci sembrava una roccia fino a qualche tempo fa: la donna che non deve chiedere mai, parafrasando il claim di un noto dopobarba per maschi duri e puri. Una così solida ed egoriferita, quasi bionica fisicamente parlando, da dare l'illusione che, in fondo, non avesse mai avuto davvero bisogno di nessuno. Esclusa la corte di nani e ballerine, publicist e personal trainer che l'hanno resa ciò che oggi è: una macchina da guerra. Popstar, attrice, produttrice discografica, imprenditrice, benefattrice, icona femminista e pure trend setter, a volte. Troppe cose per una persona sola. Troppe soprattutto per una che nasceva come paladina dell'anticonformismo e della libertà, e si è ritrovata ingabbiata in una prigione di disciplina, regole ferree e maniacalità.

La leggenda racconta che faccia ginnastica in modo ossessivo.

Advertisement - Continue Reading Below

Essere Madonna dev'essere un inferno: in primis per se stessa, e poi per gli altri. La leggenda racconta che faccia ginnastica in modo ossessivo due ore al giorno, sei giorni su sette; che si cosparga ogni notte di olio di serpente (1.000 euro al barattolo) e si faccia impacchettare con il Domopak per tenere lontane le rughe; che mangi solo mirtilli bio canadesi e detesti gli insaccati, lo zucchero, i derivati del latte… Che sia bisbetica e capricciosa, che non si arrenda all'età.

Il figlio Rocco, la lascia per andare a vivere a Londra dal papà.

Ci credo che poi Guy Ritchie se n'è andato, dopo sette anni e mezzo di matrimonio blindatissimo (pare che lei non gli facesse neanche guardare la tv), concluso "in amicizia" con una buonuscita di 70 milioni di sterline e strascico di gossip sui tabloid; e lei, che single non è stata mai, tra attori scapestrati, papà surrogati (quel Carlos Leon che le ha regalato la primogenita), toy boy mordi-e-fuggi e flirt gender fluid, si è ritrovata infine sola davvero. Essendolo forse stata da sempre, per scelta e vocazione. Felicemente, orgogliosamente, disperatamente sola. Soprattutto ora che l'unico uomo di cui le sia mai realmente importato, il figlio Rocco, la lascia per andare a vivere a Londra dal papà, cancellandola dal suo account Instagram, rinnegandola pubblicamente come neanche il più insensibile degli amanti sa fare.

Più Popolare

Una celebrità che inscena il suo lutto davanti al mondo intero.

Fa pena Madonna, persino tenerezza. Vedere fragile proprio lei, che per noi tutte è stata il simbolo di tutto quello che avremmo voluto essere e non abbiamo avuto il coraggio di. Da lei abbiamo imparato a osare, puntare in alto, provarci sempre. Sentirci belle pur non essendolo. E visto che di questo parla il nostro numero – interamente dedicato al beauty – lo voglio dedicare a lei, la più carismatica delle ragazze normali. Sua figlia Lourdes, intervistata da Vogue come nuova testimonial di Stella McCartney, ha detto: «Mi piace quando qualcuno non finge di essere ciò che non è». La mamma, stavolta, l'ha presa alla lettera. Fare Madonna, per ora, non le riesce più.

More from Gioia!:
Razzismo società multirazziale
Firme
CONDIVIDI
Che senso ha il razzismo in un'epoca che ha scelto la globalizzazione?
Colori, razze e altre categorie troppo rigide non sono più in grado di descrivere la nostra realtà complessa
Firme
CONDIVIDI
Gisele Bündchen forza della natura alias: come reagire benissimo alle sconfitte
Ciò nonostante, anche quando piangi sei uno schianto: è la regola Bündchen dell'infallibilità
Firme
CONDIVIDI
Fate uno sforzo e provate a mettervi nei panni (e a vivere i casini) di Woody Allen e Mia Farrow
Ma siamo sicuri che se fossero successe le stesse cose a noi, gente normale, avremmo reagito più compostamente?
Firme
CONDIVIDI
Domanda: ma il Festival di Sanremo di Claudio Baglioni non doveva andare malissimo?
Perché Baglioni è un classico, il jukebox delle nostre vite, uno che ci fa saltare sul divano con le prime quattro note di La vita è adesso
Firme
CONDIVIDI
Cosa insegneranno mai a Yale a chi frequenta il corso sulla felicità (per la cronaca: il più seguito nella storia dell'Ateneo)?
Laura Santos ha dato il via al corso più seguito nella storia di Yale: Psychology and the good life, in poche parole come essere felici
Dissenso comune attrici italiane
Firme
CONDIVIDI
Contro le molestie ci vogliono i fatti: l'appello delle attrici italiane
124 firme nella lettera-manifesto "Dissenso comune" per riscrivere il rapporto tra i sessi: è la sfida del secolo e non possiamo perderla
Firme
CONDIVIDI
In che modo Gabriele Muccino ci rovinerà anche questo San Valentino?
Il regista di A casa tutti bene, al cinema dal 14 febbraio, sa delle cose di noi e delle nostre relazioni, e passa i film a sputtanarci
Firme
CONDIVIDI
Ci vuole insolenza per essere una principessa inglese e decidere di sposarsi quest'anno: Eugenia siamo con te
Ci vuole coraggio per decidere di sposarsi quest'anno nella cappella del castello di Windsor, esattamente come Harry e Meghan
Firme
CONDIVIDI
Le regole della coppia aperta? Sono fatte per essere infrante (come tutte le regole dell'umanità)
Nel suo libro La promessa, Sarah Dunn parla di relazioni extraconiugali, felicità e condizionatori
Firme
CONDIVIDI
Cos'è l'amore e perché rimane un mistero bellissimo che la scienza non sa spiegare
Aumentano le app di incontri, ma ci s'innamora sempre meno: è che abbiamo confuso la chimica dell'attrazione con le affinità