Laura Boldrini e gli insulti sessisti resi pubblici

Da quando la presidente della Camera dei deputati è stata eletta ha ricevuto tantissime minacce e frasi offensive: nella Giornata contro la violenza sulle donne ha deciso di rendere pubblici alcuni di questi insulti

Da quando Laura Boldrini è presidente della Camera –un ruolo che, va ricordato a quanti rivendicano il diritto d'esprimere vivace disaccordo col suo "programma politico", è di tipo istituzionale – non è passato giorno senza che le venissero indirizzati, in orribile crescendo, i più vomitevoli insulti personali: soprattutto, ma non solo, sui social network. Minacce d'impensabile violenza, improperi da voltastomaco, dettagliate descrizioni di fantasie criminali e malate, spia d'un sessismo feroce e diffuso cui s'aggiunge il razzismo (che è un'aggravante, e non una parziale giustificazione), visto che alla presidente viene imputato soprattutto un eccesso d'empatia nei confronti di profughi e migranti.

Advertisement - Continue Reading Below

In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, Laura Boldrini ha reso pubblici alcuni di quei messaggi e i nomi dei loro autori. E ha fatto bene, perché una società decente non può rimuovere dal suo orizzonte il principio di responsabilità. Ma non basta. Perché se il trattamento riservato alla nostra presidente della Camera va ben oltre il sopportabile (e le opinioni politiche, davvero, non c'entrano), tutta quella spaventosa violenza era lì, da anni, sotto i nostri occhi. La domanda è imbarazzante, ma tocca farsela: come abbiamo potuto sopportarla?

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...