Laura Boldrini e gli insulti sessisti resi pubblici

Da quando la presidente della Camera dei deputati è stata eletta ha ricevuto tantissime minacce e frasi offensive: nella Giornata contro la violenza sulle donne ha deciso di rendere pubblici alcuni di questi insulti

Da quando Laura Boldrini è presidente della Camera –un ruolo che, va ricordato a quanti rivendicano il diritto d'esprimere vivace disaccordo col suo "programma politico", è di tipo istituzionale – non è passato giorno senza che le venissero indirizzati, in orribile crescendo, i più vomitevoli insulti personali: soprattutto, ma non solo, sui social network. Minacce d'impensabile violenza, improperi da voltastomaco, dettagliate descrizioni di fantasie criminali e malate, spia d'un sessismo feroce e diffuso cui s'aggiunge il razzismo (che è un'aggravante, e non una parziale giustificazione), visto che alla presidente viene imputato soprattutto un eccesso d'empatia nei confronti di profughi e migranti.

Advertisement - Continue Reading Below

In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, Laura Boldrini ha reso pubblici alcuni di quei messaggi e i nomi dei loro autori. E ha fatto bene, perché una società decente non può rimuovere dal suo orizzonte il principio di responsabilità. Ma non basta. Perché se il trattamento riservato alla nostra presidente della Camera va ben oltre il sopportabile (e le opinioni politiche, davvero, non c'entrano), tutta quella spaventosa violenza era lì, da anni, sotto i nostri occhi. La domanda è imbarazzante, ma tocca farsela: come abbiamo potuto sopportarla?

More from Gioia!:
Nessun avevva dubbi su quale fosse la natura della relazione di Katie Holmes e Jamie Foxx, ma dopo quattro anni l'embargo è stato sollevato, e ora possono farsi fotografare in pubblico.
Firme
CONDIVIDI
Katie e Jamie: storia di un amore segreto
Dopo quattro anni di smentite la storia con Jamie Foxx è confermata, ma riuscirà l'amore a sopravvivere all'ufficialità?
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame: il potere dell'amore renderà possibile l'integrazione
Calcolando che già ad oggi il cognome più diffuso a Milano non è Brambilla, ma Hu e ormai iniziano a esserci generazioni di cinesi milanesi...
serie-tv-problema-di-coppia-guia-soncini
Firme
CONDIVIDI
Le serie tv ora sono un problema di coppia
Le mie amiche si annoiano con Narcos, i mariti si addormentano con Fleabag, ma divani separati mai: cominci con Netflix e poi...
Firme
CONDIVIDI
Figli: fino a che età è giusto mantenerli?
I figli hanno diritto ad essere mantenuti fino a una certa età, i genitori, d'altra parte, a scaricarli dopo una certa età
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, l'agonia dell'ascoltare i racconti delle vacanze altrui
Armati di sorriso standard e tanta pazienza iniziamo a giro antiorario, con telefono per un supporto fotografico, a sentire gli...
Insieme al marito Mark Zuckerberg, Priscilla Chan ha scritto su Facebook una lettera, alla neonata figlia secondogenita, piena di buoni sentimenti e riassumibile in: stai lontana da Facebook
Firme
CONDIVIDI
Cara Priscilla, devi comprare un giardino più grande (per Mark)
O qualunque altra cosa possa servire a tenerlo lontano da Facebook
Bruce Springsteen concerto Broadway
Firme
CONDIVIDI
Quando il desiderio rimane in standby
E poi cerchi di consolarti dicendoti che lo spettacolo di Bruce Springsteen sarà insignificante
Firme
CONDIVIDI
Anche una pacca sul sedere è molestia sessuale
La popstar ha vinto in tribunale contro un dj che l'aveva palpeggiata: anche questo è un abuso, che non può essere accettato o sminuito
Helen Mirren film Paolo Virzì
Firme
CONDIVIDI
Niente «cose da vecchia» per Helen Mirren se il regista è Virzì
L'attrice 71enne recita in Elle & John, film «di malati terminali», e Paolo Virzì le ha spiegato un'ovvietà: si ammalano anche i giovani
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, mi manca l'inverno e la vita che scorre
Mi manca quel freddo tagliente, il Natale (oh, manca poco!), lo shopping dei maglioni nuovi, il divano e il plaid, il «No, oggi non esco,...