Ma alla fine al referendum voteremo su Renzi

Il cuore del referendum del 4 dicembre 2016 diventa sempre più un voto sui mille giorni di governo del primo ministro, più che sull'abolizione o meno del bicameralismo perfetto

Il cuore del referendum del 4 dicembre non è l'abolizione o meno del bicameralismo perfetto e neppure la riduzione del numero dei senatori o la riforma delle autonomie regionali. L'anima autentica di questa consultazione è il voto su Renzi e i suoi mille giorni di governo. Quel voto che il premier non ha ancora avuto, essendo arrivato a palazzo Chigi senza passare dalle elezioni politiche.

Nelle ultime settimane il fronte del sì ha provato a spersonalizzare la battaglia, sganciando l'esito del referendum dal futuro politico del Primo ministro. A mio parere, inutilmente. Il fiorentino era andato già troppo avanti, annunciando chiaramente e più volte le proprie dimissioni in caso di sconfitta e trasformando di conseguenza il voto in un plebiscito sul Governo. Del resto, come testimoniano molti sondaggi, gli italiani non conoscono nel dettaglio la riforma che sono chiamati a votare, né le attribuiscono particolari effetti taumaturgici. In effetti, la modifica del Parlamento sembra rispondere a esigenze di alcuni decenni fa, quando era ancora il cuore del sistema.

Advertisement - Continue Reading Below

Oggi decidono per lo più gli esecutivi: a Strasburgo, l'elettività dell'assemblea non ha giovato all'Unione Europea e alla sua capacità decisionale. Quanto all'Italia, da tempo sugli scranni di Camera e Senato siedono onorevoli nominati dai partiti secondo criteri di fedeltà più che di competenza e autonomia. Insomma, il parlamentarismo è al tramonto da un pezzo. E questo referendum, pur affrontandone apparentemente i nodi, nella realtà mette al centro un giovane premier, i suoi successi, i suoi errori. Ecco perché la sua leadership non potrà non essere toccata profondamente dall'esito del voto. Perfino al di là di meriti e demeriti. È un voto velenoso, comunque la si pensi. Un voto che spacca l'Italia in due e accumula frustrazioni più che promesse. Un voto la cui potenziale carica distruttiva poteva e doveva essere evitata.

More from Gioia!:
Jovanotti cita Dalla
Firme
CONDIVIDI
Jovanotti non teme l'effetto nostalgia
Nel brano Oh, vita!, anticipazione del nuovo album che esce a dicembre, cita Futura di Lucio Dalla: ci vuole coraggio per farlo
Firme
CONDIVIDI
Felicità è portare i pantaloni con l'elastico
Se hai deciso che non te ne frega niente di farti guardare, tirarti a lucido è una cosa che non serve quasi mai
Bellezza e diversità  Lupita Nyong'o
Firme
CONDIVIDI
La bellezza non è più femminile singolare
Oggi per distinguersi c'è un solo modo: essere diverse, come Lupita Nyong'o, che non rinuncia ai suoi capelli afro
È ufficiale: Chiara Ferragni e Fedez aspettano il loro primo figlio, ecco perché sarà un bambino molto fortunato.
Firme
CONDIVIDI
Cara Chiara, sarai una madre favolosa
Perché possiedi un superpotere fondamentale per sopravvivere a questi tempi qui
Mamme permalose bambini
Firme
CONDIVIDI
Nessuno è permaloso come una mamma
Le madri di oggi sono, nell'eloquio, indistinguibili da come scriverei una parodia di mia madre
Kris Jenner con la figlia Kim Kardashian
Firme
CONDIVIDI
Cara Kris, le Kardashian non esisterebbero senza di te
Nessuna delle tue figlie sarebbe così com'è ora se tu non avessi avuto l'idea di farne lo spettacolo di questa generazione
Parità stipendio donne
Firme
CONDIVIDI
Equo compenso, non si tratta solo di soldi
Quando pretendiamo una retribuzione pari a quella degli uomini per il nostro lavoro stiamo parlando anche di dignità
Figli calo nascite
Firme
CONDIVIDI
Ma tu un figlio lo vorresti?
Se è vero che i giovani rinunciano ad avere bambini per cause di forza maggiore, perché 
non sono arrabbiati?
Non più un intoccabile di Hollywood, il molestatore delle dive Harvey Weinstein ci obbliga a una riflessione in più: oltre all'indignazione e alla solidarietà, dobbiamo essere capaci di raffinare l'analisi ed emanciparci da ruolo di vittime perfette.
Firme
CONDIVIDI
Cara Blythe, le figlie devono imparare a difendersi da sole
Se Gwyneth è in grado di badare a se stessa, che bisogno aveva di una lettera della sua mamma al giornale che l'ha criticata?
Firme
CONDIVIDI
Il maniaco senza qualità è peggio di Weinstein
C'è chi pensa di poterti saltare addosso senza possedere punti di forza evidenti, e senza che tu gli abbia dato il via libera