Ma alla fine al referendum voteremo su Renzi

Il cuore del referendum del 4 dicembre 2016 diventa sempre più un voto sui mille giorni di governo del primo ministro, più che sull'abolizione o meno del bicameralismo perfetto

Il cuore del referendum del 4 dicembre non è l'abolizione o meno del bicameralismo perfetto e neppure la riduzione del numero dei senatori o la riforma delle autonomie regionali. L'anima autentica di questa consultazione è il voto su Renzi e i suoi mille giorni di governo. Quel voto che il premier non ha ancora avuto, essendo arrivato a palazzo Chigi senza passare dalle elezioni politiche.

Nelle ultime settimane il fronte del sì ha provato a spersonalizzare la battaglia, sganciando l'esito del referendum dal futuro politico del Primo ministro. A mio parere, inutilmente. Il fiorentino era andato già troppo avanti, annunciando chiaramente e più volte le proprie dimissioni in caso di sconfitta e trasformando di conseguenza il voto in un plebiscito sul Governo. Del resto, come testimoniano molti sondaggi, gli italiani non conoscono nel dettaglio la riforma che sono chiamati a votare, né le attribuiscono particolari effetti taumaturgici. In effetti, la modifica del Parlamento sembra rispondere a esigenze di alcuni decenni fa, quando era ancora il cuore del sistema.

Advertisement - Continue Reading Below

Oggi decidono per lo più gli esecutivi: a Strasburgo, l'elettività dell'assemblea non ha giovato all'Unione Europea e alla sua capacità decisionale. Quanto all'Italia, da tempo sugli scranni di Camera e Senato siedono onorevoli nominati dai partiti secondo criteri di fedeltà più che di competenza e autonomia. Insomma, il parlamentarismo è al tramonto da un pezzo. E questo referendum, pur affrontandone apparentemente i nodi, nella realtà mette al centro un giovane premier, i suoi successi, i suoi errori. Ecco perché la sua leadership non potrà non essere toccata profondamente dall'esito del voto. Perfino al di là di meriti e demeriti. È un voto velenoso, comunque la si pensi. Un voto che spacca l'Italia in due e accumula frustrazioni più che promesse. Un voto la cui potenziale carica distruttiva poteva e doveva essere evitata.

More from Gioia!:
Firme
CONDIVIDI
Un po' di Xanax e passa tutto
Un secolo dopo il Prozac che ci tirava su, ci serve una cosa che ci tiri giù (dall'ansia)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, il nuovo Apple store dimostra che questa è una città pulsante
Lo stanno ancora costruendo, ma il negozio del colosso hi tech che sorgerà in Piazza Liberty mi ha acceso l'anima: Milano non resta ferma,...
Firme
CONDIVIDI
A proposito del matrimonio di Jessica Chastain
I giornali americani hanno esaltato il fatto che il marito è nobile: contessa è un titolo più monetizzabile di star di Hollywood?
Firme
CONDIVIDI
Litigare per lo ius soli non è Smart
L'Italia è il Paese della burocrazia, però a noi di Gioia! piace la gente sveglia, che fa: per loro abbiamo creato gli Smart awards
Dopo la nascita dei gemelli Elle e Alexander, Amal e George Clooney si accorgeranno che le altre mamme hanno sempre ragione: sono uscite dai forum di internet e hanno conquistato il mondo.
Firme
CONDIVIDI
Cara Amal, difendici dalle mamme
Ti accorgerai presto che il mondo è diventato un gigantesco circolo di madri che sanno tutto, prima, e meglio di te
Firme
CONDIVIDI
Perché gli alberghi sono peggio degli amanti
Ho tradito il mio solito hotel con un cinque stelle lusso e, come tutte le fedifraghe, mi sono pentita
Milano Zucchero e catrame come sopravvivere al caldo (la triste verità)
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, ma allora fa caldo!
«Milano città del nord e quindi fresca» mai luogo comune è stato più errato e lo scopri (tristemente) solo vivendoci
Firme
CONDIVIDI
Multitasking non è un complimento
Andare in corto circuito, fino a dimenticare un bambino in auto: ma a mandarci in tilt sono le aspettative sociali
Dopo anni passati a essere considerata una rovinafamiglie, la duchessa di Cornovaglia Camilla Parker Bowles ha guadagnato il titolo di regina d'Inghilterra e dei modelli da imitare.
Firme
CONDIVIDI
Cara Camilla, sei la nostra regina
Perché ci hai insegnato le virtù della pazienza, e il segreto della felicità
Firme
CONDIVIDI
Milano Zucchero e Catrame, le cose che odio di questa città che amo
Mi fa sentire a casa, ma ci sono certe questioni di questo posto che proprio non mi vanno giù: i citofoni tecnologici, le zanzare, i numeri...